Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1023 volte

Benevento, 08-09-2019 11:31 ____
L'Asd Ponte 98, iscritta al campionato regionale di Promozione, si e' dovuta accasare a Foglianise
Il sindaco, dopo un reciproco scambio di accuse sull'uso e sulla gestione del campo di calcio locale, le ha in sostanza "sbattuto in faccia la porta" dello Stadio "Giuseppe Ocone"
di Giacomo De Angelis
  

Il sindaco, dopo un reciproco scambio di accuse sull'uso e sulla gestione del campo di calcio con l'Asd Ponte 98, le ha in sostanza "sbattuto in faccia la porta" dello Stadio "Giuseppe Ocone"!
La società sportiva ha dovuto emigrare!
Per la scuola calcio ha chiesto ospitalità al vicino Comune di Torrecuso, ma occorrerà attendere che si completino i lavori di ripristino dell'impianto sportivo; intanto ha ottenuto la disponibilità di locali e campetti dell'oratorio parrocchiale Santa Generosa Martire.
La prima squadra, iscritta al campionato regionale di Promozione, invece, si è accasata a Foglianise; le locali società sportive Asd Aurelio Massimo Pacillo e Asd Antonio Tedino le hanno, infatti, aperto le porte dello stadio comunale.
Soluzione trovata, dunque? Sembra.
Intanto dopo le dure stilettate del sindaco e del consigliere comunale di maggioranza, Luca Simeone, è intervenuto il vicesindaco il quale ha dichiarato che la maggioranza consiliare ha deciso "di mettere tutti i soggetti intorno a un tavolo per cercare di trovare una soluzione".
Ci sarà questo incontro? Si vedrà.
Cosa ha determinato la rottura?
Stando agli interventi sui social, l'Asd Ponte 98, confidando in un impegno verbale con il sindaco del 28 giugno scorso, "sottoscritto" con una semplice stretta di mano, ha di fatto utilizzato la struttura per le attività preliminari all'inizio del campionato.
In merito, però, è intervenuto il consigliere Simeone che ha rimproverato all'Asd Ponte 98 un arbitrario uso della struttura, senza neppure una preventiva autorizzazione del sindaco; le ha addirittura rinfacciato "furbetterie" e pure il mancato pagamento del canone dovuto per la gestione del campo di calcio, evidenziando anche che in merito c'è un'inchiesta giudiziaria non ancora chiusa (!).
A fine intervista ha poi annunciato che si è in attesa di un nuovo regolamento comunale per la gestione delle strutture sportive che prevedrà la procedura della gara, "unico strumento per togliere tanti equivoci di mezzo". Anche il sindaco, in un intervento su Facebook, ha posto l’accento sulla morosità dell'Asd Ponte 98 e... l'ha giudicata inaffidabile, considerate le note traversie economiche che l'hanno fatta tribolare per iscriversi al campionato (!).
Per "documentare" le sue affermazioni ha addirittura pubblicato, sempre su Facebook, una comunicazione datata 18 marzo 2019 della locale Stazione Carabinieri riguardante un procedimento penale avviato sulla vicenda.
Scopriamo così che le morosità sarebbero anche dell'Asd Torrecuso che dal 2010 al 2016 ha gestito lo Stadio comunale per la disputa dei campionati di Serie D.
Tuttavia, è sembrata un tantino spregiudicata la pubblicazione di un atto riguardante un procedimento penale che, a detta del consigliere Simeone, sarebbe ancora in atto.
Ad ogni modo, un'analisi dei fatti (o misfatti) potrebbe essere utile per disinnescare le polemiche e non per giustificare presunte o accertate inadempienze.
Preliminarmente, contrariamente all'opinione del consigliere Simeone, andrebbe fatto notare che anche il vigente regolamento comunale prevede "l'obbligatorietà" dell'espletamento di una gara a valenza pubblica per l'affidamento degli impianti sportivi (articolo 12 comma 4).
Andrebbe anche precisato che, secondo regolamento, per "canone" è da intendersi il corrispettivo risultante dall'offerta prodotta in occasione della gara e non, come finora fatto, il prezzo chiesto (o accollato) a "società senza fine di lucro" per svolgere attività sportive "di pubblico interesse", come per l’appunto "l'attività agonistica di campionati".
E' evidente che il prezzo di settemila euro del cosiddetto canone è stato un ulteriore gravame finanziario a carico di tali società, anche considerando i costi per la partecipazione ai campionati (Serie D e Promozione); un tale gravame apparrebbe illogico considerando pure che, secondo l'articolo 4 del citato regolamento, il Comune "persegue interessi generali della collettività" quando mette gli impianti a disposizione di terzi che svolgono attività sportive di pubblico interesse.
Inoltre, va fatto osservare che in tutte le deliberazioni con cui il Comune ha concesso l'uso del campo di calcio è premesso che "alla sua gestione il Comune non può provvedere direttamente, sia per carenza di personale che per la complessità organizzativa e i cospicui costi di manutenzione".
Ebbene, quei "cospicui costi di manutenzione" sono stati addebitati alle società sportive concessionarie che, tra l’altro, si sono fatte carico anche dei costi delle utenze e di eventuali omologazioni e controlli tecnici preliminari alle prescritte autorizzazioni federali.
Per finire, non si può tacere un'altra inosservanza del regolamento da parte del Comune; quella della mancata elargizione alle società sportive affidatarie del contributo economico a sostegno della gestione, previsto dall'articolo 15.
Intanto, nella partita d'esordio in campionato disputata sul campo di calcio di Foglianese, l'Asd Ponte 98 ha pareggiato 2-2 con il Marzano, che ha segnato la sua seconda rete nei minuti di finali della partita.
Soddisfacente esordio "casalingo!"
Le reti sono state realizzate da Mastrojanni e Sepe per il Marzano e Simone e Panaggio per il Ponte 98.

 

comunicato n.125121



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 197318950 / Informativa Privacy