Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 2108 volte

Benevento, 11-06-2018 14:46 ____
A Ponte ha vinto la "rivoluzione" di Marco Fusco che distacca le altre due liste capeggiate da Achille Antonaci e Domenico Scrocco
Allo spoglio, l'incertezza sull'esito finale dell'elezione si e' quasi subito dipanata. Forse la differenza e' stata data anche dal sostegno ricevuto dall'ex sindaco Mario Meola
di Giacomo De Angelis
  

Con complessivi 634 voti, ha vinto la lista del candidato sindaco Marco Fusco, "Rivoluzione Ponte".
Questo l'epilogo della lunga campagna elettorale pontese.
Tre le liste in campo; "Ponte per il Futuro" capeggiata da Achille Antonaci, "Rivoluzione Ponte" guidata da Marco Fusco e "Uniti per Ponte" con a capo Domenico Scrocco.
Allo spoglio, l'incertezza sull'esito finale dell'elezione si è quasi subito dipanata.
La lista vincente ha iniziato in testa ed ha condotto la... conta fino alla fine, distanziando la lista del candidato sindaco Achille Antonaci di cinquantotto voti e quella del candidato sindaco Domenico Scrocco di 123 voti.
Chi riteneva che l'incertezza dell'esito, che ha d'altronde caratterizzato la campagna elettorale, potesse stimolare una maggiore affluenza alle urne è stato in pratica smentito.
L'affluenza che, peraltro, si è concentrata nella mattinata, è stata in linea, se non al di sotto, delle ultime tornate elettorali; complessivamente 1.721 i votanti.
Per certi versi, è un dato alquanto singolare.
Tuttavia, più sorprendente è stata la sconfitta della lista "Uniti per Ponte" del candidato sindaco Domenico Scrocco, considerata dall'inizio la pretendente più attrezzata.
In merito, taluni ritengono che la gestione e gli argomenti utilizzati nel comizio di chiusura della campagna elettorale abbiano provocato un qualche ripensamento.
In tale occasione, infatti, il candidato sindaco Scrocco ha utilizzato soprattutto argomenti e riflessioni che attenevano più a candidati in altre liste che al programma e a problematiche di gestione amministrativa.
Probabilmente, quello di Scrocco è stato il tentativo di sovvertire un trend percepito in calo? Chissà?
Comunque, questo dovrebbe essere un dato più reale, ad influenzare il risultato elettorale sono stati anche i voti dirottati su candidati della lista vincente dal sindaco uscente Mario Meola, dopo che il tentativo di allestire una sua lista elettorale era scemato.
Una scelta quella del sindaco uscente che, se determinata dalla volontà di "punire" il suo vice sindaco che nel maggio del 2017 lo aveva in sostanza fatto decadere, ha colpito nel segno giacché il divario finale tra la lista vincente e quella di Antonaci è stato di soli cinquantotto voti.
Tuttavia, come già accennato in un nostro precedente articolo, ad animare oltremodo il confronto politico sono stati alcuni volantini anonimi, offensivi e davvero irriverenti nei confronti di taluni candidati.
Tale becero e cadenzato dileggio ha, con diversa intensità, interessato i candidati delle tre liste e ha suscitato ovviamente la sdegnata reazione della cittadinanza.
Sarebbe comunque interessante capire quali possano esserne stati gli effetti sull’intenzione di voto.
Intanto, stando ai risultati delle votazioni, a determinare la vittoria sembra essere stata, come sempre succede nelle piccole comunità, la capacità di intercettare consenso da parte dei candidati.
In tale senso, davvero stupefacente, considerando il numero delle liste e dei rispettivi candidati in lizza, è stata la performance di due candidati della lista vincente, Antonello Caporaso e Angela Trosino che hanno rispettivamente ottenuto 160 e 130 voti di preferenza.
Bel bottino per davvero.
Tale serbatoio ha poi praticamente determinato il distacco finale.
Stando ai risultati, del nuovo Consiglio comunale faranno parte il neo sindaco, Marco Fusco ed i suoi candidati consiglieri Antonello Caporaso e Angela Trosino, per l’appunto, cui seguono Alessandra Meoli (61 preferenze), Fabrizio Boscaino (48 preferenze), Lorenzo Nifo Sarrapochiello (47 preferenze), Maria Fatima Simeone (43 preferenze) e il giovanissimo, solo diciotto anni, Luca Simeone (35 preferenze); a costoro si uniscono il candidato sindaco della lista "Futuro per Ponte", Achille Antonaci, il suo candidato consigliere Pietro Stefanucci (116 preferenze) ed infine il candidato sindaco di Uniti per Ponte, Domenico Scrocco.
E' un Consesso civico molto rinnovato.
Pochi coloro che hanno già maturato una precedente esperienza consiliare.
Nei banchi della maggioranza c'è, infatti, il solo Boscaino con un'esperienza negli anni novanta.
L'opposizione, invece, annovera l’ex vice sindaco Antonaci e l’ex consigliere comunale Stefanucci.
Intanto, buon lavoro al neo sindaco ed al Consiglio comunale!

comunicato n.113601



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 170378115 / Informativa Privacy