Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1694 volte

Benevento, 08-02-2020 21:21 ____
Un sindaco che si dimette prima della scadenza del mandato, una maggioranza logorata che litiga, una citta' paralizzata. Questa e' oggi Benevento
Nicola Molteni, coordinatore regionale della Lega non lascia spazi ad una collaborazione con Mastella. In questi quattro anni non abbiamo mai avuto rispetto. Oggi forse fanno comodo i nostri voti. Siamo per un progetto che passa per il cambiamento
Nostro servizio
  

In politica, la massima insegna: Mai dire mai e dunque quello che ci diciamo oggi, non è detto che debba valere anche per domani.
Però noi di oggi facciamo la cronca e dunque se dovessimo interpretare, compiutamente, le intenzioni della Lega di Salvini Premier, che stasera si è nuovamente riunita in un'affollatissima sala per parlare di "Sannio, Campania, Futuro", dovremmo dire che di andare con Mastella a formare una coalizione di Centrodestra per riproporlo come sindaco della città, non se ne parla proprio.
A Nicola Molteni, per 14 mesi di Governo stretto collaboratore di Matteo Salvini al Ministero dell'Interno, oggi coordinatore regionale del partito campano, al termine del convegno, abbiamo chiesto come si pone la Lega nel quadro politico cittadino qualora dovessero essere confermate le dimissioni del sindaco Mastella.
Molteni ci ha risposto deciso, con piglio e con evidente disappunto rispetto ai trascorsi.
Segno questo che deve essere stato bene informato sulle considerazioni, mai benevole in verità, che Mastella ha sempre svoto su Salvini ad ogni occasione utile.
Vedremo, ci ha detto, Molteni, al verificarsi. delle condizioni che lei ha prospettato.
Mi limito a guardare la situazione di oggi e questa qual è?
Un sindaco che si dimette prima della scadenza del mandato; una maggioranza logorata che litiga; una città paralizzata.
In tutto questo ovviamente la Lega non ha nessuna colpa o responsabilità.
Per questo guardiamo ad un progetto nuovo e rinnovato per una città importante come Benevento.
Rispetto tutti, ci ha detto ancora Molteni, ma invoco altrettanto rispetto, quello che non c'è stato.
In questi quattro anni mi sembra che a Benevento la Lega non abbia avuto rispetto dagli interlocutori politici e Matteo Salvini, parimenti.
Il Movimento di Salvini non può far comodo solo per i suoi voti.
Esso ha un patrimonio di uomini e donne che deve essere rispettato sempre ed ovunque. Non siamo venuti al Sud per conservare, ma per cambiare.
E dunque portare avanti un progetto, in una città che vede un'Amministrazione comunale e dunque la città medesima in grosse difficoltà, un progetto che passa per il cambiamento.
Questo per noi è il futuro.
Sin qui Molteni.
Ad aprire i lavori del Convegno è stato il coordinatore provinciale Luca Ricciardi il quale ha esordito dicendo: Cambiamo sala ma ogni volta non riusciamo a starci dentro tutti.
Siamo qui per coronare un obiettivo: Quello di mandare a casa il malgoverno della giunta regionale di De Luca.
Ricciardi ha ricordato i positivi risultati raggiunti dalla Lega alle ultime europee. Da quel giorno non si è mai smesso di lavorare tanto è vero che sono state poi raccolte anche 5mila firme per le iniziative del Movimento.
Vogliamo dare un calcione a chi ha ingannato il popolo campano. Da Benevento partirà una grande carica di orgoglio per riscattare il Sannio, ha proseguito Ricciardi.
Vogliamo sognare un cambiamento oggettivo e non scrivere un mondo di sogni. Il fallimento della giunta De Luca si riscontra ora anche nelòle inchieste giudiziarie in attosulla problematica del ciclo dei rifiuti.
Relativamente alla città di Benevento abbiamo un sindaco dimissionario. Noi in tutto ciò lasciamo ai maneggioni ed agli acrobati della città, ogni azione.
Noi osserviamo i livelli di crescita di Benevento e vediamo che essa è ferma al palo.
Noi ci candidiamo per il cambiamento.
