Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1548 volte

Benevento, 06-06-2019 08:36 ____
Con ironia Peppino De Lorenzo annuncia: All'avviso pubblico per l'addetto stampa dell'Asl ho partecipato anche io
Una Commissione esaminera' i candidati ma la scelta finale sara' quella del direttore generale. Vedremo, con il mio curriculum di tutto rispetto, se la politica la fara' ancora una volta da padrone
Nostro servizio
  

La notizia è di alcuni giorni fa.
L'Asl di Benevento ha bandito un avviso pubblico per fornirsi di un addetto stampa.
Nella delibera sono riportati i requisiti indispensabili per partecipare.
La durata dell'incarico è di dodici mesi, rinnovabili.
Compenso annuo, 10.000 euro.
Sin qui, è ovvio, nulla da eccepire anche se, in tutta sincerità, qualche aspetto ha suscitato in molti delle perplessità.
Poi, d'un tratto, la notizia, corsa di bocca in bocca, è stata quella che, tra i partecipanti, vi sia anche Peppino De Lorenzo (foto).
Non abbiamo esitato a contattarlo e lui, dopo l'iniziale stupore, è esploso in una risata incontenibile.
In ultimo, considerando i suoi rapporti con la nostra redazione, non si è potuto sottrarre dal rilasciare una dichiarazione che, integralmente, riportiamo, formulandogli i migliori auguri per l'esame che, a breve, si appresta a sostenere.
"Da bravi giornalisti - ci ha detto - da subito, avete appreso la notizia che, in tutta sincerità, risponde al vero.
Per l'intera esistenza sono stato cultore appassionato di esperienze insolite e, questa, credetemi, è davvero un'altra esperienza insolita.
Secondo Eduardo De Filippo, giustamente, gli esami, nella vita, non finiscono mai.
Ed io, in verità, di esami ne ho sostenuti molti, proprio molti.
Alcuni superati agevolmente, altri, con qualche difficoltà, altri, ancora, li ho persi, senza possibilità di corsi di recupero.
Questo attuale, non lo nego, m'intriga non poco.
Sono emozionato e, tra qualche giorno, provvederò a fornirmi di un vestito nuovo, adatto alla circostanza.
Per potere fare bella figura dinanzi ai miei esaminatori. Mi auguro che, tra questi ultimi, vi sia anche il direttore generale, Franklin Picker.
Non altro se non per il fatto che, essendo mio coetaneo, sono sicuro che comprenderà appieno le aspettative degli anziani come noi.
Dopo le prime titubanze, sono stato spinto a partecipare nel momento in cui ho integralmente letto il bando che rappresenta una ulteriore offesa nei riguardi dei tanti giovani, alcuni anche giornalisti professionisti, che, quotidianamente, qui da noi, si impegnano, talvolta anche con non pochi sacrifici, nel campo dell'informazione scritta e parlata.
Il bando, infatti, riporta l'elenco dettagliato dei requisiti e, in ultimo, si chiude precisando, a chiare lettere, che, comunque, la scelta sarà a discrezione del direttore.
So bene che tali incarichi siano discrezionali e, allora, perchè questa sceneggiata?
I giovani colleghi devono sapere che la mia discesa in campo è dovuta solo per difendere loro in quanto, vorrei essere smentito, in ultimo, come sempre, la politica la farà da padrone.
Ora gli esaminatori, poichè è stato presentato un regolare avviso pubblico che, ripeto, forse poteva essere evitato, dovranno avere il coraggio di disconoscere i miei titoli in quanto, mi si perdoni la falsa modestia, il mio curriculum non è proprio da buttare nel cestino dei rifiuti. 42 anni (sic!) di iscrizione all'Ordine dei Giornalisti, editore e coeditore di alcune testate, collaborazione con giornali per lunghi anni, direttore di una emittente televisiva, direttore, per anni, del bollettino dell'Ordine dei Medici, pubblicazioni scientifiche, dieci libri pubblicati e giù di lì.
Nel concludere, ritengo doveroso precisare che, in caso di mia vittoria, il governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, dimostrerebbe, nel concreto, che, almeno questa volta, la politica sia svincolata dagli incarichi, anche perché il nome del presunto vincitore già circola.
Vorrei essere smentito.
In ultimo, ritengo doveroso precisare che la somma di 10.000 euro di compenso annuo sarebbe, da me, interamente, devoluta ai pazienti che transitano nel reparto di Psichiatria e che non hanno alcuno che possa far fronte alle loro necessità quotidiane, sigarette, indumenti intimi e quanto altro necessario.
Tante volte, lì, nel silenzio assordante delle istituzioni, incontravamo difficoltà enormi per fronteggiare  queste spese. 
Ora, non mi resta che aspettare gli eventi.
La mia, sia ben chiaro, non è una sfida, ma una volontà a consigliare un cambiamento di rotta.
Da più parti ventilato, ma, in ultimo, in pratica, mai attuato.
Picker, prima di tornare, a brevissimo, a godersi la pensione nella sua bella Sorrento, cerchi, almeno in ultimo, di offrire ai sanniti un esempio, a futura memoria.
Agisca in modo che, così come la storia dimostra, il cardinale, a buon intenditore poche parole, che, sta per entrare nel conclave, sicuro di uscirne papa, ne esca ancora cardinale.
Qualora la politica venga messa da parte, purtroppo, le carte parlano chiaro.
Il futuro Papa, è ovvio nello specifico, con molte probabilità, dovrei essere io".

comunicato n.122919



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 190535375 / Informativa Privacy