Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 697 volte

Benevento, 11-02-2017 19:31 ____
Calcio, Serie B: Con tanta grinta il Benevento supera in rimonta in Latina e si porta a quattro lunghezze dalla vetta
Dopo l'iniziale svantaggio i giallorossi hanno prima pareggiato con Pezzi e poi ribaltato il risultato con un pezzo di bravura di Ciciretti
di Luca Pietronigro
  

Benevento (4-2-3-1): Cragno; Venuti, Camporese, Lucioni, Pezzi; Chibsah, Viola (70' Del Pinto); Ciciretti, Falco (83' Gyamfi), Pajac (57' Lopez); Ceravolo A disposizione (Gori, Melara, Bagadur, Brignola, Buzzegoli, Matera) Allenatore Marco Baroni (squalificato) in panchina Paolo Cozzi

Latina (3-4-3): Pinsoglio; Brosco, Dellafiore, Coppolaro; Nica (50' Bruscagin), De Vitis (82' Mariga), Bandinelli, Di Matteo; Insigne, Corvia, Buonaiuto (68' Rolando). A disposizione (Grandi, Rocca, Regolanti, De Giorgio, Maciucca, Negro) Allenatore Vincenzo Vivarini

Arbitro: Ivano Pezzuto di Lecce
Assistenti: Marco Citro di Battipaglia e Luigi Rossi di Rovigo
IV Uomo: Daniele De Remigis di Teramo
Reti: 20' Corvia, 41' Pezzi, 61' Ciciretti
Ammoniti: Camporese, Falco, Del Pinto (B); Brosco, Corvia (L)
Espulso: 44' Di Matteo (L) per doppia ammonizione
Angoli: 8-5
Recupero: 1' pt; 5' st
Spettatori: 7865 di cui 3124 paganti e 4741 abbonati.

Il risultato di 2-1 con cui il Benevento ha battuto il Latina non rende merito a quanto gli stregoni hanno messo in campo questo pomeriggio al "Ciro Vigorito" contro la formazione pontina.
I giallorossi hanno sciorinato una prova maiuscola, fatta di tanta grinta e voglia di far bene contro un avversario che, comunque, ha creato dei grattacapi ai padroni di casa tanto da riuscire a passare in vantaggio grazie ad un calcio di punizione di Corvia su cui non particolarmente pronto è stato Cragno.
La reazione della Strega è stata veemente ed è culminata con la marcatura di Pezzi, poi nella ripresa il pezzo di bravura di Ciciretti, che da solo è valso il prezzo del biglietto, ha permesso di completare la rimonta.
Certo, nella valutazione complessiva bisogna sottolineare le tante occasioni sprecate, l'imprecisione sotto porta di Ceravolo e qualche decisione arbitrale non proprio limpida, come nel caso di un un rigore ai danni del bomber ex Ternana non concesso, che avrebbero potuto creare le condizioni affinché il risultato fosse più rotondo.
Poco male, comunque, quello che conta è aver portato a casa i tre punti che portano i giallorossi a quattro lunghezze dalla capolista Frosinone, dietro Verona e Spal.
Da segnalare che prima dell'inizio del match c'è stato il ricordo della Curva Sud all'ex capitano e tecnico del Benevento, Carmelo Imbriani, che ieri avrebbe compiuto 41 anni.
"Nei cuori c'è sempre un sannita che ha lottato per la vita. Carmelo vive con noi": questo lo striscione ed una gigantografia apparsi in questo settore dello Stadio.
Venendo alla cronaca, mister Baroni recupera alcuni elementi rispetto alla trasferta di Verona come Buzzegoli e Del Pinto che, però, vanno in panchina insieme a Lopez.
Sceglie di inserire il croato Pajac come esterno alto a sinistra con Falco centrale e Ciciretti a destra dietro la punta Ceravolo.
A centrocampo con Viola c'è Chibsah mentre in difesa davanti a Cragno ci sono Venuti, Camporese, Lucioni e Pezzi.
Nel Latina, Vincenzo Vivarini si affida al 3-4-3 con Corvia punta centrale affiancato da Roberto Insigne, fratello di Lorenzo, e dall'ex Buonaiuto.
La prima azione del match giunge al 12' con Chibsah che verticalizza per Ceravolo il quale si gira e mette in mezzo, a centro area, però, il più lesto è Dellafiore che sbroglia tutto.
La risposta dei pontini è sui piedi di Buonaiuto il quale si incunea nella difesa dei sanniti, ma viene atterrato al limite dell'area di rigore.
Per il direttore di gara è calcio di punizione; della battuta se ne incarica Corvia che, con un destro a giro, sorprende Cragno sul suo palo.
La reazione dei locali è, come detto, veemente ed al 25' Pajac mette al centro per Ceravolo che cade in area, la sfera termina a Ciciretti il quale, a botta sicura, non trova il gol.
Sessanta secondi dopo, Venuti crossa per Ceravolo che in girata impegna il portiere laziale, Pinsoglio.
Al 27' il Benevento ha un'occasione ghiotta per giungere al pareggio con Ciciretti il quale entra in area di rigore e scocca un sinistro a giro che si stampa all'incrocio dei pali.
Al 38' è insidioso una conclusione della distanza di Viola su cui Pinsoglio ci arriva e manda oltre la traversa.
Il premio al tanto spingere giunge al 41' quando sugli sviluppi di un calcio d'angolo battuto da Falco la sfera giunge sui piedi di Pezzi che fa partire un sinistro che si insacca alle spalle di Pinsoglio.
Prima della fine della frazione, il Latina resta in dieci uomini per l'espulsione di Di Matteo il quale per un un fallo su Venuti riceve la seconda ammonizione di giornata e viene mandato anzitempo negli spogliatoi.
La ripresa si apre con due sostituzioni, una per parte, con Bruscagin che prende il posto di Nica per gli ospiti e Lopez per Pajac per i locali.
All'8' Lucioni, sugli sviluppi di un calcio d'angolo, fa partire una conclusione che centra in pieno De Vitis e viene ribattuta.
Tre minuti dopo, per il Latina, ci prova dalla distanza Bandinelli con Cragno che salva i suoi, bloccando la sfera in due tempi.
Al 16' i sanniti passano in vantaggio con Ciciretti il quale supera tutta la difesa nerazzurra e mette in mezzo; il pallone, respinto da Pinsoglio, ritorna sui suoi piedi e da posizione defilata, quasi dalla linea di fondo, insacca con un destro a giro.
La reazione del Latina è con Buonaiuto che calcia a giro alzando troppo.
Al 20' è il turno di Chibsah calciare dalle parti di Pinsoglio che in tuffo blocca la sfera.
Al 34' un diagonale di Lopez, da poco in campo per Pajac, viene respinto, poi la difesa sbroglia.
Sempre l'ex terzino del Lecce si rende pericoloso un minuto dopo quando di testa, su assist di Ciciretti, impegna Pinsoglio che devia la sfera in angolo.
Nel finale, Gyamfi fa il suo ingresso in campo al posto di Falco con Venuti che viene spostato in avanti con Ciciretti centrale e Lopez a sinistra dietro Ceravolo.
In pieno recupero, brividi per i sanniti: Pezzi con sufficienza appoggia lentamente a Cragno che deve mettere in angolo per evitare rischi.
E' questa l'ultima emozione del match che regala al Benevento la certezza di poter lottare per la Serie A come i tifosi al termine del match hanno chiesto. Le voci dagli spogliatoi

