Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 155 volte

Benevento, 08-07-2024 13:18 ____
Presentato l'accordo di collaborazione istituzionale sul ciclo dei rifiuti
Si tratta della realizzazione dell'impianto di trattamento della frazione organica nell'area Stir di Casalduni e degli interventi funzionali alla messa in esercizio dell'impianto di discarica di Sant'Arcangelo Trimonte
Redazione
  

Nella Sala consiliare della Provincia, si è svolta la conferenza stampa di presentazione dell'accordo di collaborazione istituzionale tra Regione Campania, Provincia di Benevento, Ente d'Ambito di Benevento, e le società per i ciclo rifiuti Samte e SapNa per la realizzazione dell'impianto di trattamento della frazione organica nell'area Stir di Casalduni e gli interventi funzionali alla messa in esercizio dell'impianto di discarica di Sant'Arcangelo Trimonte.
Hanno preso parte ai lavori: il presidente della Provincia Nino Lombardi, il vice presidente dell'Ente d'Ambito, Rossano Insogna, il consigliere provinciale delegato alla Gestione Rifiuti, Umberto Panunzio, l'assessore comunale all'Ambiente, Alessandro Rosa, l'amministratore unico della Samte, società partecipata della Provincia, Domenico Mauro, l'amministratore unico della società Asia di gestione del ciclo rifiuti nel capoluogo Benevento, Domenico Madaro, il dirigente della Provincia, Nicola Boccalone.
Presente anche il vice presidente della Provincia, Alfonso Ciervo.
Nel presentare l'accordo, che mobilita complessivamente sul territorio sannitaoltre 43 milioni di euro, a valere sul Bilancio regionale, il presidente della Provincia Lombardi ha dichiarato: "Prosegue l'attività posta in essere da questa Provincia per la normalizzazione e il rilancio del ciclo rifiuti nel Sannio.
In questi ultimi mesi, con il conseguimento del ritorno "in bonis" della società partecipata Samte, altri risultati importanti, d'intesa con la Regione Campania, sono stati conseguiti, anche con l'intervento della stessa Samte: la messa in sicurezza di discariche "post mortem" e la rimozione delle migliaia di tonnellate di rifiuti tal quale depositati da decenni a Toppa Infuocata nel territorio di Fragneto Monforte per essere avviati allo smaltimento nel Nord Europa.
Oggi aggiungiamo un altro tassello a quest'opera di ricostruzione, riassetto, normalizzazione e rilancio della gestione del ciclo rifiuti nel Sannio.
Presentiamo l'accordo di collaborazione istituzionale tra Regione Campania, Provincia di Benevento, Ente d'Ambito di Benevento, e le società per i ciclo rifiuti Samte e SapNa per la realizzazione dell'impianto di trattamento della frazione organica nell'area Stir di Casalduni e gli interventi funzionali alla messa in esercizio dell'impianto di discarica di Sant'Arcangelo Trimonte.
L'accordo istituzionale, promosso dalla Regione, riattiva lo Stir di Casalduni, nei conferimenti nella discarica di Sant’Arcangelo Trimonte (lotto 2) e nella realizzazione, sempre a Casalduni, di un biodigestore anaerobico e di una stazione di trasferenza.
L'intera filiera è bloccata dall’agosto 2018 a seguito di un incendio allo Stir di Casalduni e dalla chiusura della discarica di Sant'Arcangelo Trimonte.
Il tutto, ad oggi, si traduce, a causa del trasferimento nei siti fuori provincia, in un aggravio dei costi del trattamento rifiuti per il contribuente sannita.
Eppure il Sannio vanta su scala regionale numeri di eccellenza nella raccolta differenziata.
Sul contribuente sannita gravano peraltro anche i costi delle discariche "post mortem", aperte oltre venti anni or sono dall'allora Commissario all’Emergenza rifiuti (la Provincia stima che tale costo sia pari ad oggi ad oltre 13 milioni di euro).
La Regione, che ha il potere d'intervenire sulla gestione, ha con un proprio provvedimento dello scorso mese di maggio, promosso la riattivazione dello Stir di Casalduni e della discarica di Sant'Arcangelo Trimonte: gli interventi verranno eseguiti dalla SapNa, la Società gestisce il ciclo rifiuti nell'area partenopea con la collaborazione di Samte, della Provincia e dell'Ente d’Ambito.
Con l'accordo, a regime, i 78 Comuni sanniti non dovranno più farsi carico dei trasferimenti fuori sede.
La Regione, peraltro, finanzia gli interventi.
L'accordo, infatti, prevede che la titolarità delle operazioni è assunta da Palazzo Santa Lucia.
L'articolo 3, infatti, stabilisce che la Regione si impegna, in qualità di soggetto attuatore, a finanziare e dare corso agli interventi correlati al servizio di: Rimozione, trasporto e smaltimento dei rifiuti abbancati presso lo Stir di Casalduni; Realizzazione, nell'area Stir di Casalduni, dell'impianto di trattamento della frazione organica da raccolta differenziata prodotta nei Comuni della provincia di Benevento, con tecnologia anaerobica e con una capacità complessiva di 27.000 tonnellate annue; Alla rifunzionalizzazione dell'impianto di trattamento meccanico biologico e di realizzazione di una stazione di trasferenza, che, si ritiene importante sottolineare, proprio la Provincia ha richiesto con forza quale asse prioritario strategico.
