Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 3003 volte

Benevento, 30-01-2024 16:49 ____
Gli agricoltori essenzialmente del Fortore, senza le insegne di organizzazioni sindacali di categoria, si autoconvocano ed organizzano la protesta
Sono giunti all'esasperazione. Alle stelle i costi delle materie prime e l'Europa li indica come i principali inquinatori del pianeta e toglie loro anche ogni provvidenza sul gasolio agricolo a partire dal 2026. La citta' invasa da oltre 100 trattori
Nostro servizio
  

La protesta degli agricoltori è arrivata anche a Benevento e non poteva essere diversamente.
Oltre un centinaio di trattori si sono dati appuntamento nella tarda mattinata alla Rotonda dei Pentri e poi da lì il lungo corteo, muovendosi in maniera molto lenta, ha attraversato la città fino a tarda sera per poi tornare nuovamente al punto di partenza prima di disperdersi.
Stavolta, ci è stato detto dagli organizzatori, l'intento è stato quello di manifestare procurando il minor fastidio possibile ma non potrà essere sempre così.
Non ci sono state bandiere di organizzazioni sindacali degli agricoltori ma solo quelle italiane, del Tricolore.
Ci siamo organizzati autonomamente, ci hanno detto gli agricoltori, e non abbiamo richiesto nessun aiuto alle organizzazioni sindacali.
La protesta è partita dalle zone essenzialmente del Fortore dove la produzione principale è quella del grano, del foraggio e della zootecnia.
I motivi della protesta sono noti e sono uguali per l'intero Paese al punto che oggi i cortei di "Riscatto agricolo" si sono mossi da varie parti d'Italia, una quindicina, con l'intento poi di organizzare a breve un grande raduno a Roma.
Siamo tutti agricoltori, hanno tenuto a sottolineare. Siamo apolitici e non portiamo con noi alcuna sigla sindacale,.
I motivi principali sono rappresentati essenzialmente da tutti i rincari che sta subendo l'agricoltura oramai da tempo.
Ci riferiamo al costo del gasolio agricolo, all'Irpef sui terreni ed alla lievitazione dei costi delle materie prime che dobbiamo acquistare per le nostre aziende.
Riguardo poi alla politica ambientale europea, la cosiddetta politica green con la quale vogliono riempire i nostri terreni di pale eoliche ed impianti fotovoltaici, noi non siamo d'accordo.
Noi agricoltori siamo dalla parte dei cittadini e vorremmo che questo nostro messaggio passasse anche attraverso le nostre scuole. Non siamo noi gli inquinatori del pianeta ma semmai le grandi industrie.
Su questo falso assunto partono anche gli obblighi europei. Ed infatti dal 2026 non ci saranno più le agevolazioni di cui abbiamo goduto finora sull'acquisto del gasolio per l'agricoltura.
Come risolvere questo problema nessuno ce lo dice.

 

 

 

 

 

comunicato n.161976



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 392935673 / Informativa Privacy