Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 673 volte

Benevento, 05-07-2019 15:03 ____
Arrivano i primi giovani operatori specializzati in "Cittadinanza euromediterranea" e Cooperazione per uno sviluppo sostenibile
All'Universita' degli Studi del Sannio l'ultima lezione laboratoriale di un progetto regionale che e' stato affidato all'Ateneo beneventano collaborato da "L'Orientale" di Napoli. Soddisfatta la referente Antonella Tartaglia Polcini
Nostro servizio
  

All'Università degli Studi del Sannio, Dipartimento Demm, si sono concluse le lezioni laboratoriali previste per i primi operatori specializzati in "Cittadinanza euromediterranea" e Cooperazione per uno sviluppo sostenibile.
Ora tocca completare lo studio con l'ultima lezione che si terrà domani a Napoli, all'Università "L'Orientale" che ha collaborato con l'Ateneo beneventano nella gestione dell'intera iniziativa.
Poi comincerà questa innovativa avventura che potrebbe portare per questi nostri giovani studenti universitari, anche prospettive di lavoro qualora la Regione dovesse decidere di dare corpo e stabilità a questa iniziativa.
Referente del progetto è stata Antonella Tartaglia Polcini, docente di Diritto Civile al Corso di Laurea in Giurisprudenza dell'Università del Sannio, che ci ha ricordato, oltre alla sua soddisfazione per questo percorso che concretizza un sogno, che la Scuola di Cittadinanza, nasce da un articolato gruppo promotore ed è stato assunto il progetto proprio come scuola per sottolineare la centralità della formazione.
Tartaglia Polcini però ricorda anche che questo percorso non intende chiudersi domani, dopo le 60 ore di studio, ma generare una cultura da trasmettere poi agli altri, una cultura che sia ispirata alla integrazione.
Questo primo percorso dà la linea guida di ciò che si deve sviluppare poi nel corso del tempo per abitare le Istituzioni da protagonisti.
Nell'Aula "Ciardiello" di via delle Puglie, a tenere stamane la lezione conclusiva per il gruppo di ore assegnato a Benevento, sono stati Ernesto Razzano e Massimo Santorelli.
Il primo, sannita di origine, esperto giurista dell'European Citizen Action Service (Ecas), un’organizzazione esterna che opera per conto della Commissione europea e fornisce il servizio "La tua Europa-Consulenza" per l'Italia, e Massimo Santorelli, del Centro italiano Solvit presso la Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento delle Politiche europee.
Nel corso dei lavori, sono stati presentati e proposti ai corsisti in aula, alcuni casi tratti dall'esperienza quotidiana dei servizi istituzionali che avvicinano qualsiasi cittadino europeo (o cittadino extra Unione Europea, se familiare o di cittadino Ue o di persona residente nell'Ue) alla rapida e gratuita soluzione diretta di problemi concreti di esercizio dei diritti di cittadinanza, quando, ad esempio, si è consumatori, o si viaggia, si risiede, si lavora, si va in pensione o si studia in un altro Paese dell'Ue.
Grande l'entusiasmo e vivace la curiosità dei presenti, da subito coinvolti nella soluzione di articolati quesiti in applicazione di tutto il bagaglio culturale e formativo acquisito durante questo corso intensivo, inaugurato il 7 giugno scorso nella Sala Blu di Palazzo San Domenico dell'Università degli Studi del Sannio.
Il corso, come detto, proseguirà domani, con l'ultima lezione teorico-applicativa che si terrà all'Università di Napoli "L'Orientale" e si concluderà nel medesimo Ateneo il prossimo 16 luglio, con la presentazione dei risultati ad opera degli stessi discenti e la cerimonia solenne di consegna degli attestati ai frequentanti.
Il corso di specializzazione, finanziato dalla Regione Campania, è parte del Progetto per la realizzazione della Scuola regionale di "Cittadinanza Euromediterranea", in attuazione dell'azione di sistema prevista dalla Programmazione sulle Politiche Giovanili.
Il  Progetto è realizzato dalla Società Sviluppo Campania, in house  della Regione Campania, e dalla Università degli Studi del Sannio, tramite il Dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi  Quantitativi (Demm), in collaborazione con l'Università "L'Orientale" di Napoli.
L'iniziativa si pone in linea di continuità con altri interventi allo  scopo di promuovere un programma di azioni per la diffusione di una  cultura integrata dell'identità europea, della solidarietà, della  sostenibilità e del benessere, attraverso l'apertura dei processi  educativi a modelli comportamentali virtuosi diretti a sensibilizzare  e coinvolgere i giovani nella consapevole e concreta attuazione dei  diritti e dei doveri che discendono da una cittadinanza attiva e responsabile.
L'attività formativa e professionalizzante si avvale della consolidata esperienza dell'Università degli Studi del Sannio nell’attuazione del progetto dal titolo "Citizenship of the European Union in its 20th anniversary" ovvero "La cittadinanza dell'Unione Europea nel suo ventesimo  anniversario" che ha in Antonella Tartaglia Polcini il coordinatore accademico, progetto selezionato nell'àmbito del Lifelong learning programme, Jean Monnet programme 2012, Key activity 1, European  module, dall'Education, Audiovisual and Culture Executive Agency dell'Unione europea, che ha visto l'Ateneo sannita, unico in Italia ed insieme con l'Università del Kent con sede a Bruxelles, in seno all'Unione europea, nell'ottenere un finanziamento da parte della Commissione europea per un corso incentrato sulla cittadinanza europea.
