Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 461 volte

Benevento, 13-04-2019 17:25 ____
Calcio, Serie B: Benevento, ora o mai piu'. Al "Vigorito" per battere il Palermo e continuare a sognare
Convocati 26 elementi: Rosa al completo. Bucchi frena: Partita importante, ma non cruciale. La strada e' ancora lunga
di Francesco Maria Sguera
  

Il campionato di Serie B, si sa, è strano.
Basta un passo falso per sprofondare, come basta inanellare un paio di vittorie consecutive per rinascere.
Così è stato per la Strega.
Benevento-Palermo, che si disputerà domani, domenica 14 aprile, con inizio fissato alle 21.00, sembra fornire la conferma.
Basti guardare i dati della prevendita (si punta a superare le 11mila unità) ed il fermento dei supporter sanniti per quello che può definirsi il big match di giornata.
Insomma, i giallorossi, dopo una pesante crisi, trascinati da Viola, sempre più leader, sembrano essersi rilanciati completamente.
Per quanto riguarda la gara, però, il tecnico Cristian Bucchi ha tenuto a bada la smania, durante la conferenza stampa di presentazione: "Quella di domani è una sfida molto importante, mancano poche partite e si affrontano due squadre forti. Ma non è fondamentale.
Sarebbe sbagliato pensare che sia decisiva, perché tutto è ancora in discussione, a prescindere dall'esito, e questo campionato ce lo dimostra.
Queste sono le gare che tutti vogliono giocare e per cui vale la pena fare il calciatore".
L'allenatore dei campani ha poi continuato sulla linea di pensiero seguita a Perugia: "Domani voglio, come a Perugia, una squadra sbarazzina e propositiva.
Abbiamo messo da parte questi ideali in un momento in  cui ci serviva praticità, ma credo che questo sia il tipo di gioco nelle corde della mia squadra.
Se riusciamo a fare le cose fatte bene, riusciamo a divertirci giocando alla grande, con qualità, voglia e grinta.
Ora più che mai e al di là dell'avversario".
L’importanza della gara contro i siciliani è arcinota a Bucchi.
Sarà importante, però, evitare che l'entusiasmo e la voglia prevalgano sulla ragione: "Se si vuol vincere le partite bisogna attaccare e farlo con continuità.
Noi dovremo farlo, ma dovremo farlo alla perfezione, perché il Palermo sa ripartire: ha giocatori veloci, di qualità, che sanno spezzare gli equilibri. Dovremo restare compatti, corti e stretti, senza lasciarci trainare dalla foga, attaccando con intelligenza e trovando il giusto equilibrio in campo.
E' normale che ci siamo preoccupati di studiare i giocatori avversari che maggiormente possono indirizzare la partite e loro ne hanno tanti.
Credo, però, che qualsiasi squadra faccia ciò. Per vincere la partita, dovremo pensare solo a noi stessi".
L’allenatore ha avuto modo, successivamente, di esprimersi su quello che sembra essere il giocatore chiave di questo Benevento, nonché ex della gara: Nicolas Viola: "Ho sempre sostenuto che è determinante.
Il suo percorso è stato caratterizzato da un brutto e fastidioso infortunio, che ha penalizzato lui e la squadra.
Poi è arrivato Crisetig, che ha fatto molto bene all'impatto.
Quindi, ho dovuto trovare l'equilibrio di squadra, sperimentando molto a centrocampo, ed ora Nicolas è tornato nel suo ruolo naturale in cui riesce ad esprimere al meglio le sue caratteristiche".
Per quanto concerne l'undici che domani scenderà in campo dal primo minuto ha spiegato: "A Perugia abbiamo fatto molto bene.
Ci siamo, poi, allenati con l'Under 16, giostrando i minuti in base alle partite giocate dai ragazzi precedentemente.
Pertanto, per quanto riguarda le scelte, ci saranno molte conferme. Idee chiare, pochi ballottaggi.
Molto probabilmente riproporrò Improta nel ruolo di terzino sinistro.
Montipò non c'è stato giovedì per qualche fastidio, ma l'ho fatto riposare solo precauzionalmente.
Ci sarà. Come ci saranno tutti gli altri, tra cui Letizia.
Tutti hanno la possibilità di reggere 90 minuti e di dare il 100%.
Se ci fosse un calo di tensione in momenti come questi mi preoccuperei. Un calo fisico lo abbiamo avuto in precedenza, ma ora è passato.
Ad oggi tutti hanno una buona condizione, dunque non sarò condizionato da questi fattori nelle mie scelte.
