Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1500 volte

Benevento, 04-08-2018 14:39 ____
Calcio: Prima gara ufficiale domani per il Benevento. Allo Stadio "Ciro Vigorito" per la Coppa Italia ci sara' l'Imolese
Convocati 23 elementi. Non ci sono Letizia, Antei e Iemmello. Bucchi: Arriviamo carichi ai nastri di partenza, vogliamo far bene e rendere orgogliosi i nostri fantastici tifosi. Sul mercato la societa' puntera' sul ritorno di Buonaiuto
di Francesco Maria Sguera
  

Conferenza stampa del neo-tecnico del Benevento Calcio, Cristian Bucchi, in vista dell'impegno di domani, alle 20.00, per il secondo turno della Coppa Italia, contro gli emiliani dell'Imolese, formazione appena ripescata in Serie C.
L'appuntamento con gli organi d'informazione è servito come importante mezzo di comunicazione per l'ex allenatore del Perugia: oltre che dell'impegno sportivo, infatti, il mister ha avuto modo di delineare le sue idee in vista della prossima stagione che, di qui a poco, attende i giallorossi.
L'Imolese, si presenterà al "Ciro Vigorito" particolarmente carica e vogliosa di fare bene.
Dopo aver ottenuto, non sul campo, il salto di categoria, affronterà il nuovo Benevento targato Bucchi, in condizioni fisiche probabilmente migliori dei giallorossi, secondo la stessa ammissione del tecnico sannita, oltre che senza troppi fronzoli per la testa.
"Dal punto di vista mentale - ha esordito - siamo molto carichi.
Per noi la Coppa Italia è importante.
Avremo modo di provare molto, potrò giostrare il minutaggio per i miei ragazzi, ma soprattutto vogliamo vincere la partita.
E' chiaro, siamo nel periodo peggiore dal punto di vista atletico: i carichi pesanti si fanno sentire, ma mi sorprenderebbe il contrario".
Sempre per quanto riguarda il punto di vista atletico, ha ribadito: "Siamo solo a metà del nostro percorso.
Vedrete, mano a mano verremo fuori.
Per quanto concerne l'apprendimento tattico dei nuovi arrivati, credo sia solo una questione di tempo: basteranno, probabilmente, le prime giornate per far integrare tutti al meglio.
Le condizioni fisiche di Viola?
Ha recuperato con lavoro aerobico ed organico.
E' normale che non sia ancora al top, molti sono nella sua stessa condizione: avrà bisogno di minutaggio per riprendersi al meglio".
L'ex calciatore del Napoli ha poi archiviato il discorso riguardante il match contro l'Imolese: "Ricci sarà convocato, così come Bandinelli.
Il primo non ha minutaggio nelle gambe, dunque vedremo se giocherà.
Asencio, la cui ufficialità come scriviamo in altra parte del giornale, non ci sarà per motivi burocratici: lo vedrete solo dalla prossima settimana".
Bucchi, successivamente, ha avuto modo di esprimere il proprio parere sulla piazza sannita: "Sono rimasto folgorato dal calore e dall'affetto del popolo giallorosso.
Allenamenti, amichevoli, ritiro, presentazione: i tifosi ci sono sempre stati vicini e, pertanto, voglio renderli fieri di noi con il massimo impegno.
Saranno determinanti la nostra fame ed il nostro impegno, soltanto mediante questi fattori potremo poi ottenere risultati positivi".
Punto focale della conferenza stampa è stato, sicuramente, oltre al mercato, il discorso tattico interpretato dal tecnico: "I giocatori sanno che prediligo il 4-3-3, ma non è detto che non possa variare completamente.
Soprattutto, ritengo che, a gara in corso, tutti debbano essere elastici per modificare il sistema di gioco.
Credo, inoltre, che il mio stile di gioco si adeguerà alle caratteristiche dei miei giocatori: poiché la Serie B è caratterizzata da molte fasi, dovremo essere bravi a rivelarci imprevedibili in ognuna di esse, senza dimenticare le nostre certezze, le nostre basi, la nostra umiltà".
Proprio da un'analisi tattica, ci si è poi ricollegati al discorso mercato: "Se mi bastano i giocatori che ho?
Non valuto i calciatori dal punto di vista numerico, ma da un punto di vista di duttilità.
Ad esempio ho tanti esterni che possono variare la propria posizione in campo ed è esattamente quello il fattore su cui conto.
Per il resto, sono soddisfatto al 100% di questo mercato: la società ha lavorato tanto e bene, ha preso giocatori intelligenti e di esperienza, accompagnati da altri giovani e di grandi qualità tecniche".
Il discorso si è fatto sicuramente più bollente quando si è toccato l'argomento "cessioni".
"De Falco?
Francamente non credo rimarrà con noi.
E' un grande uomo, ha bisogno di giocare, mentre sono molto più intenzionato a lanciare un giovane "patrimonio" come Volpicelli, in qualità di vice-Viola.
Sui ragazzi della Primavera?
Sparandeo e Volpicelli resteranno.
Tazza ha lavorato benissimo, ma qui ha dei limiti ed io non voglio che sia chiuso e che non giochi, valuteremo varie offerte per cederlo in prestito.
