Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1613 volte

Benevento, 01-04-2021 10:29 ____
Sara' una Settimana Santa diversa... ma bella, perche' Gesu' sofferente non sara' lasciato solo
Don Marco Capaldo, parroco di Santa Maria della Verita', ha accolto con questo messaggio, nel suo Giardino "Angela Merici", i conviventi con i soggetti fragili che l'Asl ha cominciato a vaccinare
Nostro servizio
  

E' partita stamane la campagna di vaccinazione anche nel nuovo spazio individuato dall'Asl, quello all'Oratorio "Giardini Angela Merici", messo a disposizione dalla comunità della chiesa di Santa Maria della Verità, parrocchia diretta da don Marco Capaldo che oggi ha avuto la grande soddisfazione di poter mettere a disposizione della gente, con un gesto importante, il suo bel centro che giorno dopo giorno si arricchisce di nuovi spazi mentre quelli già in essere vanno a completarsi.
Questo fatto è stato sottolineato positivamente anche dalla responsabile delle vaccinazioni di questo centro, Annarita Citarella, medico, che ha evidenziato come sia importante, in questo momento difficile, l'afflato, la collaborazione tra le Istituzioni e prime fra tutte anche con la Chiesa beneventana dopo il grande apporto dato dall'Arma dei Carabinieri.
Oggi nel Giardino "Angela Merici" sono stati vaccinati i conviventi (la foto del vaccinato in apertura è stata autorizzata dall'interessato), i caregiver, quelli cioè che assistono, o convivono, con pazienti con riconosciute patologie gravi e quindi ritenuti soggetti fragili.
L'intento di chiamare a vaccinazione questa categoria è ovviamente quello di "sanificare" anche l'ambiente che circonda queste persone fragili e dunque scongiurare il contagio con il virus.
Quello di oggi e dei giorni a venire, ha detto don Marco Capaldo, è un gesto di vicinanza della comunità ecclesiale di "Santa Maria della Verità" verso le persone più fragili.
I Giardini "Angela Merici" sono nati per accogliere... tutti, non solo i parrocchiani di Santa Maria della Verità.
In questi mesi di chiusura, a causa della pandemia, ci siamo sentiti un po' persi, come tanti, continua don Marco.
Pur avendo continuato ad assistere le famiglie più bisognose, ci sembrava di far troppo poco.
Così, dopo l'invito dei vescovi campani di mettere a disposizione i locali parrocchiali per aumentare i punti di vaccinazioni nella regione, abbiamo subito manifestato la nostra disponibilità.
La cosa più giusta che potevamo fare in questo momento storico dove tutti siamo diventati "fragili". Il Signore benedica questa piccola parentesi di vicinanza, questa piccola "Chiesa ospedale da campo", come dice papa Francesco.
Grazie, ha concluso don Marco Capaldo, a tutti coloro che ci sostengono, ai volontari che mettono a disposizione il loro tempo! Sarà una settimana santa diversa... ma bella, perché Gesù sofferente non sarà lasciato solo. Mi raccomando, non dimenticate di fare una preghiera per tutti noi!
Sin qui il parroco e padrone di casa.
Per il resto, tranne le problematiche proprie dell'avvio, si è andati avanti con la vaccinazione di tutti i prenotati.
Sul posto è giunto anche il direttore generale dell'Asl, Gennaro Volpe, che ha voluto sincerarsi personalmente dell'incedere delle vaccinazioni.
Ora a Benevento si prosegue qui all'Oratorio, al Centro vaccinale di via Marco Minghetti al Rione Libertà ed alla ex Caserma dei Carabinieri di viale degli Atlantici.
Poco a poco si distende la rete che potrebbe portare alla possibilità di vaccinare, sull'intero territorio provinciale, anche cinquemila persone al giorno e questo sarà un risultato invidiabile che ci consentirebbe effettivamente di uscirne fuori prima dell'estate, almeno con le prime dosi a tutti (quelli vaccinati oggi, infatti, dovranno fare la seconda dose il 20 giugno, il giorno prima dell'ingresso dell'Estate...).

 

 

 

comunicato n.139561



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 245097919 / Informativa Privacy