Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 2074 volte

Benevento, 26-07-2020 23:15 ____
Marisa Laurito ha trasmesso al pubblico, all'Arco del Sacramento, la sua nota e consolidata simpatia raccontando la Napoli della generosita'
Il sindaco Clemente Mastella non manca di offrire al pubblico anche una sua performance canora. Di pregio l'esibizione del tenore Daniele Zanfardino accompagnato al piano da Enzo Campagnoli
Nostro servizio
  

All'Arco del Sacramento il pubblico non ha fatto mancare la sua presenza alla manifestazione "Estate all'Arco", rassegna proposta al Comune dall'Associazione "Il Sannita", rassegna di cui è direttore artistico Antonio Benvenuto.
Stasera è andato in scena lo spettacolo "Salotto Laurito", con la partecipazione del tenore Daniele Zanfardino e del maestro al pianoforte Enzo Campagnoli.
Allo spettacolo non ha fatto mancare la sua performance canora anche il sindaco Clemente Mastella che ha anche convenuto, con chi glielo aveva chiesto, che contrariamente a quanto disposto nella sua stessa ordinanza, si poteva anche evitare di indossare la mascherina essendo rispettato il distanziamento sociale e trovandosi all'aperto.
Mah!
La serata è stata presentata da Antonio De Cristofaro mentre Antonio Benvenuto ha voluto ringraziare quanti hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione e tra questi certamente il pubblico che ha risposto con entusiasmo all'invito.
Quindi, ha preso la parola il sindaco Mastella il quale ha detto di essere stato introdotto come censore quale appare, ha detto, agli occhi di taluni che ritengono improvvida anche la sua presenza telefonica di domenica, ad ora di pranzo, (oggi ad esempio non c'è stata).
Ma per non ascoltarmi basta fare un numero di telefono e si viene esclusi dall'elenco.
Confermo, comunque, che bisogna tenere duro perché il virus non è scomparso. Noi tutti ci auguriamo che finisca qui ma potrebbe anche non esserlo.
Questa di stasera è una bella manifestazione che apre le rassegne che seguiranno nei giorni a venire a partire dal Bct e poi Città Spettacolo, ha ancora detto Mastella.
Il sindaco ha anche confermato che il prossimo 26 agosto al Teatro Romano è prevista la presenza di Renzo Arbore.
A questo punto, è cominciato lo spettacolo con la esibizione, di gran pregio in verità, del tenore Daniele Zanfardino accompagnato al piano da Enzo Campagnoli, che ha eseguito canzoni classiche napoletane.
Poi è stata la volta di Marisa Laurito che ha trasmesso subito al pubblico la sua nota e consolidata simpatia raccontando la Napoli della generosità, così l'ha definita, quella stessa città che ha inventato il caffé sospeso pagato da chi ha qualche soldo in più per chi poi passerà in quello stesso bar e che ha qualche soldo in meno.
Lungo l'immaginaria storia della Napoli di ieri e di oggi, Marisa Laurito ha interpretato una serie di canzoni napoletane a cominciare da 'A tazze 'e café, scritta da Giuseppe Capaldo e musicata da Vittorio Fassone. Narra la leggenda o la storia, che Capaldo scrisse questo testo per la cassiera di un bar, Brigida, che a lui piaceva molto ma di cui lei non si curava affatto.
Scrisse, dunque, questa canzone e la buttò sulla cassa di quel bar ed andò via.
Era il 1918.
Brigida lesse quel testo e si innamorò perdutamente di Capaldo ma egli non lo seppe mai perché era andato via.
A seguire Marisa Laurito ha interpretato anche altre canzoni come "Era de maggio" sui versi di una poesia del 1885 di Salvatore Di Giacomo e messa in musica da Mario Pasquale.
L'artista ha parlato anche di Luciano De Crescenzo.

Le foto sono di Antonio Caporaso per "Gazzetta di Benevento". Riproduzione vietata.

 

 

 

 

 

 

comunicato n.133469



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 222764574 / Informativa Privacy