Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1422 volte

Benevento, 13-03-2019 20:06 ____
Fumata nera per la nomina del direttore generale dell'Ato Rifiuti. I tre candidati devono dichiarare di avere ancora i requisiti richiesti
Il Bando era del 2017 e in due anni puo' essere cambiata anche la volonta' di accettare l'incarico. Il Consiglio presieduto da Iacovella chiede alla Regione di distribuire su tutta la popolazione regionale il costo delle discariche dismesse
Nostro servizio
  

E' stata rinviata all'unanimità, a lunedì prossimo la nomina del nuovo direttore generale dell'Ato Rifiuti che nel pomeriggio di oggi (qui nelle foto), alla Rocca dei Rettori, ha riunito il Consiglio d'Ambito sotto la presidenza di Pasquale Iacovella.
Qualcuno ha subito pensato che non ci sia intesa sulla scelta del vertice amministrativo dell'Ente e per questo che c'è stato il rinvio della decisione.
Ma non è così, ci ha detto il presidente Iacoviello.
In pratica, abbiamo chiesto ai tre candidati favorevolmente esaminati dalla Commissione, Alessandro Verdicchio, Maurizio Perlingieri e Massimo Romito, i primi due sono dirigenti del Comune di Benevento ed il terzo è l'ex direttore generle dell'Asia, di confermarci la loro volontà ad accettare l'eventuale incarico e che sono rimasti immutati i requisiti per la partecipazione così come valutati dalla Commissione che ha concluso i suoi lavori.
Le domande di questi aspiranti sono state fatte in base ad un Bando che era del 2017 e dunque qualcosa potrebbe essere cambiato in questi due anni ed è meglio saperlo prima della nomina, ci ha detto Iacovella.
Non c'è una graduatoria in cui sono stati inseriti i tre. Sarà il Consiglio d'Ambito a sceglierne uno dalla terna.
E dunque ora ci sono cinque giorni di tempo per presentare questa nuova dichiarazione.
Da qui la riconvocazione del consiglio per lunedì o al massimo per martedì prossimo.
In quella sede ci dovrebbe essere la nomina del direttore generale e quindi finalmente l'avvio dei lavori dell'Ato rifiuti.
Altro argomento affrontato dal Consiglio è stata la surroga di Angelo Pozzuto (nella foto di apertura è a sinistra ed a destra è Pasquale Iacovella), presidente del Consiglio comunale di San Marco dei Cavoti, con il dimissionario Clemente Di Cerbo.
Ancora, tra le varie ed eventuali, è stata fatta richiesta alla Regione Campania di distribuire la sopratassa di 50 euro per la gestione delle discariche post mortem, cioè delle discariche regionali dismesse, sia distribuita su tutta la popolazione della Campania e non solo su quella sannita, visto che queste discariche sono state riempite peraltro dai rifiuti di Napoli e dintorni meno che di quelli sanniti, insignificanti proporzionalmente.
E' stata altresì autorizzata l'uscita dall'Ato sannita del Comune irpino di San Martino Valle Caudina che si aggrega così all'Ato avellinese.
Altro argomento trattato è stato quello ancora riferito alle discariche dismesse, ma di quelle che erano in atto in quasi tutti i Comuni sanniti.
L'Arpac su di esse compie un controllo annuo che ha un costo di 20mila euro.
Nel mio Comune, Casalduni, ha concluso con noi il presidente Iacovella, ce ne sono tre.
Spendere 60mila euro l'anno per un controllo ci sembra veramente tanto.
Abbiamo chiesto, quindi, alla Regione di farsi carico di questi costi.

Le foto sono di "Gazzetta di Benevento". Riproduzione vietata.

 

comunicato n.120621



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 198887522 / Informativa Privacy