Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 429 volte

Benevento, 31-07-2020 23:37 ____
Calcio, Serie B: Il Benevento vince 2-4 ad Ascoli ed eguaglia il record di punti del campionato cadetto
La formazione di Filippo Inzaghi conclude l'annata in maniera trionfale con la ciliegina sulla torta. Per i giallorossi a segno Sau, Barba, Insigne e Moncini
di Francesco Maria Sguera
  

Ascoli (3-4-1-2): Leali; Ferigra, Brosco, Gravillon; Padoin (46' Andreoni), Cavion (62' Eramo), Brlek, Sernicola; Petrucci (46' Morosini); Scamacca (46' Trotta), Ninkovic. A disposizione (Marchegiani, Valentini, De Alcantara, Pucino, Ranieri, Troiano, Pinto, Matos) Allenatore Davide Dionigi

Benevento (4-4-2): Gori; Maggio, Gyamfi, Barba, Rillo; Insigne (76' Del Pinto), Schiattarella, Hetemaj (82' Sanogo), Improta (65' Tello); Sau (82' Vokic), Di Serio (65' Moncini). A disposizione (Manfredini, Montipò, Pastina, Kragl, Basit) Allenatore Filippo Inzaghi

Arbitro: Ivano Pezzuto di Lecce
Assistenti: Filippo Bercigli di  Valdarno e Alessio Berti di Prato
IV Uomo: Ermanno Feliciani di Teramo
Reti: 25' Sau, 32' Barba, 45' Insigne, 48' Morosini, 87' Moncini, 91' Trotta
Ammoniti: Tello (B), Eramo (A)
Angoli: 7-2
Recupero: 2' pt; 4' st.

Il Benevento Calcio vince calando il poker ad Ascoli.
Al "Del Duca" finisce 2-4 per i giallorossi, che riescono ad eguagliare lo storico record di punti del campionato cadetto, approdando a quota 86.
Non poteva che finire con uno splendido trionfo della corazzata giallorossa quest'annata vittoriosa e ricca di record.
La formazione di Filippo Inzaghi, infatti, ha dominato e comandato la gara in terra marchigiana, meritandosi una chiusura di stagione con i fiocchi, togliendosi un'ultima soddisfazione.
Una Strega d'altri tempi, verrebbe da dire osservando i ritmi di gioco e la brillantezza dell'undici giallorosso.
Il Benevento, infatti, dopo aver rispolverato il proprio miglior smalto, è riuscito a mandare ko la formazione di Davide Dionigi che, sulla carta, aveva sicuramente più motivazioni.
La classe ed il tasso tecnico dei sanniti hanno prevalso, indirizzando il match in favore dei giallorossi sin dalla prima frazione di gioco.
Venendo alla cronaca, gli ospiti scendono in campo con Gori tra i pali al posto di Montipò, accompagnato da Maggio, Gyamfi, Barba ed il giovane Rillo nel pacchetto difensivo. Il
centrocampo a quattro è formato da Insigne, Schiattarella, Hetemaj ed Improta.
A completare il 4-4-2 di Inzaghi, in attacco ci sono Sau e Di Serio.
I padroni di casa di Dionigi, invece, si schierano con un 3-4-1-2, con l'ex Gravillon nel reparto difensivo e con Scamacca e Ninkovic nel tandem d'attacco.
La prima occasione del match si presenta al 10' ed è in favore dell'Ascoli: Ninkovic si invola verso l'area avversaria e da posizione defilata, seppur a tu per tu con il portiere, calcia addosso a Gori; poi sulla respinta Scamacca non ne approfitta in tap-in.
Al 25' il Benevento passa in vantaggio alla prima vera occasione in proprio favore.
Insigne crossa da destra, Improta spizza per Sau che, sul secondo palo, stoppa e deposita in rete la sfera con un piattone al volo.
Cinque minuti più tardi, Maggio sfiora il raddoppio quando, sugli sviluppi di un corner, approfitta di un rimpallo in area, ma non riesce ad inquadrare lo specchio da ottima posizione.
Al 32' il Benevento segna ancora.
Su una punizione dalla trequarti, Improta riceve e crossa di prima sul secondo palo, pescando magistralmente l'inserimento di Barba che, di testa, punisce Leali.
Il Benevento, che gestisce senza problemi il pallino del gioco, si ripresenta poco dopo nell'area bianconera, con Improta che da due passi calcia con il mancino, ma Leali si oppone.
La Strega è indemoniata e allo scadere della prima frazione cala il tris.
Un geniale Marco Sau, sempre il più ispirato tra i giallorossi, sfrutta il taglio di Insigne che, dopo aver ricevuto, riesce ad insaccare da due passi.
La ripresa vede un Ascoli rivoluzionato.
Andreoni, Morosini e Trotta prendono il posto di Padoin, Petrucci e Scamacca, nella speranza di svoltare un match totalmente sottotono.
In effetti, la mossa di Dionigi è azzeccata: dopo 3' l'Ascoli approfitta di uno svarione difensivo dei giallorossi con Morosini che, dopo una respinta di Gori sul tiro di Ninkovic, punisce la squadra di Inzaghi ed accorcia le distanze.
Due minuti dopo, Sernicola sciupa di testa un buon cross di Cavion.
Proprio quest'ultimo al 18' lascia spazio all'ex Eramo, mentre Inzaghi manda in campo Tello e Moncini, sostituendo Improta e Di Serio.
Poco dopo, Del Pinto prende il posto di Insigne, con l'intento di fornire più copertura difensiva alla compagine giallorossa.
La Strega, poi, a nove minuti dalla fine ha l'occasione di siglare il poker con Schiattarella che, da ottima posizione, esplode il sinistro, ma Leali devìa il pallone indirizzato nell'angolino con una prodezza.
I cambi degli ospiti terminano con l'ingresso in campo di Sanogo e Vokic, al posto di Hetemaj e Sau.
A tre minuti dal termine, Moncini si sblocca, segnando il gol dell'1-4 che chiude virtualmente il match.
Su assist di Schiattarella, la punta ex Cittadella calcia in scavetto e indirizza meravigliosamente la sfera nell'angolino.
In pieno recupero, l'Ascoli riesce nuovamente a segnare: Andreoni crossa da destra trovando Trotta che, in torsione di testa, riesce a battere Gori, firmando il 2-4 finale.

comunicato n.133588



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 222767141 / Informativa Privacy