Vincenzo Vivarini, allenatore Latina
"Sono dispiaciuto per il risultato che è maturato.
Il Benevento è una squadra che ci ha messo in difficoltà per il gioco che ha espresso.
Abbiamo cercato di evitare le ripartenze.
Fino a quando siamo stati in parità numerica abbiamo cercato di contrastarli, ma contro una squadra così forte è facile subire.
Abbiamo, poi, cercato di pareggio e questo è un nostro merito.
Gli stregoni sono una squadra completa con tante soluzioni a disposizione".
Interrogato sulla lotta promozione ha risposto: "Il Frosinone è una squadra esperta che non gioca molto.
Quella di Baroni, invece, sa imporre il suo gioco.
Per raggiungere certi risultati ci vuole una certa unità d'intenti e qui ho notato che c'è entusiasmo per fare bene sia da parte della società che della tifoseria.
Sono certo che con questo entusiasmo potrà arrivare davanti a tutte".
Alla domanda, poi, sul futuro della propria squadra e se le vicende societarie possano aver inciso sul gruppo ha detto: "Paghiamo lo scotto di aver affrontato le prime delle classe.
Ora, però, dobbiamo rimboccarci le maniche per affrontare al meglio la volata finale".

Paolo Cozzi, allenatore in seconda Benevento
"La partita si è messa subito in salita per colpa di quel gol sugli sviluppi di un calcio di punizione.
La reazione dei nostri ragazzi, però, è stata veemente poiché siamo riusciti prima a pareggiare e poi a passare in vantaggio mostrando una grande voglia di vincere.
I nostri avversari sono stati degli ottimi avversari e nel finale, se abbiamo avuto dei problemi, è stato anche per merito loro.
L'ingresso di Del Pinto ha permesso da farci avere un migliore equilibrio in campo ed una maggiore compattezza".
Sulla prestazione ha detto: "Abbiamo sciupato molto, ma il nostro gioco ci porta ad avere queso tipo di atteggiamento.
Dobbiamo trovare delle soluzioni.
Nel nostro gruppo abbiamo degli elementi che possono fare un gol in qualsiasi momento.
L'entusiasmo della piazza è anche importante e lo dobbiamo sfruttare per fare in modo che il lavoro sul campo sia più facile da svolgere".
Su quanto fatto vedere da Ceravolo ha risposto: "Ha lottato davvero tanto.
Ci ha dato profondità ed è normale che gli sia mancata un po' di lucidità, anche considerato che su di lui ci sono stati due difensori del Latina per tutta la partita".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

comunicato n.99462



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 141580810 / Informativa Privacy