Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1707 volte

Benevento, 06-06-2019 13:02 ____
Un monumento, quello della Torre Biffa, considerato da tutti poco piu' che una piccionaia, attenzionato dai giovani del Convitto e dell'Artistico
Il progetto dei docenti Carmine Calzone e Caterina Citarella, e' giunto oggi al termine con una manifestazione al manufatto civico per sensibilizzare gli studenti a prendersene cura diventando cosi' "sentinelle della bellezza"
Nostro servizio
  

Un monumento, quello della Torre Biffa, considerato da tutti poco più che una piccionaia.
E' stato sempre trascurato e scarsamente riconosciuto anche dagli stessi beneventani che distrattamente, in auto o a piedi, gli passano dinanzi.
Tanti anni fa fu Mario Boscia, storico, troppo presto dimenticato, a riaccendere un po' di luce su questo monumento cittadino utilizzando quel nome, "Torre Biffa", per far nascere una casa editrice che editò pregevoli volumi di storia locale.
Oggi quel monumento trascurato meritoriamente è stato attenzionato da due Istituti scolastici cittadini.
Il progetto, ci ha detto Carmine Calzone, architetto e docente del Convitto ma già amministratore al Comune di Benevento quale assessore all'Urbanistica, nasce da un accordo tra il Convitto Nazionale "Pietro Giannone" ed il Liceo Artistico di Benevento assieme al alcune Associazioni, quali la Lipu e la Federarchitetti.
In pratica si propone la riqualificazione ed il recupero di questo antico monumento di Benevento, la Torre della Biffa, che era una delle torri della cinta muraria medievale.
Adesso è rimasta sola e quindi i ragazzi hanno pensato anche ad una nuova destinazione d'uso per questo edificio che potrebbe fare anche da osservatorio del bacino fluviale del Calore e della flora e della fauna che insiste in questa zona.
Oggi è la fase finale della manifestazione per cercare di attenzionare questo manufatto, ci ha detto Calzone.
Abbiamo anche fatto una installazione artistica che lasceremo lì temporaneamente a meno che non veniamo autorizzati a rimanerla in quel sito in maniera stabile.
Il dirigente Marina Mupo del Convitto Nazionale "Giannone", ci ha detto che il progetto, portato avanti da Caterina Citarella del Liceo Artistico e da Carmine Calzone del Convitto "Giannone", nasce dall'idea di far diventare questi nostri ragazzi "sentinelle della bellezza".
In pratica, vogliamo far conoscere loro il grande patrimonio della città e soprattutto quello più sconosciuto facendo in modo che loro, i nostri allievi, se ne prendano cura.
Potrebbe sembrare, la nostra, un'azione provocatoria, in realtà essa vuole rendere più semplicemente i cittadini responsabili e consapevoli dell'ambiente in cui vivono.
Siamo e rimaniamo dei sognatori e speriamo che i nostri ragazzi possano essere migliori di noi.

 

 

 

 

 

comunicato n.122929



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 190535445 / Informativa Privacy