Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1005 volte

Benevento, 14-02-2017 10:48 ____
Peppino De Lorenzo critica aspramente il governatore De Luca per lo stato in cui si trova la sanita' nel Sannio
Si pensava che la sua elezione potesse essere foriera di rinnovamento e che le promesse fatte in campagna elettorale poi sarebbero state mantenute: La realta' dimostra invece che al peggio non c'e' mai fine. I suoi predecessori erano delle aquile...
Nostro servizio
  

Peppino De Lorenzo (foto) torna ad esaminare la situazione della sanità nel Sannio e lo fa criticando ampiamente l'azione politica al riguardo posta in essere dal governatore della Campania Vincenzo De Luca.
"La situazione sanitaria, segnatamente in Campania, giorno dopo giorno, è divenuta - scrive - gravissima e non v'è affatto speranza che qualcosa possa mutare.
In ultimo, come si comprende, è il cittadino, in modo particolare chi appartiene alle classi più disagiate, a pagarne le conseguenze estreme.
Gli episodi che si stanno verificando quotidianamente, dei quali la stampa scritta e parlata ne ha dato ampia informazione, sono sotto gli occhi di tutti.
L'elezione del governatore Vincenzo De Luca, come si sa, era stata foriera di un rinnovamento e le promesse di quest'ultimo in campagna elettorale furono tante.
La realtà invece sta dimostrando che al peggio non ci sia mai fine ed i suoi predecessori, al confronto, all'odierna valutazione, appaiono delle aquile.
Come uomo di sinistra, di certo, non sembra affatto avere l'impronta ispiratrice di chi dovrebbe porsi a difesa del ceto sociale più bisognoso, segnatamente nel periodo delicato per la vita del Paese.
Chi, come me, crede in una sinistra vera e senza infingimenti non può che fare suo il noto asserito che Pietro Nenni era solito ripetere: "Vorrei un socialismo senza i socialisti".
De Luca, il quale non lascia occasione per mettere in evidenza il suo carattere, fatto di invettive e colpi bassi, incline alle fritture di pesce, sta dimostrando una partitocrazia senza eguali scegliendo, tra l'altro, tutti i dirigenti delle aziende locali ed ospedaliere con una ripartizione tra gli addetti al sistema.
Altro che rinnovamento!
E' riuscito, ne abbiamo avuto già modo di parlarne, di nominare direttore amministrativo di un Ospedale campano finanche uno dei personaggi squallidi che figurarono nelle intercettazioni disposte a mia difesa dalla Procura della Repubblica dei Napoli.
Vergogna, solo vergogna.
E' di queste ore, qui da noi, la protesta dei sindacati per il nuovo assetto che il direttore generale dell'Asl Bn 1, Franklin Picker, ha dato al servizio 118.
Non si discute, è bene precisarlo, della validità di tale decisione che, forse, in ultimo, se valutata attentamente, potrà risultare anche funzionale, ma è il comportamento di Picher che lascia riflettere. Al pari del padrone delle ferriere lui decide da solo senza, nello specifico, confrontarsi neanche, come per legge, con le organizzazioni sindacali.
Questo modo di agire è gravissimo.
Anche Picker, come prassi, appartiene ad una ben precisa collocazione politica, ma non può ritenere affatto che il palazzo di via Oderisio sia un suo feudo.
Tra qualche anno, per raggiunti limiti di età, non potrà avere altri incarichi e, quindi, sarebbe auspicabile che, concludendo la sua carriera politica e non medica, sia più disponibile.
Forse, se, mesi fa, non ci fosse stato quell'incidente di percorso, tutto da verificare, dell'altra nomina fatta da De Luca, sul cui risultato è bene che la magistratura dia una risposta, sicuramente Picker non starebbe qui.
Ma, per ora, tant'è!"

comunicato n.99514



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 139299310 / Informativa Privacy