Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 2450 volte

Benevento, 15-11-2020 14:18 ____
La zona rossa ce la dobbiamo tenere almeno per una decina di giorni. Poi, forse, chissa', il ministro potrebbe rivedere la decisione, ma non oggi
I beneventani ancora una volta danno prova di correttezza. La presenza forte, inquietante ed inutile delle Forze dell'ordine non c'e' stata. Il sindaco Mastella: Lo avevo detto tanti anni fa che dovevamo andarcene col Molise ma non fu possibile
Nostro servizio
  

Primo giorno della zona rossa decretata, senza colpa e senza motivazione, anche per la città di Benevento.
L'abbiamo percorsa nella tarda mattinata la nostra Benevento e la sensazione che ne abbiamo ricevuta è che nulla possa essere comparabile con la "stretta" della prima ondata.
Non abbiamo avvertito la presenza forte, inquietante ed inutile, delle Forze dell'ordine.
E questo già è importante.
Due pattuglie della Polizia Municipale, con il vice comandante Francesco Casale, hanno svolto il loro lavoro in assoluta tranquillità.
Più che altro siamo in giro, ci ha detto Casale, per verificare il rispetto delle restrizioni da parte dei bar.
Chi ha voluto è rimasto aperto ma la consumazione, anche il caffè, doveva avvenire con l'asporto, senza fermarsi dinanzi al bar o nei pressi, o peggio ai tavolini, per la consumazione di quanto acquistato.
Qualche furbetto c'è sempre, ma veramente niente di eccezionale.
I beneventani, ancora una volta, stanno dando prova di grande compostezza e di osservanza delle norme.
Al caffè di via Perasso non ha rinunciato nemmeno il sindaco Mastella che poi si è intrattenuto con i giornalisti per esprimere ancora una volta la sua opinione su quanto sta avvenendo.
Ha premesso che Benevento non può essere considerata come Napoli dove forse anche per il carattere stesso del partenopeo, il senso delle restrizioni della libertà individuale, è meno tollerato e rispettato quando non è possibile farne a meno.
Ma nemmeno mi sento di avallare chi oggi se la prende con il governatore De Luca che in pratica aveva chiesto la zona rossa per tutta la nazione, anche per la Campania, certo, ma per fare in modo che scattassero anche le provvidenze di ristoro.
Mastella ha ribadito, insomma, quanto sta dicendo da giorni nella speranza di salvare l'immagine di De Luca che invece appare indifendibile.
Infatti, non si capisce perché De Luca abbia chiesto la zona rossa che avrebbe dovuto dichiarare il Governo e non lui, proprio per una questione di soldi e poi una volta ottenuta, proprio in questi termini e cioè dichiarata dal Governo, egli si ribella perché lo stesso provvedimento non è stato adottato altrove.
Quella dichiarazione governativa l'ha presa come una sconfitta del suo impalcato.
Avesse lavorato ed agito meglio di quello che si è sforzato di far apparire con le sue macchiette televisive, nei momenti in cui per "miracolo" (il termine è suo) e non per capacità, la Campania è stata graziata dal virus, non sarebbe stato "mortificato" dal colore rosso.
E' stato "sgamato" da Speranza che ha capito che la situazione sanitaria napoletana fosse arrivata ad un punto di gravità estrema e lo ha castigato.
Lui assieme agli altri ma non assieme a tutti gli altri. E' questo che ha mandato in bestia De Luca, scoprirsi "nudo".
Questo è, e su ciò c'è poco da tentare di salvare il salvabile.
Mastella invece è di tutt'altra opionione, come abbiamo detto innanzi.
Proseguirà, ci ha detto, la sua battaglia per cercare di togliere la città di Benevento dalla zona rossa, una battaglia che ritiene sarà perdente, almeno per l'immediato.
Forse fra una decina di giorni il ministro Speranza potrà anche rivedere la sua decisione.
Oggi no, non lo farebbe mai.
Mastella ha anche raccontato dei suoi tentativi, di anni fa, per far transitare la provincia di Benevento nel Molise, ma non riuscì a convincere i campobassani che l'operazione sarebbe stata vincente per entrambe le province.

 

 

comunicato n.136163



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 231123849 / Informativa Privacy