Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 305 volte

Benevento, 29-03-2024 17:35 ____
Via Crucis all'Istituto Minorile di Airola nel giorno in cui i cristiani celebrano la passione e la crocifissione di Gesu' Cristo
L'evento si e' svolto nel giardino del carcere, le quattordici invocazioni che concludono i testi per la Via Crucis sono state scritte dai detenuti del carcere di Padova, adulti e minori, testi che sono stati poi ripresi a piazza San Pietro
Redazione
  

Si è tenuta la celebrazione della Via Crucis all'Istituto Minorile di Airola, nel giorno in cui i cristiani celebrano la passione e la crocifissione di Gesù Cristo.
A partecipare a questa iniziativa, la direttrice dell'Ipm, Eleonora Cinque, il magistrato di Sorveglianza, Margerita Di Giglio, il garante campano delle Persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale, Samuele Ciambriello, il sindaco di Airola, Michele Napoletano, il vicesindaco, il cappellano dell'Ipm, don Liberato Maglione, e il vescovo di Sant'Agata dei Goti, monsignor Giuseppe Mazzafaro.
La Celebrazione si è svolta nel giardino del carcere, le quattordici invocazioni che concludono i testi per la Via Crucis sono state scritte dai detenuti del carcere di Padova, adulti e minori, testi che sono stati poi ripresi a piazza San Pietro.
Subito dopo il garante e parte del suo staff, si sono trattenuti in un pranzo conviviale con i ragazzi, hanno donato loro le pastiere napoletane per festeggiare insieme la Santa Pasqua.
"Dopo la via crucis all'interno dell'Istituto, dove abbiamo ricordato Gesù morto innocentemente in croce, il mio primo pensiero - ha commentato Ciambriello - va a tutti gli innocenti della storia che hanno sofferto una ingiusta condanna.
Ogni volta che entro nell'Ipm di Airola, dal lontano '89 questo carcere, ex prigione-scuola, come volontario o come presidente dell'associazione “La Mansarda” che accoglieva minori in difficoltà e anche ogni volta che vedo questi ragazzi incontro sempre un mondo nascosto dove con gli sguardi comprendo con chiarezza che avrei potuto esserci io al posto loro qualora la mia vita avesse preso una direzione diversa.
Il carcere, anche quello minorile, continua a seppellire uomini vivi, adolescenti a metà.
Ci sono ragazzi dai 14 ai 16 anni che sono già papà e allora mi chiedo come hanno potuto vivere la genitorialità?
Credo che ci sia un mare fuori così come c'è un male fuori, una gioventù sospesa che non ha conosciuto la bellezza, l'affettività l'uguaglianza, la cultura...
Allora penso che anche in un istituto minorile accanto alla custodia ci debba essere l'accudimento e chi lo deve fare questo accudimento?
La prevenzione di questi minori a chi spettava?
Voglio ringraziare pubblicamente la Direzione del carcere di Airola, la Polizia Penitenziaria e l0area educativa, ma noi dobbiamo renderci conto che anche quando ci sono criticità in un carcere, come quello di Airola, non bisogna far rimbalzare la notizia come se fosse una rivolta o una questione generale.
Lì non ci sono aspiranti sacerdoti, lì dentro non ci sono ragazzi in un collegio, dobbiamo avere la capacità di ascoltare di più e quando ci sono criticità dobbiamo cercare di non allentare subito chi la crea.
Vedo tante volte questi ragazzi che viaggiano da un Istituto all'altro come se fossero dei pacchi.
Mi auguro un’attenzione maggiore da parte della società civile.
Ringrazio il vescovo di Cerreto Sannita e Sant'Agata dei Goti per l’attenzione che ha verso questi ragazzi, le cui conclusioni sono state molto apprezzate dai ragazzi anche per il suo stile molto umano e cordiale.
Abbiamo bisogno di creare meno muri e più punti di convergenza, più ponti. Meno muri e più punti di aiuto".  

comunicato n.163170



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 400053116 / Informativa Privacy