Per quanto riguarda Filogamo, il ragazzo ha sempre fatto bene in allenamento, ma è in un pacchetto attaccanti già di per sé pieno: vedremo, ma se resterà è perché rientrerà pienamente nei nostri progetti.
Il nuovo arrivato Goddard è un profilo interessante: è molto intelligente e, parlandogli personalmente, mi ha spiegato che non ha rinnovato con il Tottenham per fare esperienza in Italia.
Sa cosa chiedo e cosa voglio, è umile e mi piace molto allenarlo.
Sicuramente deve maturare ancora tanto, soprattutto dal punto di vista fisico".
Christian Bucchi ha poi provato a chiarire la situazione di mercato di Viola e Letizia, due elementi amati e stimati dalla piazza sannita e dal tecnico stesso, ma richiesti da Chievo e Cagliari nella massima serie.
"Non ho paura di perderli.
Ho parlato con ognuno dei miei giocatori e so che questi due ragazzi hanno sposato il progetto giallorosso.
E' normale, sono ambiziosi, ma è meglio avere dei ragazzi che aspirino a giocare nella massima serie, anziché altri che si accontentino già adesso. L'importante è che chi rimanga, lo faccia perché motivato".
Riallacciandosi ad un discorso tattico, è stato chiaro l'interesse di Bucchi di sciorinare l'importanza del centrocampo nel suo stile di gioco: "E' un ruolo fondamentale: il mio prototipo di centrocampista gestisce i ritmi e sa come comportarsi a seconda della partita.
I profili che abbiamo mi offrono molti spunti: Bandinelli è reduce da una ottima stagione; Del Pinto risponde sempre presente; punteremo sul giovane Volpicelli; aspettiamo invece Bukata che, per video, mi è sembrato molto interessante.
Le caratteristiche che cerco sono, in ordine: intelligenza, tecnica, velocità e, infine, struttura fisica".
Su Del Pinto, uno dei famosi "immortali", ovvero uno di coloro che, con la maglia giallorossa, sono riusciti nell'impresa del doppio salto di categoria, rimanendo nel Sannio, ha poi aggiunto: "E' un ragazzo molto generoso ed intelligente.
E' un piacere lavorare con lui, sono convinto che sarà molto utile per la squadra".
Una chicca, però, mister Bucchi l'ha voluto fornire anche per quanto riguarda il mercato in entrata.
"Buonaiuto?
Devo essere sincero: mi piace, lo voglio, così come lo vuole la società.
A prescindere dal vantaggio che non influirebbe sulla lista, essendo "giocatore bandiera", sono convinto che qui potrebbe rilanciarsi.
E' maturo, ha solo bisogno di continuità e qui, magari, potrebbe essere invogliato a far bene nella piazza in cui è cresciuto.
Lo dico: voglio Buonaiuto".
L'ultima informazione, non meno importante, è poi stata fornita riprendendo il discorso della fascia da capitano: "Hanno deciso i ragazzi, era giusto così.
La fascia è stata indossata da Maggio e mi fa piacere: ha grande carisma, è un giocatore intelligente e di esperienza ed è giusto che i giovani imparino dal suo esempio.
Su questo la penso alla vecchia maniera, insomma".
In Coppa, la Strega affronterà l'Imolese che si è qualificata riuscendo a battere, in esterna, la Carrarese per 0-1.
Ventitrè sono i convocati di mister Bucchi per questa sfida.
Non figura nell'elenco l'esterno Letizia, il quale già nel test contro l'Ercolanese ha mostrato di non essere al meglio della condizione.
Assenti anche gli acciaccati Antei e Iemmello, oltre al partente De Falco, Bukata e Volpicelli.
Ecco la lista: Portieri: Puggioni, Montipò, Gori; Difensori: Billong, Costa, Di Chiara, Gyamfi, Maggio, Sparandeo, Tazza, Tuia, Volta; Centrocampisti: Bandinelli, Del Pinto, Nocerino, Tello, Viola; Attaccanti: Coda, Filogamo, Improta, Insigne, Ricci, Santarpia.
La formazione iniziale sarà, probabilmente, quella vista in campo, all'inizio, nell'amichevole del 2 agosto contro l'Ercolanese:
Puggioni tra i pali; Maggio come terzino di destra, Di Chiara a sinistra.
Centrali dovrebbero essere Volta e Costa.
Centrocampo a tre con Nocerino, Viola e Tello, in ballottaggio con Bandinelli e Del Pinto.
Trio offensivo con Insigne, Coda e Improta.
A dirigere la gara sarà Valerio Marini di Roma 1.
Il fischietto laziale sarà coadiuvato dagli assistenti Giuseppe Opromolla di Salerno e Francesco Fiore di Barletta.
IV Uomo sarà Fabio Natilla di Molfetta.
La società, infine, ha comunicato i numeri di maglia assegnati ai calciatori per la stagione 2018-2019:

Portieri: 1 Puggioni, 12 Montipò, 22 Gori, 32 Cotticelli;

Difensori: 2 Sparandeo, 3 Letizia, 5 Antei, 6 Billong, 7 Di Chiara, 11 Maggio, 13 Tuia, 14 Volta, 15 Costa, 18 Gyamfi, 24 Tazza;

Centrocampisti: 4 Del Pinto, 8 Tello, 10 Viola, 20 Bukata, 23 Nocerino, 25 Bandinelli, 28 Volpicelli, 31 De Falco;

Attaccanti: 9 Coda, 16 Improta, 17 Iemmello, 19 Insigne, 26 Santarpia, 27 Ricci, 30 Filogamo.

comunicato n.114999



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 176206907 / Informativa Privacy