Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1251 volte

Benevento, 14-02-2017 21:38 ____
Il presidente onorario dell'Accademia della Crusca, Francesco Sabatini lancia l'allarme sull'uso inutile delle parole inglesi
Il mondo moderno e' molto piu' complicato di quello antico e lo sara' sempre di piu'. La tecnologia ci aiuta ma per utilizzarla al meglio si deve innanzitutto sapere leggere e scrivere molto meglio di prima
Nostro servizio
  

Il presidente onorario dell'Accademia della Crusca, Francesco Sabatini, 85 anni ma non li dimostra, è stato oggi gradito ospite della nostra città.
Sabatini, volto noto anche della televisione per via della sua rubrica sulla lingua italiana che tiene la domenica ad "Uno Mattina in famiglia" su Rai1, ha dapprima incontrato i giovani studenti presso l'Auditorium "Giovanni Paolo II" del Seminario Arcivescovile e nel pomeriggio, ha tenuto un seminario ai docenti di materie letterarie presso il Liceo Scientifico "Rummo".
Poi sul tema: "L'Italiano Futuro. Tra le sfide delle nuove lingue e la prospettiva di una lingua nuova" ha intrattenuto il numeroso pubblico della Biblioteca Provinciale accorso grazie all'impegno del Rotary Club Benevento, presieduto da Domenico Zerella e del Comitato Provinciale della Società Dante Alighieri, guidato da Elsa Catapano.
Sabatini, linguista, filologo e lessicografo, ha difeso la lingua italiana anche dalle esasperazioni derivanti dall'uso improprio ed esagerato della lingua inglese.
Occorrerebbe che ciascuno che, per vezzo, vanità o che altro, faccia uso di termini inglesi, si chiedesse quattro cose in particolare: Sono in grado di pronunciarla correttamente quella parola (anche per evitare brutte figure nei confronti di chi, magari, sa parlare l'inglese meglio di noi)? La so scrivere altrettanto bene? Ne conosco il significato?
Ed ancora, l'aspetto più importante di tutti: Chi mi ascolta riesce a comprenderne il significato?
Se uno di questi aspetti non c'è allora quella parola inglese diventa pericolosa. Questi semplici principii non vengono però presi in considerazione.
Perché, si è chiesto Sabatini dobbiamo ad esempio identificare un luogo di filtraggio all'accesso di un luogo, di come se ne trovano oramai ovunque nelle Stazioni ferroviarie più importanti, ma non solo, con la parola gate mentre esiste la nostra parola varco?
Perché nella famiglia delle parole legate al mangiare si introduce ad esempio il food, che sembra una parola alla moda ed addirittura un mangiare diverso, al posto de: il cibo?
Non ho nemmeno il verbo per la parola food che dico fuddare?
Fosse un termine nuovo e di cui non riusciamo a trovare una traduzione con un termine italiano allora va bene e lo adoperiamo.
Lo abbiamo fatto la parola Sport ed essa oramai è entrata nel nostro linguaggio.
Sabatini ne ha avuto anche per l'uso sbagliato che si fa della moderna tecnologia, dei telefonini in particolare.
La scuola deve essere aiutata non a condannare questi mezzi, ma a far capire che essi non bastano.
Sabatini ha anche criticato la preparazione dei docenti con quella da cui derivano e cioè le Università dove c'è una carenza molto forte delle Scienze Linguistiche.
Il mondo moderno, ha concluso Sabatini è molto più complicato di quello antico e lo sarà sempre di più.
La tecnologia ci aiuta, ma per utilizzarla al meglio devi innanzitutto saper leggere e scrivere meglio di prima.

Le foto sono di "Gazzetta di Benevento". Riproduzione vietata.

 

 

 

 

 

comunicato n.99546



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 148258968 / Informativa Privacy