Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1765 volte

Benevento, 07-06-2024 22:40 ____
Non va risparmiato un genio cosi' grande. E' giusto ricordare Pino Daniele e farlo rivivere nelle sue canzoni immortali, ha detto Tony Esposito
E' andato via troppo presto e vogliamo tenerlo con noi tutte le volte su un palco. Questo glielo dobbiamo specialmente noi che facciamo parte della sua ideale famiglia artistica. Il musicista delle percussioni ha chiuso la lunga Stagione Artistica dell'Accademia di Santa Sofia
Nostro servizio
  

Si è conclusa con la esibizione di un grande artista, Tony Esposito, la Stagione Artistica dell'Accademia di Santa Sofia diretta artisticamente da Filippo Zigante e Marcella Parziale (nella foto di apertura è con Tony Esposito), che ha proposto al suo pubblico, che l'ha sempre generosamente ricambiata con la sua presenza ed il suo sostegno, una serie di eventi musicali tutti di primaria importanza.
Stasera è stato celebrato Pino Daniele, l'artista partenopeo, prematuramente scomparso.
Insieme a Tony Esposito, si è esibito l'Ensemble composto da: Umberto Aucone sax e arrangiamenti; Sally Cangiano chitarra e voce; Enzo Del Basso percussioni; Domenico De Marco batteria; Pino Mazzarano chitarra; Michele Visconte basso elettrico.
I testi e la narrazione sono stati curati da Monica Carbini.
Ad esibirsi anche le cantanti Irene Carfora e Carlotta Pinto e gli attori-narratori, Anuarite Bisarco e Simone Pucillo.
Prima che lo spettacolo avesse inizio abbiamo intrattenuto una breve conversazione con Tony Esposito, un grande artista che ha portato stasera nuovamente alla memoria di tutti, Pino Daniele.
Non va risparmiato un genio così grande, ci ha subito detto, e nel mio caso un amico fraterno e questo lo dico anche a nome di Tullio De Piscopo, di James Senese che hanno collaborato con lui, con Pino Daniele.
E' giusto ricordarlo e riviverlo in queste canzoni che sono immortali. Dobbiamo altresì ricordare che Pino Daniele è amato da tantissimi artisti di tutto il mondo e non è solo un fenomeno partenopeo o nazionale.
E' andato via troppo presto, ci ha detto ancora Esposito, e dobbiamo tenerlo con noi tutte le volte su un palco e dobbiamo farlo specialmente noi che facciamo parte della sua ideale famiglia artistica.
Io come Tony Esposito stasera sono felice di questa Accademia di Santa Sofia che ha un trascorso così importante e dunque felice in questa occasione di parlare del mio amico Pino.
Il suo genere musicale non può avere il timore di essere contaminato, malamente s'intende, dalle epoche e dalle mode. Noi pensiamo proprio di no.
Anche io ci ha risposto Tony Esposito, la penso come lei.
Quest'anno sono i quarant'anni di una mia canzone che ha avuto un successo formidabile, "Kalimba de Luna". Il genere è in realtà quello del popolo.
Sono i ritmi, i tamburi, la musica popolare. Quelli non vengono scalfite dalle mode che magari sono futili ed anche discutibili, ma veloci.
Lo dimostra il fatto che faccio tanti concerti per il mondo, ha concluso Tony Esposito, portando anche la mia città e la mia cultura mediterranea in giro perché mi propongo come musicista.
Non sono un fenomeno cantautorale ed il mio genere non è legato ad un epoca, ma al mio mondo ed al popolo.
A questo punto, con il pubblico già in sala ha avuto inizio il concerto che ha toccato le corde del sentimento dei tanti presenti. Non sono mancate, ovviamente, le interpretazioni delle canzoni più conosciute di Pino Daniele.

 

 

 

 


 

comunicato n.164428



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 471883005 / Informativa Privacy