Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 3359 volte

Benevento, 01-12-2018 15:15 ____
Grande successo di Luca Ricciardi e della Lega di Salvini che oramai viaggia su consensi senza precedenti
Annunciata la nuova Giunta provinciale del movimento. L'obiettivo sono le elezioni europee del prossimo anno. Sara' la madre di tutte le battaglie. O si cambia radicalmente o i nostri giovani ci lasceranno. Pronto il gruppo a Palazzo Mosti
Nostro servizio
  

Sala gremita per la prima uscita pubblica del movimento politico Salvini Premier.
Si trattava di una conferenza stampa, in verità, ma, come spesso accade, questo termine viene abusato e tutto è stato tranne che una discussione con i giornalisti.
Ma è la prassi oramai e dunque ad essa si è adeguata anche la Lega.
La curiosità del cronista, però, non è mancata nel cercare di scrutare tra la gente lo scoop del volto noto che si avvicina al movimento di Salvini.
Curiosità insoddisfatta tranne che per la presenza di Angela Russo, consigliere comunale del gruppo de "I Moderati", ma il suo nome era già circolato nei giorni scorsi, oggi occorreva solo la conferma dopo le smentite, e quello annunciato dal Tavolo di Giuliana Saginario, altro consiglire comunale ma stavolta delle liste mastelliane.
Se si confermano, comunque, queste due adesioni, che si aggiungono a quella oramai "storica" di Pina Pedà (alla manifestazione, in qualità di osservatore, è stato presente anche il suo compagno Luigi De Minico, presidente del Consiglio comunale), si raggiunge il numero di tre consiglieri valido per costituire a Palazzo Mosti un gruppo autonomo (si disgregherebbe però quello de "I Moderati" che è formato proprio da tre consiglieri, tra cui Angela Russo, i cui restanti dovrebbero aderire così al gruppo Misto) e dunque a dare la possibilità a Matteo Salvini di avere una sua nutrita rappresentanza in Consiglio ed un proprio gruppo autonomo, che non dovrebbe molto discostarsi dalla maggioranza che regge le sorti dell'Amministrazione Mastella.
Un'altra ipotesi che pure circola con insistenza è che il gruppo sarà certamente composto da tre persone ma non saranno tre donne ma una donna e due uomini.
La donna si sa chi sia, Pina Pedà mentre per i due uomini bisogna aspettare ancora un po' anche se noi un po' di mesi fa quei nomi li abbiamo già fatti.
Ovviamente il sindaco dovrebbe cominciare a mordersi la lingua a questo punto e cominciare ad usare toni ed atteggiamenti diversi nei confronti di questo Salvini di cui lui non ha mai nascosto disprezzo politico, così come per il pentastellato Di Maio.
Lo farà mai? Mah!
Comunque sia, Mastella compreso, non può non fare i conti con un Movimento che a livello nazionale è oramai stimato ben oltre il 32% dei consensi, una cifra enorme ma non ancora veritiera, secondo noi.
Siamo dell'opinione, infatti, che essa sia ancora più alta ma che non emerge nei sondaggi in ragione del fatto che della Lega, che una volta era Nord, non è bello parlarne apertamente e favorevolmente stimarla, anche se è necessario votarla...
Diceva Giovannino Guareschi con la voce di don Camillo: Nel segreto dell'urna Dio ti vede, Stalin no...
Nel preambolo ci resta ancora da dire che dinanzi all'Hotel che ha ospitato la manifestazione, c'è stata l'apposizione del solito striscione (le ultime foto in basso) di dissenso a Salvini ed ai suoi rappresentanti.
Poca cosa, degna solo di un veloce passaggio nel corso del suo intervento da parte del rappresentante dei giovani del Movimento che ha evidenziato come il nome citato nella frase dello striscione medesimo, altro non sia se non quello di un attentatore... Di che parliamo?
Tutto qui.
Detto, dunque, del contesto, la cronaca ha visto coordinare il Tavolo dal presidente dell'Assostampa Sannita, Giovanni Fuccio, che ha rimarcato di come anche stavolta la Stampa sia presente per dar conto di questa iniziativa politica che vede stavolta la presenza nel Sannio, in maniera anche molto nutrita, del movimento leghista di Matteo Salvini.
Quindi la parola è passata a Luca Ricciardi, coordinatore provinciale del partito, giovane-vecchio della politica, che ha parlato, per quest'oggi, di una affluenza sincera, sentita, abbondante e pesante.
Un afflusso, ha detto Ricciardi, che rappresenta un chiaro segnale, da parte della gente che ha voglia di ritornare a dedicare un po' del suo tempo alla politica ed alla battaglia per il cambiamento portata avanti dal movimento di Salvini.
In cinque o sei mesi di attività di governo è stato fatto ben oltre ciò che hanno tentato inutilmente, in almeno dieci anni alla guida della nazione, gli esponenti del Partito Democratico.
Questo Esecutivo ha cominciato ad affrontare e risolvere problematiche e tabù che erano sempre state tenute nell'angolo e dunque sin qui sono stati bloccati gli sbarchi dei clandestini e dimezzati gli impegni economici per i migranti il cui risparmio viene reinvestito a favore delle forze dell'ordine.
La filiera dell'accoglienza ha smesso di essere un business per la criminalità organizzata e per tanti altri.
Le immagini poi del ministro dell'Interno alla guida della ruspa che ha abbattuto una delle ville dei Casamonica, è stata veramente indicativa di un percorso che è radicalmente cambiato.
Entro fine anno poi sarà incardinata anche la legge sulla legittima difesa.
Insomma, tutti segnali forti per dire che delinquere sarà oggi meno conveniente e più rischioso.
Venendo poi alla organizzazione del partito a livello locale, Ricciardi ha presentato la sua giunta.