Inoltre la SapNa rimuoverà le 12mila tonnellate di rifiuti andati a fuoco ed ancora abbancati nello Stir dal 2018 e nell'esecuzione d'interventi finalizzati alla riattivazione dell'invaso di Sant'Arcangelo Trimonte.
La Samte fornisce risorse umane e supporto tecnico per il successo della accordo.
Si stima che la rimozione dei rifiuti accatastati a Casalduni potrà essere completata entro cinque mesi dall'avvio operativo, dunque presumibilmente nei primi mesi del 2025.
Da quel momento, scatterà il cronoprogramma dei nuovi interventi impiantistici:
I lavori saranno realizzati con scadenze intermedie: la prima avrà a oggetto la realizzazione della stazione di trasferenza; la seconda le opere di rifunzionalizzazione dello Stir; la terza le opere relative all'impianto di digestione anaerobica.
La Regione si impegna inoltre a garantire lo svolgimento della procedura per l'affidamento dei lavori necessari alla riapertura e alla messa in esercizio del lotto 2 della discarica di Sant'Arcangelo Trimonte.
Si ritiene, in conclusione, che questo accordo costituisca per la Provincia di Benevento una svolta di rilievo e di valore strategico per la normalizzazione ed il rilancio del ciclo gestionale dei rifiuti nel Sannio: si conseguiranno, infatti, significativi risultati di ottimizzazione dei costi e si consentirà ai cittadini di cogliere appieno gli effetti di un servizio efficiente ed efficace in linea con la matura consapevolezza, mostrata in questi anni dalla stragrande maggioranza della popolazione, circa la necessità di praticare e sostenere la raccolta differenziata su tutto il territorio".
E', quindi, intervenuto il Consigliere delegato Panunzio che ha dichiarato che per il Sannio si intravede finalmente la luce in fondo al tunnel per la gestione rifiuti, grazie a questa intesa interistituzionale tra Enti locali e Regione Campania.
Il consigliere ha quindi sollecitato le procedure di richiesta alla Regione della compensazione dei costi di gestione delle discariche "poste mortem".
L'amministratore unico Samte, Mauro, nel ricordare che è ancora vigente la procedura d'infrazione europea per la gestione dei rifiuti, ha sottolineato dal canto suo l'impegno posto in campo dalla Samte per la sottoscrizione dell'accordo istituzionale che costituisce certamente un atto rilevante per contribuire a ridurre l'importo della infrazione europea.
Mauro ha ricordato che già lo scorso 4 luglio la società partecipata, nel contesto dell'intesa, ha predisposto gli atti relativi alla messa in sicurezza della discarica di Sant'Arcangelo Trimonte ed ha già assegnato alla SapNa sei unità del proprio personale al fine di cooperare alla rimozione dei rifiuti ancora abbancati a Casalduni.
Ha quindi ricordato tutti i provvedimenti e i lavori svolti per la messa in sicurezza delle discariche "post mortem" e per la liberazione del sito di Toppa Infuocata.
Il vice presidente dell'Ente d'Ambito, Insogna, ha comunicato che si è ormai giunti ala meta per quanto riguarda il Piano Industriale dell'Ente d'Ambito.
Tale atto, insieme all'accordo autorizza a sostenere che abbiamo ormai alle spalle il periodo più nero per la gestione del ciclo rifiuti nel Sannio.
La cooperazione istituzionale tra gli Enti e la Regione ha realizzato, così ha concluso Insogna, un importante risultato per il territorio sannita.
L'amministratore unico di Asia Madaro, nel ricordare la lunga gestazione di questo accordo, lo ha definito importante perché il territorio sannita paga la mancanza di impiantistica per il trattamento.
L'Asia è soddisfatta del protocollo tra gli Enti ed ha annunciato di contribuire al superamento delle attuali criticità consegnando entro il prossimo anno impianti funzionanti evitando così che i camion dell'Asia trasportino in giro migliaia di tonnellate di rifiuti.
Il dirigente della Provincia Nicola Boccalone ha sottolineato l'importanza del lavoro svolto per il ritorno "in bonis" della Samte anche al fine di salvaguardare i profili occupazionali.
L'assessore comunale, Rosa, nel ricordare come il Comune capoluogo abbia cooperato per la stesura dell'intesa, si è complimentato per l'accordo raggiunto e sottoscritto da tutti gli attori a dimostrazione dell'importanza e del valore della cooperazione tra le istituzioni per affrontare e risolvere i problemi e le criticità del territorio.
L'assessore ha, quindi, ricordato i progetti in corso a valere sui fondi del Pnrr per il potenziamento e l'efficientamento del servizio rifiuti nel capoluogo.

comunicato n.164947



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 475602505 / Informativa Privacy