La sfida promozionale adottata dalla Regione mira a creare un laboratorio stabile di animazione culturale e formazione di competenze e specifiche professionalità, dirette alla cooperazione rafforzata per lo sviluppo sostenibile, declinato attraverso i 17 obiettivi dell'Agenda 2030 dell'Assemblea Generale dell'Onu, partendo con il sensibilizzare e coinvolgere i giovani nella consapevole e concreta attuazione dei diritti e dei doveri che discendono da una cittadinanza attiva e responsabile.
L'iniziativa è coerente con le linee di indirizzo della Regione Campania in materia di valorizzazione dell'autonomia delle giovani  generazioni, favorendo, tra l'altro, la partecipazione attiva e l’approfondimento dei processi di integrazione da parte dei giovani ed il rapporto tra giovani ed Enti locali, con la promozione di  iniziative per uno sviluppo socio-economico sostenibile, inclusivo e intelligente nel Mediterraneo, e di azioni specifiche in favore della democrazia, della cittadinanza, della gioventù e del dialogo interculturale.
Finalità principale è attuare l'obiettivo della legge regionale 8 agosto 2016, numero 26, nel promuovere una "Scuola di cittadinanza attiva", integrandolo con lo scopo dichiarato dell'articolo 8, comma 1, della suddetta legge regionale di promuovere gli scambi con i Paesi dell'area del Mediterraneo nei settori dell'istruzione, della  formazione e della cittadinanza attiva, per offrire un concreto  sostegno alla cooperazione tra i giovani su temi di rilevanza globale, anche contribuendo all’attuazione della normativa nazionale sulla cooperazione tramite l'attenzione riposta sui temi della cittadinanza attiva.
In particolare il progetto pilota riguarda corsi di formazione e  apprendimento professionalizzante in forma laboratoriale (teorico-applicativa), rivolti ai giovani dai 18 ai 34 anni compiuti, residenti da almeno sei mesi nella Regione Campania, in possesso del diploma di Scuola Secondaria di Secondo grado.
Il primo corso, con inizio il 7 giugno, si è svolto nei mesi di giugno e luglio scorsi, nelle sedi delle Università degli Studi del Sannio di Benevento e de "L'Orientale di Napoli" e si è avvalso dell'apporto delle competenze dei docenti presenti in entrambi gli Atenei campani.
L'iniziativa è gratuita ed è stata indirizzata a giovani della Regione Campania, interessati a sviluppare competenze specifiche nell’ambito dei diritti di cittadinanza e della cooperazione per lo sviluppo sostenibile e appartenenti ad una delle seguenti categorie: Giovani non impegnati, alla data di presentazione della candidatura, in attività lavorative, di studio e di formazione; Giovani studenti universitari oppure in possesso di diploma accademico di primo o di secondo livello, oppure di laurea o laurea magistrale o specialistica (oppure equivalente titolo conseguito all'estero o dichiarato tale in base a legge), inseriti, se laureati, in un percorso di formazione (frequenza di Corsi di Dottorato di Ricerca, di Master Universitari, di Corsi di specializzazione e/o formazione); Giovani appartenenti ai Forum Comunali della Regione Campania.
Scopo principale dell'iniziativa formativa, è stato offrire ai partecipanti avanzate conoscenze di carattere culturale, metodologico e professionale, di teoria generale e di applicazione concreta nel  settore dei diritti di cittadinanza dell'Unione Europea.
Obiettivi prioritari della formazione sono: sensibilizzare e coinvolgere i giovani nella consapevole e concreta attuazione dei diritti e dei doveri della cittadinanza attiva e responsabile; favorire la diffusione di una cultura integrata dell'identità europea, della solidarietà, della sostenibilità e del benessere, attraverso l'apertura dei processi educativi a modelli comportamentali virtuosi; promuovere la partecipazione attiva del mondo giovanile ai processi  di integrazione culturale e sociale alla base della costruzione di una  identità "euro-mediterranea" condivisa: un'identità capace di  coniugare la dimensione degli interessi individuali, su base locale, regionale, nazionale e sovranazionale, con le istanze universali di  salvaguardia e promozione del valore della persona umana.
Il Corso si è articolato in 60 ore complessive: 50 dedicate alle lezioni ed esercitazioni in forma laboratoriale e 10 dedicate ai due workshop di apertura e di chiusura.
Il prossimo evento di chiusura, come detto innanzi, è in programma per il 16 luglio a Napoli.
Potranno essere previste anche attività di stage presso soggetti che svolgono attività coerenti alle tematiche del Corso.

Le foto sono di "Gazzetta di Benevento". Riproduzione vietata.

 

 

 

comunicato n.123716



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 192512906 / Informativa Privacy