Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 159 volte

Benevento, 09-02-2024 18:55 ____
Assemblea provinciale di Cia Benevento. Il 2023 si e' chiuso in negativo per l'agricoltura sannita a causa delle condizioni climatiche sfavorevoli
Il presidente Fusco ha relazionato anche sulla problematica dei cinghiali ringraziando la Regione per aver attuato il piano di abbattimento di circa 3.500 ungulati, partito oggi
Redazione
  

Si è svolta nel salone "Avolio", l’Assemblea provinciale di Cia Benevento.
Presenti il presidente provinciale Carmine Fusco, il presidente regionale, Raffaele Amore, e il direttore provinciale, Pasquale Spitaletta, che ha introdotto e coordinato gli interventi.
Il direttore Spitaletta ha effettuato un excursus di tutte le proposte e iniziative messe in campo dall'associazione a tutela del comparto e degli imprenditori agricoli, fino a scendere in piazza a Roma lo scorso ottobre.
Nel corso dell'assemblea, i vertici hanno illustrato la piattaforma politica di Cia, da sempre al fianco di agricoltori e imprenditori agricoli.
"Il 2023 si è chiuso in negativo per l'agricoltura sannita a causa delle condizioni climatiche sfavorevoli, abbiamo avuto forti perdite di produzione in tutti i comparti, dal cerealicolo all'olivicolo e vitivinicolo, che ha subito perdite per oltre il 60%.
Il futuro è incerto e c'è bisogno di programmazione", ha affermato il presidente, Carmine Fusco.
"Prioritario per Cia Benevento l'intervento irriguo relativo alla diga di Campolattaro.
Si tratta di un problema serio che investirà il nostro futuro e la sopravvivenza delle nostre aziende: con il cambiamento climatico è necessario il recupero delle sorgenti d'acqua.
Inizialmente, il territorio sannita non era stato nemmeno preso in considerazione per quanto riguarda l’uso irriguo dell'invaso ma nei tavoli istituzionali ci siamo battuti con forza affinché si arrivasse a un progetto che includesse circa 18mila ettari delle nostre aree rurali. Inoltre, sarà costruito un potabilizzatore ai piedi della diga che soddisfi anche l’area del Fortore".
Fusco ha poi relazionato sulla problematica dei cinghiali, ringraziando la Regione per aver attuato "il piano di abbattimento di circa 3.500 ungulati, partito quest'oggi".
Si è soffermato inoltre sulla burocrazia e le questioni legate a eolico e fotovoltaico, sburocratizzazione e piano pensionistico da rinnovare.
Non meno importanti le tematiche legate ai servizi, in particolar modo scolastici e sanitari: "Senza strategie innovative la nostra terrà continuerà a spopolarsi di giovani".
Il presidente regionale Raffaele Amore, soffermandosi sulle proteste in atto, ha espresso "massima solidarietà a chi sta in piazza.
Cia non ha girato la faccia ma al contrario è da anni che avevamo previsto una situazione sempre più complicata.
C'è bisogno di cambiare approccio culturale, riformare leggi per le acque, il consumo del suolo e la fauna selvatica.
Dovesse andare avanti il progetto di autonomia differenziata ci mobiliteremo a difesa del nostro territorio".

comunicato n.162201



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 392932187 / Informativa Privacy