Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 747 volte

Benevento, 10-03-2019 17:55 ____
Solo da una giusta complementarita' tra uomo e donna improntata a un consapevole e dialogante accordo puo' nascere una societa' giusta
Il Distretto 2100 del Rotary International ha tenuto un forum sul tema: "Donne e Diritti". L'arte del buon governo e' sempre "difficile", ma e' necessario essere resilienti e non scoraggiarsi mai, ha detto il sindaco Clemente Mastella
Nostro servizio
  

"Un deposito di lacrime" è forse una delle frasi che, in maniera forte e dirompente, identifica il pathos e l'intensità vissuta al Forum sul tema attuale e pregnante "Donne e Diritti", organizzato dal Distretto 2100 del Rotary International guidato da Salvatore Iovieno.
Una mattina ricca di progetti e di impegni "work in progress" che ha visto la partecipazione delle autorità civili e militari, di autorevoli esperti del settore e dei presidenti degli Osservatori sul fenomeno della violenza di genere delle due regioni, Campania e Calabria.
Dopo gli inni alle bandiere, il primo saluto ai convenuti è stato quello del governatore del Distretto Rotary 2100, Salvatore Iovieno, che ha ringraziato per l'importante iniziativa, organizzata con competenza e pazienza, Rosaria Bruno che, oltre ad essere una donna rotariana, è anche il presidente dell'Osservatorio sul Fenomeno della violenza sulle Donne della Regione Campania.
Quindi, l'introduzione del presidente dei Club di Benevento, Luigi Pilla, il quale ha voluto ricordare, partendo da un dato storico, come Tito Livio nel menzionare i Sanniti, il fiero popolo che ci rappresenta, sottolineò le donne fossero tenuta in grande e speciale considerazione.
E quella del presidente del Club di Avellino Est Centenario, che ha voluto ringraziare il governatore Rotary, Salvatore Iovieno e, in particolar modo, Rosaria Bruno, per aver scelto come sede di questo rilevante appuntamento una città della zona interna del Distretto.
Interessanti anche gli interventi del prefetto di Benevento, Francesco Antonio Cappetta, e del questore, Giuseppe Bellassai, i quali, nel considerare il tema affrontato dal Forum stimolante e soprattutto attuale, hanno evidenziato non soltanto l'impegno e le conquiste delle donne di questi anni, a partire dal dopoguerra in poi, ma hanno anche sottolineato la responsabilità di proseguire con scelte opportune e piani di lavoro per il futuro.
Il sindaco Clemente Mastella, per quanto molto impegnato, non ha voluto far mancare il suo saluto ai presenti e agli organizzatori dell'apprezzabile momento di riflessione, rimarcando che solo da una giusta complementarità tra uomo-donna, dal reciproco rispetto tra i sessi, improntato a un consapevole e dialogante accordo può nascere una società più giusta e più uguale, auspicando di creare un'Europa libera e democratica e liberata dall'oppressione della violenza contro le donne.
D'altra parte, ha sostenuto il primo cittadino di Benevento, spostando per un momento l'asse della discussione alla realtà del suo quotidiano, l'arte del buon governo è sempre "difficile", ma è necessario essere resilienti e non scoraggiarsi mai.
Con l'intervento, documentato e circostanziato, di Maria Rita Acciardi, past governatore del Distretto 2100 Rotary, il Forum è entrato nel vivo dei lavori.
Acciardi ha evidenziato in più di un passaggio del suo discorso, che il problema che attanaglia le donne è riferibile a un "difetto" di democrazia nell’attuale società e che i diritti delle donne sono sempre in continua evoluzione e realizzazione in quanto nulla è mai dato per scontato.
La Costituzione potrebbe essere un esempio illuminante ma da “sola” non basta, ci vorrebbe una consapevolezza sociale.
Rosaria Bruno, presidente dell'Osservatorio sul Fenomeno della violenza sulle Donne della Regione Campania, ha fornito un quadro dettagliato di tutte le iniziative messe in campo a livello regionale in favore delle donne e dei minori, vittime due volte delle violenze subite dalle loro madri, attraverso una capillare sensibilizzazione sul territorio.
Spesso, ha dichiarato Rosaria Bruno, ci troviamo di fronte a situazioni in cui la narrazione del vissuto drammatico è così difficile che le donne a volte rinunciano anche alla denuncia.
Raccontare le violenze subite, a volte senza "prove" sembra ricadere sulla donna come una colpa.
Bruno ha poi illustrato le zone della Campania che presentano strutture ospedaliere ma anche di accoglienza, adeguate a ricevere le donne in difficoltà; oltre alle tante manifestazioni organizzate per sensibilizzare la società su questa drammatica situazione.
Mario Nasone, coordinatore dell'Osservatorio sulla Violenza di Genere della Regione Calabria, che da cinquanta anni opera nel sociale e nelle carceri, ha spiegato che, nella Regione che rappresenta, molto lavoro deve essere ancora fatto, ma che i primi segnali di consapevolezza sono spunti di speranza per il futuro, affinché si passi dall'indignazione e dalla commozione all'azione concreta.
"Abbiamo - ha detto - ancora pochi mezzi ma ci stiamo attivando con tutte le nostre forze si possa passare dall’analisi dei fatti alla giustezza degli interventi".
Sentite e molto partecipate emotivamente le parole di Elvira Reale coordinatore del Centro Dafne del Cardarelli.
Una delle tante sfide da vincere è quella della formazione nel settore sanitario, perché il vissuto traumatico, soprattutto se si tratta di violenze psicologiche, sia possibile raccontarlo anche senza quelle "prove" che scoraggiano le donne a continuare nella lotta.
Reale, mostrando un'adesione corale alle situazioni che lei osserva costantemente, si è detta speranzosa nell'affermazione di un diritto non suscettibile ad interpretazioni di genere.
A chiusura si sono registrati anche vari interventi del pubblico.
Infine, il past governatore Luciano Lucania ha adempiuto alla consegna di riconoscimenti presidenziali al Club di Benevento, nell'anno 2017-2018 guidato all'epoca da Giovanni Cavuoto.
Infine, voci struggenti del dolore femminile, lacerate nella carne, trafitte nel cuore sanguinante sono state magistralmente interpretate con commovente partecipazione emotiva, dal gruppo teatrale Corrosioni e dall'attrice Eva Immediato.

 

 

 

 

 

comunicato n.120526



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 187756664 / Informativa Privacy