Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 2146 volte

Benevento, 10-09-2020 13:44 ____
Un tributo cosi' bello ad una persona cosi' piccola, e' una cosa che mi ha emozionato molto ha detto Giovanna Salerno alla sua festa di commiato
Dopo tredici anni a Benevento lascia la nostra Questura per raggiungere Cassino dove andra' a dirigere quel Commissariato. Alla sua persona, alla poliziotta ed alla donna, gli elogi del questore Luigi Bonagura
Nostro servizio
  

Un tributo così bello ad una persona così piccola, è una cosa che mi ha emozionato molto.
Così Giovanna Salerno, funzionario, oggi dirigente, a capo della Digos della Questura di Benevento, ha voluto chiudere così la festa che è stata organizzata in suo onore nel momento in cui ha lasciato la Questura di Benevento per recarsi a dirigere il commissariato di Cassino, una tappa importante nella sua carriera di poliziotto, come lei ama sempre definirsi.
Alla cerimonia, cui ha fatto seguito un ricco buffet, hanno partecipato oltre ai vertici di Questura, Procura e Prefettura, anche tanti suoi colleghi e collaboratori e tra questi quello che ha fatto anche molto piacere a Salerno è l'aver visto il volto anche di pensionati che hanno prestato servizio con lei e che ora hanno terminato il lavoro ma che non hanno voluto mancare di portare a lei la testimonianza del loro affetto e stima.
Il questore Luigi Bonagura ha ricordato che Salerno ha passato tra i muri di questa Questura, ben 13 anni della sua carriera e dove ha ricoperto diversi incarichi e dunque lei conosce come le sue tasche questa struttura.
Da ultimo ha diretto la Digos, un settore a me particolarmente caro per i miei trascorsi, ha detto Bonagura.
Giovanna Salerno ha incarnato il ruolo giusto del funzionario della Digos ed ha saputo indirizzare anche il lavoro dei suoi uomini con la gioia per il compito loro affidato.
Ci mancherà la sua verve ed il suo entusiasmo che ha senpre espresso nel corso delle riunioni che facciamo ogni mattina con i vari responsabili dei servizi.
Lei, in questi incontri, ha sempre fatto la parte del leone con la sua generosa partecipazione. Resterà, ha concluso il questore, sempre nei nostri cuori e certamente ci mancherà.
Qui, in questa Questura, per lei le porte saranno sempre aperte.
A rispondere a questa meritata sequela di elogi, è stata la stessa Salerno che con la voce più volte rotta dal pianto, ha voluto ringraziare per gli attestati di stima e di affetto che l'hanno inorgoglita perché in fondo, ha detto, altro non sono se non una poliziotta che ha vissuto questi ultimi tredici anni con l'intensità dell'impegnio professionale ed umano.
Serberò un ricordo bellissimo di Benevento dove ho fatto delle cose buone anche grazie a chi ha lavorato giorno dopo giorno accanto a me.
Oggi si chiude un capitolo della mia vita ed ecco che subito se ne apre un altro, a Cassino.
Per un breve indirizzo di saluto ha quindi preso la parola il procuratore Aldo Policastro che ha tessuto anch'egli le lodi di questo funzionario di Polizia, una persona semplice lì dove talvolta in tanti pensano di essere i migliori investigatori del mondo.
Lei invece ha mostrato grande sensibilità sostenuta da grandi qualità umane dimostrando di dover essere un elemento delle relazioni oltre che un operatore di polizia giudiziaria. Proprio le qualità che occorrono per essere un dirigente della Digos.
Il procuratore ha infine sottolineato come si debba a Salerno, l'indagine avviata sui centri per l'immigrazione.
Giovanni Conzo, procuratore aggiunto, ha ricordato Salerno alla guida di un manipolo di uomini bravissimi e seri e che insieme hanno portato avanti questa indagine che regge dinanzi all'autorità giudiziaria giudicante, una indagine, quella sui centri per migranti, forse tra le più importanti elaborate nella nostra provincia.
A Cassino andrà dunque con questo bagaglio di esperienza e da donna libera non potrà che fare bene.
Infine parole di stima sono state dette anche dal prefetto Francesco Cappetta che ha notato ed apprezzato sempre la sua professionalità.
A Giovanna Salerno è stata donata una splendida Madonna in ceramica e consegnati anche altri doni.

Il vice questore, Giovanna Salerno è nata a Paternopoli (Avellino) 53 anni fa, attualmente dirigente Digos della Questura di Benevento.
Questo un estratto del suo corposo curriculum.
Nel 1991 si è laureata, in Scienze Politiche con indirizzo Politico Internazionale, e nel 1994 è risultata vincitrice del concorso pubblico per ispettori della Polizia di Stato ed inquadrata quale allievo vice Ispettore.
A novembre 1995 è nominata ispettore ed assegnata alla Questura di Milano ove, dopo un breve periodo viene assegnata al Commissariato di Porta Genova in qualità di responsabile della Squadra di Polizia Giudiziaria ed Antidroga.
Nel 1996 è nominata ispettore capo e trasferita alla Questura di Napoli ed assegnata alla Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato di Vasto Arenaccia.
Nel 1997-1998 è nominata ispettore superiore e trasferita alla Questura di Avellino ed assegnata alla I Sezione della Squadra Mobile.
A febbraio 1999 risulta essere vincitrice del concorso per Commissari.
A novembre 1999 è assegnata alla Questura di Milano, Divisione Anticrimine, funzionario responsabile della trattazione atti di polizia giudiziaria nonché funzionario referente dei collaboratori di Giustizia.
A dicembre 2002-2006 è trasferita alla Questura di Napoli dove assume la responsabilità della Sezione Collaboratori di Giustizia. Successivamente, nel 2006, viene assegnata al Commissariato di Vicaria Mercato ove svolge il ruolo di funzionario referente della polizia Giudiziaria.
A gennaio 2007-2012 è trasferita alla Questura di Benevento e consegue nel 2009 la laurea in Giurisprudenza.
Da aprile 2012 a giugno 2015 dirige la Squadra Mobile di Benevento ottenendo eccellenti risultati investigativi per i quali ha ricevuto numerose lodi ed encomi dal Ministero dell’Interno.
Da giugno 2015, infine, dirige la Digos. In questo delicato settore ha personalmente diretto molte indagini di Polizia Giudiziaria, anche relative al terrorismo internazionale.
L'ultima, in ordine di tempo, è del giugno 2018 ed è inerente la gestione dei Centri di Accoglienza Straordinari di Benevento che ha avuto una vasta eco nazionale e per la quale, è stata segnalata per un Encomio Solenne.
Dal settembre 2020 diverrà dirigente del Commissariato di Cassino.

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                       
 

comunicato n.134483



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 226680340 / Informativa Privacy