Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 164 volte

Benevento, 11-03-2018 19:39 ____
Calcio a 5: Sconfitta sul filo di lana nel campionato di C1 per il Benevento 5 in casa con il Real San Giuseppe
In C2 non conosce ostacoli la marcia vincente della capolista Sporting Limatola. Sorridono anche Libertas Cerreto e Sanniti Five Soccer che pero' recriminano per un'aggressione subita al termine della partita. Disco rosso per il Boca Futsal
Redazione
  

In un match che si è aperto con un minuto di raccoglimento per ricordare il capitano dei viola Davide Astori e con il Benevento 5 che, per questa gara, ha deciso d'indossare la maglia della Fiorentina, come segno di vicinanza ed affetto verso il club toscano, a vincere, nel campionato di Serie C1 di Calcio a 5, è stata, sul filo di lana, la capolista Real San Giuseppe, cinica al punto giusto e brava a sfruttare i troppi errori della compagine di casa battuta con il punteggio di 8-6 in piena zona Cesarini.
Pronti via e le reti di Andreozzi e Ferrajoli hanno fatto subito capire a Iannelli e soci che sarebbe stata dura mettere i bastoni tra le ruote ad un team esperto come quello di mister Florio, ma al minuto numero otto un guizzo di Perugini ha riaperto la gara.
Sulla successiva azione, il pallone del 2-2 è poi capitato sui piedi di Offreda che ha messo a sedere il portiere, ma in maniera incredibile ha, quindi, depositato la sfera fuori.
Gol sbagliato gol subito ed a 13' un diagonale non irresistibile di Campano ha portato gli ospiti sul 3-1 mentre al 18' Ferrajoli ha segnato anche il 4-1, in parte mitigato dal gol del 4-2 al 19' di Griffini per un Benevento 5 poco incisivo in zona d'attacco e che ha lasciato troppo liberi gli avversari di concludere.
Poi, quando la testa dei sanniti era forse già negli spogliatoi, il Real San Giuseppe ha fatto di nuovo centro e le due squadre sono andate al riposo con i giallorossi sotto con un pesante e poco veritiero 5-2 da dover recuperare, considerando la grossa mole di gioco prodotta dalla squadra di casa.
Nella ripresa un primo scossone c'è stato quando Perugini ha messo a segno il 3-5 e sessanta secondi più tardi i locali hanno clamorosamente sbagliato una ripartenza in netta superiorità numerica e sulla palla persa, il Real San Giuseppe non si è lasciato sfuggire l'occasione segnando il 6-3.
Quindi, quando la gara stava per scivolare via senza grossi sussulti, pur essendo il pallino del gioco quasi sempre nelle mani di un volenteroso Benevento 5, a cavallo del quarto d'ora una doppietta di De Simone ed un gol di Iannelli hanno portato il punteggio sul 6-6, complice anche l'ottima prestazione tra i pali di Mauro Serino e del giovane Guerrera, capaci entrambi con il loro ingresso nella ripresa, insieme all'altro under De Simone, di dare la scossa alla squadra.
Con la vittoria tornata clamorosamente in bilico, la scelta della capolista è stata quella di schierare il portiere in movimento ed a poco più di un minuto dalla fine gli ospiti hanno trovato un gran gol con la palla che si è insaccata nel sette con Serino invano proteso in tuffo.
Il Benevento 5, a questo punto, non ha potuto fare altro che provare la mossa del portiere in movimento, ma l'esito non è stato quello sperato e sull'ultimo pallone la prima della classe ha realizzato il definitivo 8-6.
Alla fine della regular season, mancano ormai solo due giornate e nel prossimo turno il Benevento 5 affronterà, sempre in casa, lo Sporting Cavese, un match da vincere a tutti i costi per provare a tornare in corsa per i play-off ed allo stesso tempo per non correre il rischio di dover giocare i play-out essendo la classifica molto corta nella parte bassa.
Ecco il tabellino dell'incontro

Benevento 5-Real San Giuseppe 6-8

Benevento 5: Canonico, Della Ragione, Guerrera, Offreda, De Luca, Perugini (2), Iannelli (1), De Simone (2), Impronta, Griffini (1), Chiumiento, Serino M. Allenatore Maio-Sorice

