Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1612 volte

Benevento, 18-09-2022 16:05 ____
La Caritas e' scesa in piazza per mostrare il servizio che la Chiesa normalmente e' chiamata a svolgere, quello della carita'
Il direttore Pasquale Zagarese ha annunciato due nuovi progetti di cui uno in Tanzania. A Benevento ci sara' la "rigenerazione" di un quartiere cittadino per la durata di tre anni. A Natale tornera' il "Paniere alimentare", l'iniziativa ferma da quasi due anni
Nostro servizio
  

Piazza IV Novembre è stata occupata dagli stand della Caritas e di quelle Associazioni e Movimenti che la sostengono nel difficilissimo compito che è chiamata a svolgere giorno dopo giorno.
Al direttore Pasquale Zagarese, apprezzato medico senologo, ora in pensione ma mai inoperativo, abbiamo chiesto il perché di questa iniziativa e dunque: Caritas in piazza perché?
Per presentarsi, per mostrare il servizio che la Chiesa normalmente è chiamata a svolgere, quello della carità, ed anche per far conoscere la bellezza della via della creatività, la via dell'ultimo, la via del Vangelo, proprio quello che papa Francesco ha indicato ed a noi della Caritas in particolar modo, ci ha risposto Zagarese.
E quindi su questa indicazione del pontefice stiamo anche progettando qualcosa di diverso che non sia soltanto il dormitorio o la mensa, che sono fondamentali e che proseguono la loro quotidiana attività così come l'ascolto ed il market solidale, ma immaginiamo un progetto missionario da realizzare in Tanzania per concretizzare, intorno all'Ospedale già attivo e gestito dall'Ordine del Preziosissimo Sangue, un allevamento bovino ed un orto i cui frutti verranno utilizzati a chilometro zero dagli abitanti dei villaggi limitrofi all'Ospedale.
Il secondo progetto a cui stiamo lavorando è riservato a Benevento dove abbiamo pensato di adottare un quartiere, meglio, di rigenerare un quartiere, in una attività che durerà tre anni.
Stiamo individuando il quartiere con lo scopo di conoscere i bisogni di quel rione in relazione non solo alla povertà culturale, ma anche a tutto il resto, in modo da poter dare una risposta immediata ed articolata a quella popolazione.
Pasquale Zagarese lo ricordiamo noi qui, lo abbiamo incontrato quasi all'indomani della sua nomina a direttore della Caritas da parte dell'arcivescovo mons. Felice Accrocca e ricordiamo di averlo visto preoccupato perché in quei giorni, con la Curia, stava lavorando per dare una nuova sistemazione alla Cittadella della Caritas che operava ed attualmente opera all'interno della struttura del Comune nota come ex Ospizio San Pasquale.
Una azione non facile anche per la vastità di uffici, depositi, mensa, studio medico e quant'altro, la Caritas ha realizzato negli anni in quegli ambienti.
Il sindaco Mastella aveva loro annunciato, continuiamo noi a ricordare i fatti, un incomprensibile "sfratto" motivando tale volontà con la generica dizione di necessità di avere locali liberi per il Comune.
In realtà il problema era un altro, mai contestato o smentito, e cioè il mancato appoggio che il precedente direttore della Caritas, don Nicola De Blasio, aveva dato a Mastella durante la campagna elettorale.
Con Zagarese le cose sembravano non andare in direzione diversa se si considera che la moglie dell'attuale direttore della Caritas, Antonella Zollo, è stata peraltro candidata alle scorse elezioni comunali nelle liste del Pd e quindi anche lei contro la elezione di Mastella...
Ed allora, ora abbiamo chiesto a Zagarese, ci sono ancora queste difficoltà nei rapporti, o come è apparso negli ultimi tempi, le cose si sono appianate?
Le spinte sono rientrate, ci ha risposto Zagarese sempre con l'attenzione e la gentilezza che gli appartiene, ed in seguito abbiamo poi avuto un percorso facile noi della Caritas e la disponibilità all'ascolto ed al cambiamento da parte di tutta la Giunta comunale.
Ora si è creata questa collaborazione.
Ci faranno rimanere lì dove siamo per svolgere le attività del dormitorio, della mensa, del market e dell'ascolto che sono delle attività sociali.
A Zagarese abbiamo rivolto un'ultima domanda.
Pensate di riprendere l'iniziativa del paniere alimentare che per molti anni è stato fatto essenzialmente nel periodo natalizio e pasquale?
Sì, ci ha risposto, è nei nostri programmi e lo riprenderemo a partire dal prossimo Natale.
Ci auguriamo che ci sia ancora una volta grande generosità da parte degli imprenditori che potranno donarci generi alimentare da distribuire.

 

 

 

 

comunicato n.152284



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 296092779 / Informativa Privacy