Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 672 volte

Benevento, 17-02-2017 10:40 ____
Piero Mancini torna in campo con una sua nota sull'Asia e sobbalza dopo aver letto di affermazioni dei dipendenti ex Russo e Despar
Cosa accade in quell'azienda in vista delle elezioni e dei ballottaggi e chi deve fare chiarezza su tutto cio'?
Redazione
  

Piero Mancini (foto) torna in campo con una sua nota sull'Asia e sobbalza dopo aver letto di affermazioni dei dipendenti ex Russo e Despar.
"Caro direttore - scrive Mancini - la linea editoriale del suo giornale mi sembra chiara: dare voce anche a chi non ha voce.
A chi ha cose interessanti e di una qualche importanza, da manifestare.
Anche se ciò risulta non gradito ai detentori del potere amministrativo, politico e economico, nella nostra città e provincia.
Questo "diritto di tribuna" e possibilità di partecipazione attiva nella polis, è stato utilizzato negli ultimi giorni anche dai lavoratori ex Russo e Despar.
In polemica con il presidente, dell'Asia hanno prodotto documenti molto utili e interessanti.
Ad esempio, nell’ultimo, pubblicato sabato 11: "Prosegue il confronto tra i lavoratori ex Russo e Despar ed il presidente dell'Asia", con un sobbalzo ho letto: "Soprattutto fare chiarezza su ciò che succede in vista di elezioni e ballottaggi".
Cosa accade nell’Asia, in vista delle elezioni e dei ballottaggi?
Chi deve fare chiarezza?
Si potrebbe iniziare, a fare chiarezza, chiedendolo al presidente dell'Azienda, già lunedì prossimo, essendo stato convocato dalla Commissione Ambiente, del Comune.
Ovvero, dai suoi datori di lavoro, anche se il presidente questo lo dimentica spesso, agendo come se l'Azienda non fosse proprietà del Comune, e dei cittadini contribuenti, ma cosa propria, come ha ampiamente dimostrato nella gestione della posizione del dottor Romito, condotta, così sembra, da uomo solo al comando.
Deve essere, questo particolare modus operandi, una peculiarità della Mastella family.
I componenti della Commissione sono, indirettamente, delegati dei cittadini.
Per questo, dovrebbero farsi anche portavoce dei problemi e delle richieste degli stessi.
Motivo che mi spinge a fare una semplice e pubblica richiesta, ai miei delegati, componenti della Commissione: porre la seguente domanda: "Presidente, cosa accade nella nostra azienda, che lei pro-tempore gestisce, in vista delle elezioni e dei ballottaggi?"
I contribuenti ed altre istituzioni, hanno diritto di saperlo.
Per questo, ancora, chiedo di portare a conoscenza della pubblica opinione la risposta, verbalizzata.
In modo che non vi siano ripensamenti e, puerili, tentativi di aggiustamenti.
Con il senno di poi.
Da qualche giorno, il presidente dell’Asia, mostra un preoccupante e crescente nervosismo.
E' entrato furiosamente in rotta di collisione prima con i lavoratori ex Russo e Despar, poi con l'attuale Amministrazione.
Subito, però, per rimediare, ha puntualizzato che voleva accusare la vecchia Amministrazione.
Poi, è corso ulteriormente ai ripari con il suo amico Fausto Pepe e infine, per chiudere, in bellezza e eleganza, la sua plateale ed affannosa esibizione, non ha trovato di meglio che fare una ramanzina a lei. Chapeau!
Accusa, ritratta, puntualizza e insegna.
Che portento: tutto in poche ore!
Addirittura, tenta di dare lezioni di giornalismo con lo stesso comunicato in cui commette il gravissimo errore, giornalisticamente parlando, di non citare la testata dell'autorevole giornale tedesco che il giorno dopo lo avrebbe intervistato.
Errore che si potrebbe facilmente sanare, sempre in Commissione Ambiente, in modo da permettere, agli addetti ai lavori, l'acquisto del giornale tedesco, per conoscere e valutare le sue dichiarazioni.
Dovere di ogni dipendente pubblico: ancor più, se tale dipendente riveste un ruolo di primaria importanza.
In un sistema democratico ciò è un diritto normale, naturale e fondamentale degli amministratori, dei cittadini e della pubblica opinione.
Nel nostro sistema democratico è anche garantita e difesa, giuridicamente, la libertà di voto, tramite la segretezza.
E', non solo, disdicevole moralmente "estorcere" voti a chi viene a trovarsi in uno stato di bisogno o di inferiorità psicologica, nei rapporti sociali o di lavoro e, per questo, facilmente influenzabile e/o ricattabile.
Il presidente dell'Asia non ha gradito un taglio di risorse operato, in stato di necessità, dai suoi datori di lavoro.
Perché si lamenta per così poco, lo strabiliante manager?
Non ha forse dimostrato, perfino ai tedeschi, di essere stato capace di titaniche imprese?
Prima di risanare l'Azienda e, poi, negli ultimi anni, di chiudere perfino con grandissimi avanzi.
Attivi che giustamente rivendica e di cui si vanta in ogni dove.
Oggi, insorge per una sciocchezza del genere?
Le sue riconosciute, a livello mondiale, infinite capacità gli permetteranno sicuramente di vincere anche questa ulteriore sfida e di chiudere agevolmente, fra gli applausi e i complimenti di tutti, il prossimo bilancio in pareggio!
Dopo questo ulteriore exploit, il portentoso presidente, oggi furioso, non potendo più superarsi, dovrebbe darsi una calmata, anche per salvaguardare la sua salute, che sta a cuore a tutti i beneventani, che grandemente lo amano, visto che il peso degli anni inizia a farsi sentire.
Troppo stress, derivante dai troppi grandiosi e gravosi impegni, fanno male alla salute, come è sua scienza.
Sarebbe meglio una bella e lunga vacanza distensiva, ma anche una bella medaglia d’oro e la meritata pensione!

Ps: Speriamo che tutti i componenti della Commissione Ambiente siano in regola con il pagamento delle tasse e/o delle multe.
Sarebbe molto imbarazzante, tanto da ledere la serenità dell'audizione, se a questa partecipasse qualche consigliere che si sia reso responsabile di tale censurabile atto.
Se è moralmente e socialmente comprensibile evadere per necessità, trovandosi in estrema povertà, è, eticamente e socialmente, assolutamente inaccettabile evadere per avidità".

comunicato n.99629



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 139423139 / Informativa Privacy