Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 2455 volte

Benevento, 12-01-2021 11:11 ____
La disavventura di una donna dichiarata positiva al Covid, un responso sconfessato dai successivi esami
Il marito Mario Marciello chiede all'Asl maggiori controlli e vigilanza. Quella procedura e' costata soldi per accertamenti a tutta la famiglia ed ha provocato inutile apprensione ed ansia
Redazione
  

La vita al tempo del Covid è costellata di grandi tragedie e più o meno piccole disavventure, che pure recano danno a chi, senza colpa, si trova invischiato tra le maglie burocratico-sanitarie di un Paese che sta provando a resistere.
Una di queste storie la racconta a "Gazzetta di Benevento", Mario Marciello, un cittadino della provincia che ha deciso di condividere, carte alla mano, la trafila a cui ha portato il maldestro errore di un noto laboratorio cittadino.
Di seguito riportiamo le sue parole.
"Tutto ha inizio il pomeriggio della vigilia di Natale: mia moglie Angela viene a conoscenza del contagio di una sua collega.
Ricordandosi di aver avuto contatti il giorno 22 dicembre con la suddetta collega, decide di fare un tampone rapido contattando la "PrivatAssistenza" di Benevento.
Alle 19.00 del 24, quindi, in modalita "drive-in", si sottopone al test con esito immediato "negativo".
Il 28 dicembre, essendo ormai trascorsi sette giorni dal presunto contagio, per sentirsi più sicura, mia moglie si è sottoposta al test molecolare, il cosiddetto naso-faringeo.
La sera del medesimo giorno il noto centro beneventano presso il quale si era recata, ha comunicato che il test aveva dato esito positivo.
La mattina del giorno seguente, ovvero il 29 dicembre, Angela è stata contattata dall'Asl di Benevento e verbalmente viene dichiarata in quarantena così come me (suo marito, ovvero chi scrive) e sua sorella, in quanto conviventi, con l'obbligo di non aver contatti con nessuno e disponendo, rispettivamente per il giorno 5 e 11 gennaio, il tampone molecolare sia per me che per la sorella di mia moglie.
Dato che ci eravamo mossi, per scrupolo, ancora prima della comunicazione ufficiale, quella stessa mattina avevamo già una prenotazione per il test al quale ci sottoponiamo con esito negativo.
Mia moglie, a questo punto, ha cominciato a nutrire seri dubbi sull'esito positivo comunicatole dal suddetto centro di Benevento, laddove il referto, in modo generico, indicava la dicitura "positivo" ma con valori “non rilevati”.
Questi dubbi erano avvalorati anche dal fatto che mia moglie non manifestava alcun sintomo, cosa possibile ma a questo punto divenuta sospetta.
Infatti, i nostri dubbi sono diventati certezze quando mia moglie il 29 dicembre (a 24 ore dal tampone risultato positivo) si è sottoposta al test molecolare a domicilio, successivamente processato presso un laboratorio di Napoli, che ha dato esito negativo.
Il 4 gennaio del nuovo anno l'Asl di Benevento, venuta a conoscenza del tampone negativo, ha disposto nell'immediatezza di far sottoporre mia moglie ad un test di riscontro: anche questo ha confermato l'esito negativo, con refertazione al 6 gennaio.
Il giorno seguente l’Asl, avendo avuto la certezza che Angela non era affetta da alcuna infezione al Covid-19, ha disposto l'immediata revoca della sua quarantena e di conseguenza anche di quella di sua sorella e della mia.
Questa falsa positività ha comportato, oltre al panico, all'ansia e al timore, un notevole esborso economico per effettuare tamponi a tutti i familiari che avevano avuto contatti con mia moglie.
Stessa sorte, guarda caso, è capitata ad una nostra vicina di casa che aveva fatto il tampone insieme ad Angela la mattina del 28 dicembre: anche questa nostra vicina è risultata positiva e poi invece negativa a seguito del tampone commissionato dall'Asl.
Sarebbe il caso che proprio quest'ultima intervenisse per frenare tali episodi al fine di non creare inutili allarmismi all'interno di famiglie che non hanno nessuna colpa".

comunicato n.137529



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 236652776 / Informativa Privacy