Arbitri: Schettino di Castellammare di Stabia e Vallecaro di Salerno
***
Venendo al campionato di Serie C2, non conosce soste la corsa della capolista Sporting Limatola che ha vinto per 3-0 sul campo del Borgo Five Soccer grazie alle marcature di Benincasa, Sabino e Caliendo.
Sconfitta, invece, per il Boca Futsal per 5-4 sul campo del Real Boys Maddaloni.
La Libertas Cerreto ha fatto suo lo scontro contro lo Sport&Vita con un perentorio 11-3, approdando solitaria al terzo posto.
I ragazzi di mister Daniele Ventimiglia sono partiti con il piede sull'acceleratore, dando subito una sterzata al match e mostrando un futsal veloce, divertente, spettacolare e produttivo.
Reti spettacolari per preparazione ed esecuzione.
La differenza, rispetto all'ultimo scorcio di campionato, sta tutta nel fatto che il Cerreto ha saputo, stavolta, dar seguito anche nella ripresa ad un grande primo tempo.
Spettacolo, quindi, per il pubblico accorso al palazzetto cerretese e vittoria fondamentale, contro una squadra reduce da un 2018 di grande livello.
Mattatore è stato il capitano Domenico Mazzarelli, autore di una tripletta.
Le altre reti cerretesi hanno portato la firma di Alessandro Cimmino, che ha aperto le marcature, Walter Iadarola, Francesco Vito, Giovanni Nunziante e doppiette per Alessandro Mercone e Giuseppe Pelosi.
Vittoria dedicata al dirigente Giovanni Salvatore, che ben presto tornerá a seguire da vicino la squadra.
Da sottolineare la stagione della Libertas che, da neo-promossa, sta disputando un campionato di assoluto livello.
Soddisfazione, a fine gara, nelle parole di Franco De Simone, dirigente cerretese: "Il fatto che, al momento, una neo-promossa come noi rappresenti forse l'unica speranza di non far arrivare il Club Eden Acerra a 10 punti dalla terza, per scongiurare il pericolo di non disputa dei play-off, la dice lunga sulla bontà del lavoro dei ragazzi e del mister.
Andiamo avanti fiduciosi, sperando di raccogliere il frutto di quanto stiamo facendo e giocare quindi questi meritati spareggi promozione".
Importante vittoria, in chiave salvezza, infine, per i Sanniti Five Soccer per 9-8 sul terreno dello Sparta Marigliano con le reti di De Luca (2), Landolfi (3), De Franco (2), Lanni, Muscetti.
Un successo che accorcia ulteriormente la distanza per la salvezza diretta e nell'eventuale miglior piazzamento nei play-out.
Una vittoria meritata ed ancora più bella, ottenuta nell'ultimo minuto di gara, con la rete di De Franco, una remontada, dopo che a sei dal termine i locali erano avanti 8-6.
Tre punti voluti e cercati, nonostante la prestazione sia stata sottotono, per via anche degli assenti (Pastore squalificato, Zarrelli, Aquino, Ranauro e De Santis).
Questa la formazione scesa in campo: Repola tra i pali, Muscetti, poi Lanni e Landolfi laterali e De Luca pivot.
Sono entrati, quindi, De Franco, Goduto, De Mare, Biele, Di Nunzio e Cella.
La sfida, però, è stata condizionata da un'aggressione che i calcettisti giallorossi hanno subito alla fine del match.
"Sono volati - scrive la società in una nota - schiaffi, calci e pugni, con gli atleti locali, pubblico in campo, tra cui, tra i più esagitati, un giocatore squalificato dello Sparta già da due giornate ed un'altra persona che, sicuramente, vista l'età, sarà padre di figli!
Tutto è avvenuto a centrocampo, sotto gli occhi dell'arbitro.
Un'aggressione gratuita, nessun precedente che potesse far pensare a tutto ciò, forse hanno un modo del tutto anomalo di "ringraziare", per avergli fatto il favore di anticipare la partita al venerdi, nonostante avessimo avuto delle defezioni, per lavoro, di ben cinque atleti (Zarrelli, Aquino, su tutti, gli under Ranauro e De Santis e con Pastore già squalificato).
Unica nota positiva, il comportamento del mister Mattiello e del capitano De Luca che, a fine gara, sono entrati nello spogliatoio a scusarsi di quanto accaduto.
Episodi da condannare che con lo sport non hanno nulla a che vedere, in una settimana troppo triste per la morte di Astori".
"Con dispiacere, perché non ero presente per esigenze lavorative - ha aggiunto il direttore dei Sanniti, Fabrizio Cusano - mi è stato raccontato dell'accaduto e sono stato in "diretta" con i dirigenti presenti per tutto il tempo.
Una cosa grave, una vera e propria aggressione dai giocatori e tifosi della squadra di casa.
Avevamo accettato di anticipare la partita e questo è stato il ringraziamento.
Per tutta la settimana precedente, sono stato in contatto con il loro dirigente Mattiello che ci ha chiesto il favore di anticipare o posticipare il match per problemi di campo.
Ci siamo messi a disposizione per giocare di giovedì, di venerdi, di lunedi... e questo è il ringraziamento.
Non riesco a capacitarmi del tanto agonismo ed esagitazione di alcuni giocatori durante la gara e soprattutto al fischio finale.
Addirittura, mi è stato raccontato di una tentata aggressione ad un nostro atleta classe '99 venuto in panchina per l'obbligo degli under e non entrato nemmeno un minuto.
Tutto questo non ha niente a che fare con lo sport, quello sano, pulito; sono deluso e amareggiato.
I tre punti passano in secondo piano, nessuno ha voglia di festeggiare".
"Purtroppo su questi episodi c'è poco da commentare - ha aggiunto il segretario, Fabio Sorice, sulla stessa lunghezza d'onda del direttore - in una settimana così triste per lo sport mondiale dobbiamo parlare di una partita terminata con un aggressione ricevuta del tutto gratuita.
Queste realtà dovrebbero sparire dal panorama calcistico o, quanto meno, fare in modo che i propri atleti o tifosi rispettino gli avversari.
Siamo fiduciosi nelle decisioni del giudice sportivo.
L'arbitro ha visto tutto ed il Comitato regionale deve intervenire con la mano pesante, altrimenti avalla certi comportamenti e viene meno la fiducia nella giustizia, creando dei pericolosi precedenti.
Poi voglio fare un appello, perché adesso non c'è solo una categoria da difendere e, siamo più determinati che mai, ma c'è l'onore, il rispetto e la dignità di una città, troppe volte offesa, da portare avanti, quindi chiedo a tutti gli addetti ai lavori che si sentono beneventani di venirci a sostenere dalla prossima gara, già da venerdì, contro la Sinope Mondragone.
Il mio appello cade soprattutto sui ragazzi della Curva Sud del Benevento, sempre sensibili ad ogni causa.
Dateci una mano a far rispettare Benevento ed i beneventani".

comunicato n.110901



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 170475112 / Informativa Privacy