Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1196 volte

Benevento, 09-10-2020 19:21 ____
Caselle da riempire ma con attenzione alla prospettiva cosa che tra i pattisti Mastella non troverebbe
Ma c'e' anche chi dice che se in quattro vanno via dalla maggioranza, cinque sarebbero pronti ad entrarvi ma bisognerebbe anche spiegare ai propri elettori che ha ancora un senso mettere quella scheda nell'urna...
Nostro servizio
  

L'assenza dalla città del sindaco Clemente Mastella ha smorzato momentaneamente l'interesse su quanto sta succedendo e potrebbe ancora accadere da un punto di vista degli equilibri politici e quindi amministrativi.
Ricordiamo che sono da coprire le caselle vuote della presidenza della Gesesa, evidentemente con una certa urgenza, e quella dell'assessorato al Commercio ed agli Eventi.
Accanto a ciò c'è da rimettere ordine istituzionale in Consiglio comunale dove non ci sono più i vertici in almeno tre Commissioni consiliari permanenti per non parlare delle deleghe che ritornate da Antonio Puzio sono nuovamente esercitate dal sindaco.
Insomma, quasi una "rifondazione".
Abbiamo già scritto, pensiamo con estrema chiarezza, che Mastella non ha più grande interesse sulla sorte del Consiglio comunale, né provengono da esso particolari motivi di preoccupazione.
Non ci sono altri argomenti da trattare che gli potrebbero far crollare l'intera Amministrazione comunale, cosa che il sindaco al momento non vuole più. Ha interesse politico a restare in sella e gestire le elezioni comunali della prossima primavera, nella qualità di sindaco.
Ci dovesse essere qualche argomento importante ed irrinunciabile da trattare, qualche aiutino che gli consenta di aprie la seduta con 17 presenti, lo troverà certamente,. Del resto è questo il suo unico e vero ostacolo, in quanto, una volta avviata la discussione, per approvare l'atto all'esame del Consesso gli occorrono solo 9 voti, compreso il suo, dopo la scellerata, ma legittima, modifica del Regolamento del Consiglio comunale, per approvare qualsiasi deliberazione.
Ed allora del Consiglio e dei quattro voti de "I Moderati", che sembrano oramai andare verso i banchi della minoranza, non se ne cala più di tanto.
Sfrutterà però quei posti vuoti per guardare al futuro ed acquisire  nuovi consensi sempre e solo in vista delle elezioni comunali di primavera.
Tutto il vento è in poppa, dunque?
Non tutto perché il tempo gli gioca a favore ma anche contro.
Chi si aggrega oggi, a sei/sette mesi dal voto, alla sua maggioranza senza avere la possibilità di incidere, proprio perché il tempo a disposizione è così breve?
Solo qualche sprovveduto.
Vincenzo Sguera di cui talvolta si parla, capogruppo di "Patto Civico" a cui più volte, in vari momenti della vita amministrativa di questa compagine, il sindaco avrebbe chiesto di entrare in Giunta, può fare una inversione ad U così importante e passare da severo censore di questa maggioranza, da ipotizzato futuro candidato a sindaco della città, a sostenitore di Mastella?
Tutto può essere, ma insomma...
Al ritorno di Mastella i due dovrebbero incontrarsi nuovamente dopo l'ultima visita fatta da Sguera al sindaco si invito di quest'ultimo, per definire questa vicenda ma Sguera, dovesse decidere per una improbabile accettazione dell'incarico, non porterebbe dote.
Luigi Scarinzi ci ha deto che, coerentemente, resterà dov'è, cioè all'opposizione.
Stesso discorso per Luca Paglia e così per Anna Rita Russo, candidata al consiglio regionale per Forza Italia.
Ed allora Sguera servirà veramente allo scopo di Mastella?
Ogni dubbio è legittimo.
C'è chi dice, comunque, che se quattro vanno via, dalla maggioranza altri cinque sono pronti ad entrare e dunque i numeri sono salvi.
Può essere che ciò sia vero e che Mastella utilizzerà una delle due caselle a disposizione, assessorato o presidenza Gesesa, proprio per aprire questo fronte che in questo caso avrebbe anche una prospettiva futura.
Il problema però qui non è Mastella, ma i nuovi ipotizzati adepti che dovranno pur giustificare il loro comportamento a chi li ha votati che andare a mettere quella scheda nell'urna ha ancora un senso.
Certo è che se si guarda al Governo nazionale, più di una perplessità sovviene.

comunicato n.135266



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 228552661 / Informativa Privacy