Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 226 volte

Benevento, 10-07-2024 12:58 ____
Ho votato a favore dell'approvazione della proposta di delibera per la richiesta di referendum abrogativo della legge sull'Autonomia Differenziata
Lo ritengo un progetto scellerato non perche' contro il Sud ma che frammenta le grandi politiche pubbliche nazionali, afferma Luigi Abbate, consigliere regionale del Pd
Redazione
  

Nell'ultima seduta di Consiglio regionale, il consigliere regionale sannita, Gino Abbate (foto), ha votato a favore dell'approvazione della proposta di delibera per la richiesta di referendum abrogativo della legge sull'autonomia differenziata.
"Ritengo, infatti - spiega - che l'autonomia differenziata sia un progetto scellerato non perché contro il Sud ma poiché frammenta le grandi politiche pubbliche nazionali indebolendo la loro capacità di costruire un Paese migliore, perché lega i diritti del cittadino ai luoghi dove essi vivono, perché esclude il Parlamento dalle scelte più importanti, oggi, e in futuro.
L'Ufficio Parlamentare di Bilancio ha ribadito quello che sapevamo da sempre e cioè che in un Paese già gravemente diviso i Lep non sono una presa in giro, richiedono risorse aggiuntive perché in ritardo e questo presuppone o uno spostamento di risorse da chi sta meglio a chi sta peggio (politicamente impraticabile), o uno sviluppo sostenuto (che non c'è e probabilmente non ci sarà), oppure un aumento delle tasse.
La legge Calderoli, invece impone l'invarianza di spesa, a questo punto il rischio di una frammentazione insostituibile per il bilancio e per il Paese è reale.
Quindi, occorre una lunga e paziente ricostruzione di un pensiero politico generale, che parta proprio dalla centralità della lotta alle diseguaglianze, dalle grandi politiche pubbliche a cominciare dalla Sanità, dall'Istruzione, dal Welfare.
E' un'iniziativa, la legge, che cristallizza invece gli attuali divari in termini di risorse regionali senza alcun meccanismo di perequazione.
L'auspicio è la lotta per uno Stato che si impegni comunque per far rispettare i diritti costituzionali, soprattutto quelli menzionati dall'articolo 3 della Costituzione che sancisce il principio di uguaglianza sostanziale dei cittadini e che abbia gli strumenti per rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l'uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione dei cittadini all'organizzazione politica, economica e sociale del paese.
Delle 23 materie previste dall'autonomia differenziata troviamo scuola, salute, università, attività produttive, lavoro, infrastrutture, energia, tutela del paese e del paesaggio, beni culturali, ambiente, protezione civile ma in realtà non avviene tutto questo adesso!
In realtà, l'autonomia differenziata è solo l'ultima di una serie di trasformazioni che, in ambito italiano e europeo, hanno indotto i sistemi politici verso forme sempre più spinte di regionalizzazione.
In Italia, la storia è iniziata negli anni '80, è sfociata nel 2001 con la riforma del titolo V che ha determinato il passaggio di alcune materie da legislazione esclusiva dello stato a concorrente di stato e regioni.
La Lega che oggi si racconta come il partito del "prima gli italiani", che si avalla della difesa degli interessi nazionali, è stato il partito che ha maggiormente spinto alla fine degli anni '80 per la dissociazione dal nord, nonostante l'Unita d'Italia abbia dimostrato che chi beneficiato maggiormente delle politiche statali sia stato proprio il Nord.
La lega ha creato una narrazione basata sulle fake news, vittimismo, odio verso i terroni e ha lavorato facendo gli interessi della classe imprenditoriale settentrionale.
Su questi e altri temi la sinistra ha passivamente seguito l'agenda politica della destra arrivando, quando era al Governo, alla riforma del Titolo V, addirittura si è continuato a sbagliare quando il già dimissionario Governo Gentiloni ha approvato a quattro giorni dalle elezioni del marzo 2018 e si è preso, dunque, la responsabilità di firmare una pre intesa sull'autonomia differenziata.
Arrivata a Palazzo Chigi poi grazie al Movimento 5 Stelle, la Lega ha imposto, fin da subito, un contratto di Governo su questa tema e i grillini, invece di alzare barricate, si sono dimostrati sub alterni.
La verità è che si sta accentrando una linea coerente con la missione primordiale dell'Unione Europea, cioè rinvigorire il profitto attraverso lo svuotamento degli asset pubblici, il controllo dei monopoli naturali, la privatizzazione dei servizi.
Un attentato alle aree interne che continueranno a svuotarsi a favore delle regioni più ricche privilegiando sempre più le classi sociali più abbienti.
In realtà, la situazione che stiamo vivendo è un periodo piuttosto buio e angosciante perché, accanto all'autonomia differenziata c'è il premierato, c'è la riforma della Giustizia.
Con questo voto, la Campania diventa ufficialmente la prima Regione a chiedere il referendum abrogativo.
Al contrario di quanto espresso da noi come maggioranza, c'è stato un centrodestra, invece, a far fronte comune sul "no", con Fratelli d'Italia, Forza Italia e Lega che hanno espresso voto contrario.
Il Consiglio regionale della Campania ha approvato una seconda proposta di delibera per il referendum abrogativo sull'autonomia differenziata.
A differenza del primo quesito approvato, questo prevede la cancellazione limitatamente ad alcune parti della legge numero 86 del 36 giugno 2024.
La proposta ha ottenuto il voto favorevole da parte di tutti i 35 consiglieri presenti in aula.
La decisione di presentare anche un secondo quesito nasce dalla possibilità che quello relativo all'abrogazione totale della legge possa essere ritenuto inammissibile".

comunicato n.164982



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 475602705 / Informativa Privacy