Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 2688 volte

Benevento, 09-01-2020 12:38 ____
Circa 70 Carabinieri della Compagnia del capoluogo, supportati da Unita' Cinofile, impegnati nell'operazione denominata "Mercato Rionale"
Su vari fogli manoscritti trovati annotati anche i crediti vantati neri confronti di coetanei. Mesi di servizi di osservazione hanno consentito di fare luce su una vasta attivita' di spaccio di sostanze stupefacenti posta in essere dai nove arrestati
Nostro servizio
  

Per come abbiamo già scritto nel primo lancio della notizia di questa mattina, all'esito di un'indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, i Carabinieri della Compagnia del capoluogo hanno dato esecuzione a nove ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal giudice per le indagini preliminari, su richiesta della Procura.
Per loro, l'accusa è illecita detenzione e spaccio continuato di stupefacenti.
A finire in manette sono stati: Antonio Barone, 43 anni; Alfredo Mucci, 42 anni; Antonio Parrella, 44 anni; Giuseppe Tassella, 35 anni; Gabriele De Luca, 30 anni; Vincenzo Mari, 44 anni; Umberto Varricchio, 33 anni; Alberto Anzovino, 22 anni di Benevento; Luciano Ricci, 32enne di Ceppaloni.
Nessuna misura, invece, per una 37enne del capoluogo, alla quale è stato contestato il reato di riciclaggio.
L'operazione, denominata "Mercato rionale", ha impegnato circa 70 militari della Compagnia del capoluogo, supportati da Unità Cinofile.
Le indagini si sono avvalse di attività di captazione, servizi di osservazione e controllo, oltre a sequestri che hanno permesso di confermare le ipotesi.
Tutto ha avuto inizio nel novembre 2018 quando, nel corso di una perquisizione domiciliare presso l'abitazione di una delle persone, poi indagata, i militari dell'Arma hanno rinvenuto, oltre allo stupefacente e agli strumenti per il confezionamento e il taglio della droga, vari fogli manoscritti sui quali erano annotati i crediti che lo stesso vantava nei confronti di altri coetanei.
Sono seguiti mesi di servizi di osservazione al termine dei quali la Procura della Repubblica di Benevento ha delegato attività tecniche d'intercettazione e riprese video che hanno consentito di fare luce su una vasta attività di spaccio di sostanze stupefacenti posta in essere dai nove destinatari degli odierni provvedimenti cautelari.
In particolare, l'attività di monitoraggio svolta nei confronti dei singoli assuntori ha consentito di accertare come gli arrestati, di fatto organizzati in due gruppi, ognuno dei quali facente capo ad alcune figure di riferimento, agissero singolarmente ma nella consapevolezza di poter contare sul supporto degli altri indagati in caso di temporanea indisponibilità di "merce" da vendere.
Uno dei gruppi, era solito svolgere la propria attività presso l'atrio degli uffici della Regione e della Provincia, in via Santa Colomba del rione Libertà.
Dalle immagini di videosorveglianza gli inquirenti avrebbero visto chiaramente come era stata allestita una vera e propria piazza di spaccio presidiata in molte ore del giorno e della notte.
Un vero "mercato rionale dello spaccio", con attività di pesa e confezionamento della droga, addirittura sulla panchina dell'atrio degli uffici pubblici.
L'altro gruppo, invece, operava all'interno dell'abitazione di uno dei principali referenti con l'obiettivo di sfuggire alle Forze dell'ordine ed eludere così anche eventuali successivi controlli, costringendo gli acquirenti ad assumere la droga in loco, trasformando così la casa in una "sala da eroina".
Il modus operandi, già acquisito da intercettazioni e immagini, è stato confermato da alcuni clienti.
Per nascondere i guadagni, uno dei venditori si faceva talvolta pagare attraverso ricariche effettuate su una carta intestata ad un'altra persona, sulla quale si stanno acquisendo elementi per il reato di ricettazione.
"Nel Sannio - ha commentato il procuratore, Aldo Policastro nella conferenza Stampa (foto) che ha dettagliato l'operazione - domanda ed offerta di droga sono alte.
Numerose sono state le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Benevento e svolte da tutte le Forze dell'ordine operanti sul territorio.
Centinaia sono stati gli arresti, in flagranza e/o in seguito ad ordinanza cautelare, che sono stati eseguiti nel 2019 per detenzione illecita e spaccio di stupefacenti (112 in provincia di Benevento e 21 nel territorio di competenza della provincia di Avellino) ma sembra inesauribile il numero degli addetti al settore, d'altra parte l'offerta si adegua alla domanda e questa, sul nostro territorio, è stata e rimane incredibilmente alta".

 

 

 

 

comunicato n.128288



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 206740361 / Informativa Privacy