Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1258 volte

Benevento, 08-10-2019 19:07 ____
Commercianti e residenti del Centro Storico trovano un punto di tolleranza. Andiamo avanti fino a dicembre a sperimentare questa ordinanza
Poi a gennaio ci sara' il Regolamento sulla movida. Sullo spacchettamento, con il Triggio, di Citta'-Spettacolo, Picucci e' stato irremovibile: Fin quando ci siamo noi si fa nel Centro Storico. Franzese: Macchine speciali per la pipi' fatta sui muri
Nostro servizio
  

L'assessore al Commercio, Oberdan Picucci, non demorde e continua a radunare intorno a sé commercianti e residenti del Centro Storico con l'intento di smussare gli angoli pizzuti e cercare di addivenire ad un compromesso che consenta una convivenza in uno spazio non molto grande, di grande pregio, ma anche occupato da una miriade, forse inopportuna, quantità di locali che peraltro svolgono quasi tutti la stessa attività: La ristorazione, ponendo in questo termine tutto ciò che riguarda il bere ed il mangiare.
Picucci ha avuto ed ha accanto a sé anche il presidente della Commissione Attività Produttive, Mimmo Franzese, che lavora con pragmatismo per acciuffare risultati, anche piccoli, ma con poche chiacchiere o promesse a lungo termine e perciò stesso incontrollabili ed indefinibili.
Questa la premessa dell'incontro di oggi (nelle foto) che ha avuto come "ospite" audito, l'assessore all'Ambiente, Luigi De Nigris.
Picucci ha aperto la riunione avvertendo che lo specchio convesso a via III Settembre, la strada che scende poi fino all'Arco di Traiano, è stato posizionato, così come richiesto nell'ultima riunione.
Quindi ha chiesto se la nuova Ordinanza sulla emissione di musica dai locali fosse in qualche modo di gradimento di entrambe le parti, visto che prevede un orario per la diffusione esterna ed un altro, più ridotto, per quella interna.
Gino Cocozza, facente parte della delegazione dei commercianti, ha detto di sentirsi pronto ad intervenire qualora ci siano gestori che non rispettino i limiti imposti.
Basta una telefonata, ha detto.
E qui Concetta Scarinzi, residente, ha risposto: Ma come, hanno bisogno della telefonata? Non si accorgono dell'alto volume della musica e dell'ora tarda?
Franzese ha insistito sulla necessità di ricevere il Regolamento adottato dal Comune di Pavia, cosa che Scarinzi si è impegnata a fargli avere, un Regolamento che dà disposizioni, sembra condivise dalle parti in causa, sulla gestione degli effetti della cosiddetta Movida.
Lì si avverte, ad esempio, in anticipo, con un calendario su base annua, degli avvenimenti più importanti che si andranno a realizzare per modo che tutti possano in qualche modo... "provvedere".
Scarinzi, a proposito degli eventi, ha anche proposto di dislocarli anche in altre parti della città per modo da "sgravare" il centro storico da questa "pressione", che è costante.
Così magari far tenere eventi certamente nel Centro Storico ma anche al Rione Triggio dove sarebbero peraltro bene accolti.
La settimana di Città-Spettacolo è lunga da farla passare e quindi si potrebbe anche un po' dividere con altri luoghi.
Su questo aspetto, però, Picucci è stato irremovibile: Città-Spettacolo, finché ci siamo noi, si fa nel Centro Storico perché così ci piace e per quei giorni ci aspettiamo un minimo di tolleranza da parte dei residenti.
Franzese ha cercato la mediazione ed ha detto: Forse è fattibile anche quello che dice Scarinzi e nei fine settimana si può anche pensare di spostare un evento altrove?
Gennaro Del Piano ha ipotizzato che i grandi eventi cittadini si potrebbero anche ripartire in più zone.
Picucci ha confermato: Questa è una partita in cui il ruolo del Comune è quello di essere mediatore tra gli interessi dei residenti e quelli dei commercianti, entrambi legittimi.
Franzese ha confermato che l'obiettivo di questi incontri è quello di trovare un accordo per un paio di mesi perché dal 1° gennaio prossimo si dovrebbe cominciare con le disposizioni del nuovo Regolamento.
