Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1285 volte

Benevento, 13-01-2020 22:09 ____
La storia di Benevento e del Sannio attraverso i manifesti, i giornali ed i santini elettorali
La relazione di Alfredo Pietronigro, giornalista, e' stata preceduta dall'intervento di Vincenzo Casamassima, docente di Diritto Costituzionale all'Universita' degli Studi del Sannio
Nostro servizio
  

Il Centro Studi del Sannio di cui è direttore Mario Pedicini ha convinto il suo collega giornalista Alfredo Pietronigro, che poi dirà di non aver frapposto molta resistenza a tale richiesta visto che in fondo in fondo, un collezionista ha piacere a mostrare al pubblico i suoi "gioielli", a raccontare ai tanti presenti  nella Sala del Centenario del Convento della Madonna delle Grazie, alcuni decenni di vita repubblicana attraverso i mezzi di comunicazione maggiormente rappresentativi dell'epoca e cioè i giornali, i manifesti ed i santini elettorali.
Dopo la presentazione di Mario Pedicini, la parola è passata a Vincenzo Casamassima, docente di Diritto Costituzionale dell'Università degli Studi del Sannio, che ha trattato, in maniera molto puntuale, la nascita ed il ruolo dei partiti politici nell'Italia del dopoguerra fino a giungere all'impiego, da parte di essi stessi, delle moderne tecnologie che forse non consentono neanche più, completamente, di essere filtri necessari tra le esigenze della popolazione e il potere dei Palazzi.
Casamassima ha sottolineato quindi l'evoluzione della comunicazione politico-elettorale con particolare riguardo agli antichi mezzi che non sono più quelli in auge nei nostri giorni.
Dunque, c'era una volta il manifesto elettorale.
Il docente di Diritto Costituzionale ha tratteggiato, quindi, la rappresentanza politica ed il ruolo dei partiti politici nell'ambito del nostro sistema politico-istituzionale al quale si connette anche tutta l'attività di comunicazione politica alla luce della quale questa attività deve essere letta.
Casamassima non ha trascurato di tratteggiare la crisi della funzione o la trasformazione della funzione di intermediazione operata dai partiti politici sempre meno, tra sfera istituzionale e sociale, sempre meno comparabili con i partiti di una volta, con i partiti di massa, che sono stati i protagonisti della nostra storia politico-istituzionale per un quarantennio ed oltre.
L'intervento di Alfredo Pietronigro è stato appunto collocato nell'ottica evidenziata da Casamassima e quindi aiutato da una settantina di slide, ha percorso un lungo tratto di strada segnata dal giornale che riporta, nel 1943, la caduta del regime fascista fino a giungere a quasi i nostri giorni.
Nessun avvenimento di rilievo nazionale o locale è stato trascurato e dopo circa un'ora il racconto si è chiuso citando il mastellismo rappresentato da una serie di santini elettorali riferiti all'attuale sindaco della città con la rappresentazione grafica dei vari partiti e movimenti in cui ha militato.
Tra il pubblico, anche molti amministratori della città di Benevento e del Sannio dei decenni passati che si sono rivisti nei loro santini elettorali dell'epoca a cominciare da quelli degli anni Sessanta di Roberto Costanzo, di Mario Pepe e poi di Giovanni Fuccio a quelli di Luigi Di Donato, Giovanni Catalano, di Mario Scarinzi, di Gianfranco Ucci, di Luigi De Nigris, di Peppino De Lorenzo.
Sono stati presenti alla manifestazione del Centro Studi del Sannio, tra gli altri, anche il senatore Danila De Lucia, il questore Luigi Bonagura, il presidente del Consiglio comunale Luigi De Minico, il consigliere comunale Anna Maria Mollica, i docenti universitari Antonella Tartaglia Polcini e Cristina Ciancio, e poi Luca Ricciardi, Ferdinando Creta, Nazzareno Iannotti, Guido Cataldo, Giacomo De Antonellis, Francesco Morante, Maria Cristina Donnarumma, Mena Martini ed Alberto Febbraro.

Le foto sono di Giuseppe Chiusolo.

 

 

 

 

 

 

 

 

comunicato n.128393



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 206674249 / Informativa Privacy