Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1461 volte

Benevento, 10-06-2018 14:10 ____
Il treno storico ha portato a Benevento un centinaio di turisti dal salernitano ma occorre fare di piu' affinche' il territorio ne tragga beneficio
Occorre allestire pacchetti turistici per almeno un pernottamento. Per intanto occorre una cartellonistica per la Stazione Arco Traiano non conosciuta. Poi si dovrebbe invertire i senso di marcia di vico Tiengo cosi' come avverra' per via Annunziata
Nostro servizio
  

La scorsa volta il treno non lo abbiamo nemmeno visto, incomprensione sugli orari.
Stavolta, è arrivato con circa mezz'ora di ritardo, ma va bene così, l'importante è esserci, noi ed il treno, anche perché tutto deve essere fatto senza affanno visto che la destinazione è una giornata di svago e d'immersione nelle bellezze culturali della nostra Benevento.
Quelle aspettano, non scappano.
Allora ecco che dalla galleria San Pasquale, proveniente da Salerno, è giunto alla Stazione "Benevento Arco Traiano" il treno storico "Sannio Express", in versione de "Il treno di Arechi" con al suo interno un centinaio di persone composte da una rappresentanza di archeologi e stampa salernitana che si è diretta, a piedi, al villaggio longobardo dei Santi Quaranta per un convegno su "Longobard Ways".
Tutto questo dopo essersi tuffanti nella storia dei trasporti e delle auto d'epoca in mostra lungo via Traiano e sotto l'Arco.
L'iniziativa di Rfi e Fondazione Fs, è accompagnata dalla Condererazione Nazionale Artigianato (Cna), presente qui alla stazione con i vertici provinciali Antonio Catalano ed Annarita De Blasio e con rappresentanze di Salerno e Avellino assieme al Gruppo Archeologico Salernitano ed ai Longobard Ways.
Stavolta all'arrivo del treno tutti presenti a partire dal sindaco Clemente Mastella, all'assessore alla Cultura, Oberdan Picucci, al consigliere comunale, Renato Parente, al consulente del presidente De Luca per quanto attiene le tematiche inerenti la realizzazione della linea ferroviaria Napoli-Bari, l'Alta Velocità, Costantino Boffa, Alessio Fragnito, presidente dell'Associazione Benevento Longobarda e tanti altri curiosi ed appassionati della storia antica della città.
E' ancora un'occasione per accendere i riflettori sulla nostra città, ci ha detto il sindaco Clemente Mastella, utilizzando stavolta una via su rotaie che consente a tanti passeggeri di venire e di sostare per qualche ora in città.
In questo modo viene data ulteriore vitalità alla città di Benevento nella ricostruzione di questo perorso storico che è anche un percorso che mi auguro faccia ulteriormente anche lievitare l'economica della nostra città.
L'intento ora è quello di fare un passo in avanti e di realizzare una sorta di piccola metropolitana cittadina che possa celermente collegare i quartieri della città utilizzando le stazioni ferroviarie esistenti.
Vedremo se ce ne saranno le condizioni.
Per quanto mi riguarda ho già aperto una vertenza trasporti con la Regione Campania perché abbiamo la tratta di collegamento con Napoli, quella via Valle Caudina, che stenta ad andare avanti. Hanno tolto ulteriori carrozze e locomotori ed ora vediamo se in un quadro generale riusciamo ad avere una forma di risarcimento da spendere appunto nella collocazione urbana della metropolitana leggera.
Nella mescolanza delle persone, giovani, anziani, vogliamo rendere evidente il passato e rappresentare questa condizione odierna, una mescolanza che può rappresentare un volano per la crescita economica e turistica della città.
Una iniziativa importante, ha detto poi l'assessore alla Cultura, Oberdan Picucci, da inquadrare nell'ottica di una rete sinergica che promuova i flussi turistici verso la nostra città.
Per essere attrattivi, oltre al patrimonio artistico bisogna dotarsi di una serie di servizi logistici a supporto.
Il collegamento ferroviario è sicuramente uno di questi.
Benevento ha tutte le potenzialità per diventare una sempre più importante meta turistica, strategica anche rispetto a tutte le altre attrazioni culturali e commerciali dell'intera provincia.
Costantino Boffa è rimasto soddisfatto di questa iniziativa che continua a riscuotere un grande interesse da parte della gente.
Bisogna però fare di più, insistere ma anche organizzarsi per proporre dei pacchetti turistici che possano contentire ai turisti del Treno Storico di soggiornare a Benevento almeno una notte.
E' il soggiorno, infatti, come è ampiamente noto nelle scienze turistiche, che porta guadagno al territorio.
Ovviamente, queste manifestazioni sono a livello sperimentale, ci ha detto Boffa, anche per capire la reazione dell'utenza, ma noi dobbiamo puntare a renderle stabili e come dicevo, a fare pacchetti per il fine settimana, allora tutto ha senso.
Analoghe iniziative stanno riscuotendo un grande successo al Nord dove si usano anche le vecchie locomotive a carbone, ma anche in Francia.
L'ex parlamentare Costantino Boffa ha anche chiesto al Comune di indicare, con un po' di cartellonistica, l'accesso alla Stazione Arco Traiano, sconosciuta ai più e forse non sarebbe nemmeno sbagliato invertire il senso unico di vico Tiengo facendolo tornare con la direzione da via San Pasquale a via Vittime di Nassirija e non il contrario come è oggi.
Il sindaco Clemente Mastella ha preso atto della richiesta e ci ha detto che a breve ci sarà anche il cambio  nuovamente e definitivamente del senso di marcia in via Annunziata che sarà nuovamente a scendere da piazza IV Novembre a via Gaetano Rummo.

Le foto sono di "Gazzetta di Benevento". Riproduzione vietata.

 

 

 

 

 

 

 

 

comunicato n.113574



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 164138788 / Informativa Privacy