A seguire, ha preso la parola Alfonso Marzano, coordinatore provinciale giovani il quale ha sottolineato come occorra intervenire per risolvere il dramma della disopccupazione giovanile dicendo no all'assistenzialismo determinato dal reddito di cittadinanza ma creando le condizioni per il lavoro.
Lucio Mucciacciaro, consigliere provinciale, ha riproposto l'importanze dell'agroalimentare del territorio ed in particolare di prodotti come l'olio ed il vino.
Quindi si è tolto un sasso dalla scarpa. Il 31 dicembre Mastella, tramite il presidente Di Maria, è stato messo in minoranza alla Provincia. Subito dopo ha sguinzagliato contro di me, che sono anche sindaco di Fragneto l'Abate, e contro il sindaco di Limatola, le cosiddette truppe mastelliane. Ha detto che il sindaco di Fragneto l'Abate era oramai appeso ad un filo. Vero, ma era un filo d'acciaio ed infatti sono ancora qui. Lui invece era appeso ad un capo ed ha fatto laa fine di quel capo.
Antonio Mesisca, responsabile provinciale del programma ha parlato di un progetto rappresentato da persone del fare e questa poptrebbe anche essere l'ultima nostra speranza.
Nonostante le grandi attrattive turistiche, Benevento e tagliata fuori dai grandi flussi di visitatopri. Siamo un'area periferica a cui ci ha relegato la politica di questi anni.
Nadia Sgro, dirigente provinciale, ha sottolineato come Benevento debba disporsi all'agire. La Lega sposa proprio una politica del faree per questo ci concentriamo sui fatti e non sui nomi.
Qui c'è una squadra che lavora e che porta avanti le esigenze del territorio.
Nicholas Esposito, coordinatore regionale giovani ha raccontato dell'esperienza di oggi a Scampia dove la manifestazione della Lega è stata opsteggiata e taluni presenti volevano addirittura che essa non si tenesse.
Ci chiamano fascisti ma la verità è che noi siamo gli unici democratici. Non si è mai visto che per poter epsrimere le proprie opinioni, bisognaessere scortati dalle camionette.
Aurelio Tommasetti, responsabile regionale del programma, il quale ha ricordato con molto piacere il giorno in cui fu accolto a Benevento, il 20 maggio, in una sala gremita. Il successivo giorno 27 mi sono svegliato sotto una messe di oltre 26mila voti ottenuti alle elezioni europee, un grande risultato ed una esperienza che rifarei altre mille volte.
Ora c'è una squadra di citrca 50 persone che mi onoro di guidare e che lavora al programma con dieci Tavoli per affrontare le diverse problematiche regionali con l'intento di dare risposte concrete ai temi della vita di tutti noi.
Siamo pronti ad affrontare De Luca se sarà lui il candidato presidente visto che il Pd un po' se lo tiene ed un po' lo nasconde.
Tommasetti ha detto che gli argomenti affrrontati riguardano la sicurezza, l'ambiente, la sanità (qui ha detto che De Luca spesso al riguardo legge le classifiche al contrario di quella che è la realtà), infrastrutture, ecionomia, agricoltura, innovazione, lavoro, turismo e politiche sociali.
I lavori sono stati conclusi da Nicola Molteni che ha tra l'altro detto di essere orgogliosdo fella Lega e dei risultati raggiunti a Benevento ed in Campania.
Sono stati tanti gli sputi che qui abbiamo ricevuto negli anni passati e quindi grazie a chi ha avuto il coraggio di rimanere con noi. Da noi sono tutti i benvenuti a patto che siano persone perbene. Chi pensa di entrare tra noi per occupare posti, ha sbagliato partito.
Anche per la città di Benevento, come per la Campania, intendiamo pensare al programma, prima ancora che agli uomini.
Da Movimento di protesta la Lega è devinuto Movimento di proposta ed è anche questa la differenza con il Movimento Cinque Stelle.

Le foto sono di "Gazzetta di Benevento". Riproduzione vietata.

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

comunicato n.129017



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 208599120 / Informativa Privacy