Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 3262 volte

Benevento, 30-06-2020 03:11 ____
Calcio: Benevento, la Serie A e' di nuovo tua! Festa in centro e carovana di tifosi al seguito dei minibus della squadra
Citta' in visibilio. Prima i festeggiamenti a distanza davanti lo Stadio, poi tutti all'inseguimento dei pullmini della squadra in tour. A Benevento e' festa grande, seppur nel tentativo di rispettare il distanziamento sociale. GUARDA LE FOTO
di Francesco Maria Sguera
  

Due promozioni in tre anni non potevano che generare un clima di gioia indescrivibile per le vie della città di Benevento.
Figurarsi a seguito di un campionato stravinto e dominato in lungo in largo.
Infatti, così è stato.
Al termine del match decisivo, che la Strega si è aggiudicata battendo in inferiorità numerica la Juve Stabia (1-0), è partita la festa che ha permesso ai tifosi di abbracciare nuovamente i propri beniamini, sebbene nel rispetto delle indicazioni del prefetto ed attraverso l'operato costante delle Forze dell'ordine, che hanno cercato di garantire il distanziamento sociale e di evitare assembramenti.
L'intera squadra, subito dopo essere rientrata negli spogliatoi per festeggiare brevemente in intimità, si è catapultata all'esterno dello stadio "Vigorito", ove ha incontrato i propri primi supporter, non numerosi, attesi gli inviti a non accalcarsi dinnanzi lo stadio giallorosso.
Dopo i primi cori lanciati da dietro le grate, nel giubilo dei tifosi e nello sventolio costante di bandiere, i calciatori, assieme all'allenatore Inzaghi, al presidente Vigorito e al direttore sportivo Foggia, sono saliti a bordo dei quattro minibus scoperti per intraprendere il tour della città.
I quattro pullman sono stati scortati dalle Forze dell'ordine e sono stati seguiti da una carovana di tifosi, visibilmente gioiosi, incamminatisi a seguito dei veicoli a bordo di macchine e motorini.
Dallo stadio, la prima sosta effettiva è stata effettuata in via Massimo D'Azeglio, dove ha sede la Curva Sud.
Quest’ultima ha volontariamente evitato di festeggiare smoderatamente, avendo già espresso in un proprio comunicato la non condivisa scelta di tornare a giocare senza pubblico sugli spalti e, soprattutto, lanciando un importante messaggio di solidarietà per chi, a seguito della crisi causata dalla pandemia e dal conseguente lockdown, non ce l'ha fatta.
Il gruppo di tifo organizzato ha salutato i propri beniamini ringraziandoli con un applauso e con striscioni, che hanno sorprendentemente sostituito i tipici cori da stadio, proprio dinnanzi al murales dell'ex bandiera giallorossa Carmelo Imbriani e, poi, dinnanzi ad un enorme telone raffigurante Ciro Vigorito, mai dimenticato.
Il tour è proseguito verso via Cocchia, trasformatasi nella via più folkloristica della città, ricca di addobbi fissati ai lampioni.
In essa, i pullman sono stati accompagnati da cori incessanti, sostenuti da un sempre crescente numero di tifosi, da fuochi d'artificio e da colorati fumogeni che hanno annebbiato la viabilità del percorso tra sfumature di giallo e di rosso.
Da lì, la squadra ha poi proseguito il percorso incontrando, di volta in volta, agglomerati di tifosi sul ciglio della strada, sui balconi, oppure a bordo di autovetture festanti provenienti dal verso opposto.
Così, i sostenitori giallorossi hanno virtualmente abbracciato gli sfreccianti pullmini e, quindi, i giocatori della Strega, diretti prima verso piazza San Modesto, salvo poi abbandonare la zona di Rione Libertà per incamminarsi verso la Madonna delle Grazie.
Successivamente, in via del tutto eccezionale, i vari pullman, sempre scortati dalle Forze dell'ordine, hanno imboccato il corso Garibaldi, risalendolo in direzione Piazza Castello.
Hanno poi, a sorpresa, proseguito il percorso indirizzandosi verso l'Arco di Traiano, salutato solo di sfuggita.
Gli stessi non si sono mai diretti verso piazza Risorgimento, dove, in contemporanea, una cospicua massa di supporter era in attesa dell’approdo della squadra per nuovi festeggiamenti, come avvenne in occasione delle due precedenti promozioni nel 2016 e 2017.
La rosa giallorossa, tra bottiglie di spumante e parrucche colorate di giallo e di rosso, ha poi imboccato viale Principe di Napoli, dopo aver superato il Ponte Vanvitelli, diretta verso la Stazione Centrale, salvo poi invertire nuovamente rotta, rivolgendosi nuovamente verso lo Stadio "Vigorito", dove il tour si è ufficialmente concluso.
Tra le vie del centro storico tanti sono stati i festeggiamenti di supporter che, dopo aver patito a distanza la tensione causata dalla gara odierna, si sono poi riversati per le vie della città armati di sciarpe e vessilli di ogni tipo, sebbene in numero ridotto, probabilmente per via dei tanti appelli del sindaco Mastella di festeggiare dai balconi delle proprie abitazioni.
Dunque, il capoluogo sannita può di nuovo festeggiare e gridare a gran voce: la Strega è tornata in Serie A!

 

 

 

Le foto che seguono sono di Antonio Caporaso per "Gazzetta di Benevento".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ulteriori foto sono negli altri due articoli in pagina sulla vittoria del Benevento Calcio

comunicato n.132840



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 220204687 / Informativa Privacy