Una prima ossatura per supportare il lavoro che il Movimento dovrà andare a svolgere nelle prossime settimane e nei prossimi mesi che condurranno poi alle elezioni europee di primavera.
Ricciardi ha, quindi, sottolineato il lavoro imponente che sta portando avanti Gianluca Cantalamessa, il coordinatore regionale del partito, autore indiscusso del boom in Campania della Lega, un lavoratore indefesso ed un uomo del fare. Tanto lavoro per dire che in Campania l'era di Vincenzo De Luca è finita e che sarà mandato a casa, ha detto Ricciardi.
Riguardo al Sannio esso non è più un ecosistema dove si possa evidenziare una vivacità turistica ed economica.
Il segno evidente è quello dello spopolamento e della mortalità delle partite Iva.
E' una provincia che si sta smantellando poco alla volta e la Sanità gestita da De Luca è il mantra di questo depauperamento.
Siamo stati tra i primi a denunciare le vicende dell'Ospedale di Sant'Agata dei Goti, una istituzione dalle grandi promesse poi finita con l'essere come Cerreto Sannita e San Batolomeo in Galdo: Una promessa mancata.
Tutto è rimasto solo nella polemica e nel teatrino della politica e così anche l'Ospedale "Rummo" è stato dequalificato dal commissario Vincenzo De Luca.
Con Cantalamessa siamo stati anche nell'Alto Tammaro, al fianco di quei sindaci che vivono il dramma dell'impiantistica sullo smaltimento dei rifiuti.
Oggi le loro istanze sono sul Tavolo del Ministero.
Ricciardi ha quindi annunciato che in oltre il 60% dei Comuni sanniti la Lega ha oramai dei riferimenti certi nonostante sia rallentata dalle norme interne l'adesione al partito a cui ci si avvicina quali sostenitori prima di essere poi acquisiti come soci e questo avviene non prima di 24 mesi di osservazione.
A tale proposito Ricciardi, consapevole dei rischi  che può correre un Movimento che è dato in fortissima crescita, ha ribadito che le porte ai carrieristi ed ai trasformisti sono sbarrate nonostante vi sia una corsa che talvolta si estrinseca anche facenosi fotografare, senza che vi sia consapevolezza della persona che si autoinvita, con uno di noi.
Prima di concludere il suo intervento, Luca Ricciardi ha annunciato la sua Giunta che è composta da: Alessandro Tarantino con delega alla sanità; Francesco Parente, fisco, economia e programma; Vincenzo Bozzelli, tesseramento e segreteria generale; Nandino Grassi, rapporti con il territorio; Antonio Mesisca, attività produttive, tutela del territorio e made in Sannio; Christian Tranfa, immigrazione e sicurezza; Francesco Saviano, coordinatore cittadino; Alfonso Marzano, organizzazione; Alessandra Cavuoto, sport e associazionismo e Stefano D'Agostino, agricoltura.
Ricciardi ha anche annunciato che a breve sarà insediato a Palazzo Mosti il gruppo della Lega di Salvini.
Dopo l'intervento di Luca Ricciardi c'è stato quello di Nicolas Esposito, responsabile regionale dei giovani del Movimento il quale ha auspicato che la politica possa fare in modo che i giovani restino in Italia e che possano continuare a lavorare per il proprio Paese.
La Lega di Salvini è al loro fianco e siamo peraltro l'unico partito che scende ancora in piazza in quanto, evidentemente, abbiamo cose da dire a differenza di altri.
Esposito ha anche annunciato che a breve sarà reso noto il nome di un giovane cui sarà affidata la cura dei propri coetanei sanniti di questo Movimento.
Gianluca Cantalamessa, parlamentare, è stato salutato da Giovanni Fuccio con particolare simpatia ricordando anche i trascorsi politici del papà.
Il coordinatore regionale del movimento di Salvini, 51enne, ha detto di essere onorato di rappresentare la sua terra, una terra, come del resto l'intera nazione, che è pervasa da una grande sfiducia nel futuro  se si considera che i dati impietosi delle statistiche danno un forte decremento della natalità.
Gli italiani non fanno più figli perché non riescono ancora a vedere l'uscita dal tunnel.
Veemente è stato poi l'attacco ad almeno cinque regioni del Paese e tra queste la Campania, che hanno restituito 42 dei 46 miliardi di euro arrivati dall'Europa.
Meriterebbe solo di essere preso a calci in culo chi dice che qui da noi non arrivano soldi.
Cantalamessa ha avuto, quindi, parole di elogio per Luca Ricciardi, una persona seria, ha detto, che prima di dare la sua adesione al Movimento mi ha detto: Ci voglio pensare.
Questo l'ho molto apprezzato. Noi gli arrivisti li lasciamo fuori dalla porta.
Il parlamentare di Salvini, che è stato chiamato a far parte anche della Commissione Antimafia, ha sottolineato come la presenza della criminalità sia un cancro che si attacca a tutto e che danneggia interi territori.
Riguardo poi le prospettive politiche, Cantalamessa ha detto che in Campania i sondaggi non ci danno ancora primi ingraduatoria, ma lo diventeremo.
La gente per strada ci ferma e mettendoci una pacca sulla spalla ci dice: Ragazzi non mollate ed è quello che faremo, non molleremo.
Quella per l'Europa, ha concluso Cantalamessa, è la madre di tutte le battaglie.
O vinciamo per cambiare radicalmente le regole di questa Unione Europea, o perderemo i nostri giovani che migreranno altrove.
Oggi Londra, è la tredicesima città italiana...

Le foto sono di "Gazzetta di Benevento". Riproduzione vietata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

comunicato n.118048



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 176538725 / Informativa Privacy