Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 3751 volte

Benevento, 15-09-2020 08:44 ____
Il sindaco di Benevento e' stato solo eletto ma ancora non gli abbiamo fatto il passaggio di proprieta' della citta'
E' quanto afferma Ambner De Iapinis a commento dell'abbattimento di un pino al viale degli Atlantici, un albero pino che non era "ubriaco fradicio", tanto da reggersi al palo della luce per non cadere...
Redazione
  

Ambner De Iapinis (foto), già amministratore cittadino, prosegue la sua battaglia sulla tutela dei pini del viale degli Atlantici.
"Il sindaco di Benevento - scrive - è stato solo eletto, ma ancora non gli abbiamo fatto il passaggio di proprietà della città di Benevento.
Il pino abbattuto non era "ubriaco fradicio", tanto da reggersi al palo della luce per non cadere.
Venerdì 11 settembre scorso si chiama con urgenza caduta i Vigili del fuoco (cercando l'alibi dell'urgenza), coinvolgendo gli stessi in responsabilità gratuite.
Oggi si potrebbe rischiare che colui che ha comandato la squadra venga coinvolto a danno alla cosa pubblica.
I Vigili del Fuoco, come pronto intervento, prima di abbattere, devono avere la certezza visiva e chiara di un pericolo imminente e non possono agire a danno della cosa pubblica sulla scorta di mere supposizioni di un semplice agronomo o chi per esso.
No, questo non è possibile all'agronomo Cardiello, nuovo signore degli alberi di Benevento (nessuno ha l'autorità di abbattimento).
Per riepilogare: A giugno, Fornataro (agronomo ex incaricato), uomo dalle facili relazioni cartacee, dopo una semplice passeggiata (sommaria, come da lui dichiarato) al viale degli Atlantici, ne ha previsto l'apocalisse in caso di maltempo, addirittura consigliandone la chiusura al traffico.
Per poi riaprirlo dopo attenta verifica, avendone poi avuto vasta eco sui mass media e diffondendo di fatto paura e ansia tra i cittadini.
Poi lo stesso Fornataro sparisce e passa il cerino acceso a Giuseppe Cardiello, agronomo salernitano.
Subito si è ripetuto il Zollo bis: abbattimento a vanvera del decisionista del momento; decreta subito la prima decapitazione di un albero sano.
Sano perché verificato e documentato dai nostri esperti e dalla documentazione in nostro possesso, non solo videofotografica.
Il tecnico Cardiello sembrerebbe essersi messo subito in sintonia del pensiero Mastella: "Non ho alcun dubbio sul da farsi", queste le sue testuali parole; tradotto significa "abbattere tuti gli alberi" sul viale degli Atlantici e altri.
A questo punto, il neo assessore Giorgione (comunque amante del dialogo) parte male: invece di creare il verde, incomincia a distruggerlo.
Leggo: "Visionati i primi 30 alberi" (in una giornata?)
E' impossibile fare prove serie in una giornata, ogni albero richiede almeno 4 o 5 ore di lavoro per una verifica seria e reale. Quindi questo agronomo, a oggi, dice cose non vere (dice bugie).
Per concludere: la città sappia che chi sta con "Noi campani" sta con Mastella e, quindi, è per l'abbattimento degli alberi di viale degli Atlantici".

comunicato n.134614



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 226681925 / Informativa Privacy