Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 235 volte

Benevento, 13-05-2024 09:52 ____
Cresce l'attesa per l'evento di chiusura dell'edizione 2024 del Festival Filosofico del Sannio "Stregati da Sophia"
Mercoledi' prossimo, 15 maggio, si terra' al Teatro San Marco di Benevento la lectio magistralis del cantautore Roberto Vecchioni
Redazione
  

Attesa per la chiusura dell'edizione 2024 del Festival Filosofico del Sannio "Stregati da Sophia".
Mercoledì prossimo, 15 maggio, si terrà, alle 16.00, al Teatro San Marco di Benevento la lectio magistralis del cantautore Roberto Vecchioni, che relazionerà sul tema "L'importanza del linguaggio".
Facendo riferimento al suo libro "Lezioni di volo e di atterraggio", verrà evidenziata la conoscenza e l'uso corretto delle parole per la costruzione del linguaggio.
"I confini del mio linguaggio sono i confini del mio mondo.(Wittgenstein).
Noi - si legge nella nota inviata alla Stampa - siamo le parole che conosciamo, la lingua che riusciamo a usare.
Più questa è ricca, più la sappiamo articolare, più saranno ricchi e articolati i nostri pensieri e il nostro essere, più saremo padroni coscienti di noi stessi, più potremo essere liberi e creativi.
Nelle Giornate di Follia, come Vecchioni le definiva, incontrava i suoi allievi in un parco, ci si metteva spari, chi in piedi, chi sdraiato, dopodiché s'iniziava.
Questo era il gioco, questa la sfida: aggirare l'ovvio, non ripetere il risaputo, bucare il tempo, aprire strade, sondare il possibile, il parallelo, l'alternativo.
Poteva durare anche a lungo questo aggrovigliarsi di nuvole e mondi, ma si atterrava, prima o poi si atterrava sempre.
E' gioco, sfida, provocazione. E' gettare un sasso e contare i cerchi che si allargano sull'acqua. Porte che si aprono su altre porte, senza mai fermarsi alla prima".
Roberto Vecchioni è un cantautore, paroliere, scrittore, poeta ed è stato anche docente di latino e greco, docente di Forme di Poesia in musica all'Università di Pavia, ed è membro della Giuria dei Letterati del Premio Campiello.
Più volte vincitore di premi e riconoscimenti, nelle sue canzoni ha affrontato temi impegnativi, autobiografici e sociali, con accenti spesso amari, costruzioni complesse con il ricorso a riferimenti letterari, filosofici nella elaborazione dei testi.
Ha inciso, nel 1971, il suo primo album ma è stato nel 1977 che ha ottenuto la fama presso il grande pubblico con il suo maggiore successo, Samarcanda.
Nel 1983 ha vinto il Premio Tenco e nel 1992 il Festivalbar.
Nel 2011 ha vinto il Festival di Sanremo con la canzone "Chiamami ancora amore" e gli è stato inoltre conferito il Premio della Critica "Mia Martini" nella sezione Artisti.
A dicembre 2014 ha debuttato sul grande schermo nel ruolo di Vito nel film di Sergio Castellitto "Nessuno si salva da solo".
Tra i suoi romanzi ricordiamo: "Le parole non le portano le cicogne"( 2000); "Il libraio di Selinunte" (2004); "Diario di un gatto con gli stivali" (2006); "Scacco a Dio" (2009); "Il mercante di luce" (2014); "La vita che si ama. Storie di felicità" (2016); "Lezioni di volo e di atterraggio" (2020); "Tra il silenzio e il tuono" (2024).
Seguirà la cerimonia delle premiazione dei ragazzi vincitori del concorso "Io Filosofa/o" con l'attribuzione delle borse di studio e l'ntervento musicale a cura del Conservatorio "Nicola Sala" di Benevento.
Saluti istituzionali saranno portati da: Clemente Mastella, sindaco di Benevento; Gerardo Canfora, rettore Università degli studi del Sannio; Antonella Tartaglia Polcini, assessore alla Cultura del Comune di Benevento.
Introdurrà e coordinerà: Carmela D'Aronzo, presidente associazione culturale filosofica "Stregati da Sophia".  

comunicato n.163941



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 408125738 / Informativa Privacy