Ora fino all'una di notte è possibile utilizzare la musica all'esterno mentre nei fine settimana all'interno si può arrivare fino alle due di notte.
Negli altri giorni si chiude a mezzanotte.
Su questi aspetti dell'Ordinanza è stato chiesto l'assenso alle parti: Va bene così?
Grosso modo sì, hanno risposto i residenti ma la musica all'interno dei locali è veramente sotto controllo?
Scarinzi ha detto che le regole ci sono, è vero, ma spesso esse sono disapplicate perché ciascuno poi caccia il bancariello fuori dal locale...
Ma se è andato bene per l'estate, dovrebbe andare bene anche per l'inverno, ha detto Franzese, visto che ora ci sono le finestre chiuse.
Cocozza ha confermato che questa estate ci sono stati controlli da parte di tutte le Forze dell'ordine in tutti i fine settimana e senza risultati.
Non mi risulta che ci siano state multe per inadempienza ai divieti.
Allora anche qui qualcosa va rivisto perché certamente tutto questo, comprese le riprese video che la polizia fa, non facilita il nostro operare.
Comunque sia, alla fine la fase sperimentale di questi orari è stata autorizzata da tutti.
Luigi De Nigris, l'assessore all'Ambiente, ha sottolineato come all'Asl sia stato richiesto un rafforzamento delle azioni di derattizzazione e di disinfestazione.
Riguardo l'uso delle telecamere c'è bisogno di un Regolamento che è già all'esame delle Commissioni competenti.
L'assessore ha poi confermato che, a proposito di rifiuti, tra breve ci sarà l'ordinanza del sindaco che, a partire proprio dai commercianti e poi dalle famiglie, renderà obbligatorio l'uso delle buste trasparenti per il conferimento dell'indifferenziato.
Questo perché nei bustoni neri ci buttano di tutto ed i nostri camion poi vengono fermati allo Stir di Tufino e rimandati indietro.
Cocozza ha confermato che i conferimenti i commercianti li fanno in maniera corretta ma ciò che poi avviene quando i sacchi vengono lasciati all'esterno, non siamo in grado di saperlo.
L'assessore ha ribadito che con questo Regolamento si dà il via anche agli ispettori ambientali con i quali è possibile darsi un aiuto reciproco e partecipativo.
Non potranno fare multe ma accertamenti sì e mandarli poi ai Vigili Urbani.
Ad un certo punto De Nigris ha anche mostrato una serie di fotografie per far vedere i tanti rifiuti, anche ingombranti, lasciati sulla strada.
A questo punto si è alzato Franzese ed è andato vicino a controllare (nell'ultima foto in basso): Queste pedane nelle foto sono le mie ma c'è una ragione. Ho chiamato l'Asia, abbiamo concordato il giorno per il ritiro degli ingombranti, ma non sono più venuti. Ecco perché erano lì.
Qualche indicazione è stata anche data a De Nigris per una revisione degli orari di ritiro soprattutto dei cartoni che sono molto ingombranti e che mal si conciliano con quei vicoletti del centro storico.
Franzese ha anche parlato della necessità di utilizzare una ditta specializzata o i mezzi dell'Asia se ne sono in possesso, per lavare le strade.
In tutto sono 4 o 5 vicoli del centro storico abbisognevoli: via Falcone Beneventano, via Giuseppe Verdi, via San Pantaleone e via Niccolò Franco, che risentono moltissimo della problematica della pipì fatta per strada, magari da chi deve aver bevuto tanto.
Andando a concludere Franzese ha detto che la riunione di oggi porta a casa quattro decisioni: la pulizia dei vicoli; la raccolta della carta in altri orari o aggiuntivi; la chiusura della musica negli orari stabiliti e la domenica mattina una ulteriore pulizia dei vicoli.
De Nigris si è impegnato a far comparire sul sito del Comune il foglio per le segnalazioni da parte dei cittadini.
Giovedì prossimo ci dovrebbe essere un nuovo incontro, stavolta con gli operatori dell'Asia, per andare a fare le verifiche sul posto.
Ci dovranno essere anche i rappresentanti dei residenti e sarà Concetta Scarinzi e dei commercianti, forse sarà Gino Cocozza.

Le foto sono di "Gazzetta di Benevento". Riproduzione vietata.

 

 

 

 

comunicato n.125920



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 199198074 / Informativa Privacy