Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 5827 volte

Benevento, 14-01-2020 08:15 ____
Operazione della Squadra Mobile. Arresto di dieci soggetti ritenuti promotori, affiliati o strettamente contigui al clan Sparandeo
Il gruppo criminale imponeva dei pagamenti alle imprese commerciali locali ed era coinvolto nella gestione del traffico di sostanze stupefacenti. Il gruppo gestiva il parcheggio nei pressi dello Stadio comunale
Nostro servizio
  

Personale della Squadra Mobile di Benevento, coadiuvato dal Reparto Prevenzione Crimine e da un'Unità Cinofila di Napoli, con l'assistenza di un elicottero della Polizia di Stato (nell'ultima foto in basso), ha dato esecuzione ad un'ordinanza di applicazione della misura di custodia cautelare in carcere ed agli arresti domiciliari emessa il 7 gennaio scorso dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Napoli, nei confronti di dieci persone, alcune delle quali ritenute promotori, affiliati o strettamente contigui al clan Sparandeo operante a Benevento.
Il provvedimento, che rientra nell'operazione definita "Ranch", è stato adottato al termine di una complessa attività d’indagine iniziata nei primi mesi del 2017 sulla base d'importanti elementi investigativi raccolti dalla polizia giudiziaria sul controllo delle attività economiche della zona poste in essere da diversi affiliati all'associazione criminale facente capo alla famiglia Sparandeo; in particolare, il gruppo criminale imponeva dei pagamenti alle imprese commerciali locali ed era coinvolto nella gestione del traffico di sostanze stupefacenti.
L'associazione di tipo mafioso è stata riconosciuta nei confronti del 62enne Corrado Sparandeo, del 59enne Carmine Morelli e del 45enne Vincenzo Poccetti.
Oltre alla commissione di delitti contro il patrimonio, danneggiamenti anche mediante l'uso di esplosivi e reati in materia di stupefacenti, secondo quanto riferito dall'accusa, il gruppo gestiva il parcheggio nei pressi dello Stadio comunale di Benevento "Ciro Vigorito", imponendo la riscossione delle somme di denaro senza alcun titolo dai parcheggiatori sia abusivi che regolari.
In particolare, Corrado Sparandeo, detto "Zio" o "Pinocchio", al fine di affermare e mantenere il controllo egemonico sul territorio, avrebbe curato personalmente ed esclusivamente, anche mediante reciproci accordi, i rapporti con clan napoletani e limitrofi come Montesarchio, oltre a rafforzare i legami con esponenti locali dell'imprenditoria al fine di consolidare il controllo del territorio.
Carmine Morelli, detto "Carminuccio 'o Zingaro" o "Lo Zingaro", invece, quale mandante ed esecutore, avrebbe coordinato le attività estorsive rapportandosi direttamente con il capo clan Poccetti, insieme con il 40enne Stanislao Sparandeo detto "Sillano" o "Calvin Klein", il 30enne Gabriele De Luca e il 45enne Luigi Coviello con violenza e minacce, sia esplicite che implicite, costringevano gli imprenditori a pagare in più tranche il "pizzo": addirittura per un paio di mesi, Coviello è stato assunto all'interno di una delle società coinvolte al fine di fornire al capo clan Corrado informazioni in ordine all'entità economica dei lavori posti in essere dall’imprenditore al fine di quantificare le richieste estorsive.
Contemporaneamente alle attività estorsive, il capo clan avvalendosi di una precostituita rete di consociati, avrebbe costituito un'associazione finalizzata alla vendita, cessione, acquisto, trasporto, detenzione di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, hashish e marijuana.
Lo stesso Corrado Sparandeo, quale promotore, organizzatore e direttore del sodalizio criminale, avrebbe imposto ai consociati ordini e direttive sugli acquisti e consegne di stupefacente da effettuare, curando personalmente rapporti anche con membri di clan attivi nel napoletano, incontrando di persona i fornitori al fine di organizzare l'acquisto ed il trasporto delle sostanze illecite.
De Luca, invece, avrebbe assolto alla funzione di "corriere" della droga trasportandola dall'hinterland napoletano a Benevento; fungeva altresì da intermediatore tra il clan ed il fornitore all'ingrosso Carmine Longobardo, attivo nella zona di Castello di Cisterna; quest'ultimo inoltre avrebbe controllato e gestito un gruppo di collaboratori dediti al trasporto dello stupefacente, tra i quali il 46enne Luigi Giannini detto "O Russ".
Al termine della complessa attività investigativa, supportata da intercettazioni telefoniche ed ambientali nonché da sistemi di localizzazione satellitare e da sistemi di videoripresa, il gip ha emesso il provvedimento cautelare a carico degli indagati responsabili a vario titolo dei reati di cui all'articolo 416 bis (associazione per delinquere di stampo mafioso), articolo 416 bis 1 (circostanze aggravanti per reati connessi ad attività mafiose), articolo 629 (estorsione) del Codice Penale nonché per i reati p.p. dall'articolo 73 (produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti).
Nei guai sono finiti anche il 39enne Giovanni Piscopo detto "il ciuccigno" e il 32enne Gerardo Sparandeo (associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti) Dpr 309/90.

Le foto sono di "Gazzetta di Benevento". Riproduzione vietata.

 

 

 

 

 

 

comunicato n.128395



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 217913426 / Informativa Privacy