Nemmeno dai nostri avversari, che sono tutti validi, ma che non dovranno influire nelle nostre scelte da qui alla fine".
In conclusione, l’ex tecnico perugino, ha volto lo sguardo verso il rush finale che spetta alla propria squadra, ricordando gli errori del passato che sono valsi tanta esperienza in più: "Abbiamo avuto spesso un "sali-scendi", raggruppando tutte le vittorie e tutte le sconfitte in momenti ravvicinati.
Abbiamo imparato a ribaltare ogni pronostico, ogni equilibrio, ogni schema tattico.
Ora, da Ascoli in poi, abbiamo smesso di farci condizionare dagli episodi negativi della gara.
Questi sono segnali positivi che la squadra trasmette.
In vista della volata finale, dobbiamo prendere le caratteristiche più positive della squadra e metterle insieme per concludere al meglio".
In casa Benevento, dunque, sono 26 gli elementi convocati.
Eccoli di seguito: Portieri: Montipò, Gori, Zagari; Difensori: Gyamfi, Antei, Caldirola, Tuia, Costa, Volta, Di Chiara, Letizia, Maggio; Centrocampisti: Bandinelli, Del Pinto, Tello, Viola,  Vokic, Crisetig, Goddard; Attaccanti: Coda, Improta, Insigne, Buonaiuto, Ricci, Armenteros, Asencio.
Nel 4-3-1-2 giallorosso, dunque, sono previste tante conferme.
Montipò difenderà i pali, aiutato dal quartetto difensivo composto da uno tra Maggio e Letizia, Antei, Caldirola e Improta.
Viola sarà perno di centrocampo, accompagnato da uno tra Tello e Del Pinto a destra e da Bandinelli a sinistra.
Trequartista dovrebbe essere ancora Ricci, con Coda e Armenteros avanti. Non è da escludersi, però, una chance dal primo minuto per Insigne.
De tra le fila del Benevento spicca il nome di un ex, quale Nicolas Viola, tra quelle rosanero ne spuntano due. E che nomi.
Alberto Brignoli ha, ad ogni modo, scritto la storia del Benevento alla sua prima esperienza in A, regalandosi un'incredibile gioia quale lo spettacolare gol al Milan, valso ai giallorossi il primo punto in campionato.
Segue ad esso il nome di uno che di scrivere la storia se ne intende: George Puscas.
L'attaccante rumeno è sicuramente ricordato a Benevento per i suoi fondamentali gol nei play-off di Serie B, tra cui quello decisivo in finale contro il Carpi, che regalarono la promozioni ai sanniti.
In casa rosanero, dunque, sono 22 i convocati di Roberto Stellone, di seguito elencati: Portieri: Alastra, Brignoli, Pomini; Difensori: Accardi, Aleesami, Ingegneri, Mazzotta, Pirrello, Rajkovic, Rispoli, Salvi, Szyminski; Centrocampisti: Fiordilino, Haas, Jajalo, Murawski; Attaccanti: Falletti, Lo Faso, Moreo, Nestorovski, Puscas, Trajkovski.
Nello schieramento tattico di 4-3-1-2, Stellone dovrà fare a meno di Bellusci, squalificato.
Dunque, ci sarà l’ex Brignoli tra i pali. Szymnski sarà il terzino di destra, con Rajkovic e Pirrello in mezzo e Aleesami a sinistra.
Jajalo sarà il regista di centrocampo, aiutato da Haas e Murawski.
Trajkowski agirà tra le linee, a supporto di bomber Nestorovski ed uno tra l’ex Puscas e Moreo.
Benevento-Palermo si presenta, checché se ne dica, come una partita cruciale per il destino di entrambe le compagini.
Il Benevento, infatti, si gioca le sue ultime chance di continuare a sperare nella promozione diretta, restando attaccato al secondo posto, presidiato dal Lecce. I giallorossi, però, a quota 50 punti, affronteranno una grande rivale, che vanta tre misure di lunghezza sui giallorossi, che venderà cara la pelle per il medesimo obiettivo.
L'incontro sarà diretto da Davide Ghersini di Genova.
Il fischietto ligure fu al centro di numerose polemiche dei tifosi giallorossi per il proprio arbitraggio del match del 24 dicembre 2016: Frosinone-Benevento 3-2.
Oltre a quest'ultimo, Ghersini conta altri 6 precedenti con la Strega, qui di seguito: 5 febbraio 2012: Pro Vercelli-Benevento 3-0; 16 settembre 2012: Catanzaro-Benevento 1-2; 16 dicembre 2012: Benevento-Pisa 2-1; 7 aprile 2013: Benevento-Latina 1-0; 25 ottobre 2016: Trapani-Benevento 1-0; 18 aprile 2018: Benevento-Atalanta 0-3.
Suoi assistenti saranno Christian Rossi di La Spezia e Michele Grossi di Frosinone.
IV Uomo: Antonio Di Martino di Teramo.

comunicato n.121537



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 185678997 / Informativa Privacy