Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 898 volte

Benevento, 10-03-2018 19:27 ____
Calcio, Serie A: A Firenze si giochera' nel ricordo di Astori. Per il Benevento domani un match particolare e difficile. Da tenere a bada le emozioni
La partita si giochera' regolarmente domani ad ora di pranzo a sette giorni dalla scomparsa del capitano dei viola. Surreale si prevede l'atmosfera
di Francesco Maria Sguera
  

Sette giorni sicuramente non bastano a dimenticare il passato.
Non sono sufficienti, certamente, per mettere da parte la commozione dovuta al vuoto profondo, creato dalla scomparsa del capitano trentunenne.
L'anima della Fiorentina, infatti, è venuta meno quel maledetto 4 marzo, quando Davide Astori, poco prima del match in trasferta ad Udine, è stato trovato privo di vita nel suo letto.
Il ventisettesimo turno è stato sospeso, ma, fino a qualche giorno fa, non era da escludere l'ipotesi di ulteriore rinvio della gara di domani, alle 12.30.
I due club si sono sentiti, il Benevento, attraverso le parole del proprio capitano e del proprio mister, aveva dato la disponibilità al rinvio.
Ma secondo quanto affermato dal presidente Coni, Giovanni Malagò, al "Franchi" si giocherà regolarmente.
Regolarmente per modo di dire, perché bisognerà tenere conto del clima surreale in cui si disputerà la gara.
La commemorazione ed il tributo di tutto lo stadio per Astori giocheranno il proprio ruolo.
Inoltre, la Fiorentina, in settimana, si è allenata poco e, probabilmente, distrattamente. 
Dunque, a tutti gli effetti, quella di domani sarà una gara dall'esito del tutto imprevedibile.
Ci si potrebbe attendere una reazione dei toscani che, mai come in questo caso, hanno le migliori motivazioni per vincere e dedicare i tre punti al compagno scomparso, ma non è escluso che gli stessi possano subire il contraccolpo fisico e psicologico, dando vita ad un altro tipo di gara.
Lo stesso De Zerbi, d'altro canto, ha espressamente affermato che, fosse stato per lui, avrebbe preferito spostare la gara: "Avremmo preferito giocare la partita in altre condizioni. 
Non ci andava di scendere perché qualora dovessimo vincere contro un avversario che moralmente è in quelle condizioni non sarebbe bello nemmeno per noi. 
Preferirei retrocedere che vincere sfruttando una tragedia altrui".
Parole schiette, dure, oneste, che, secondo lo stesso tecnico, non vogliono dire che il Benevento non abbia voglia di vincere la partita.
"Dal momento in cui la partita viene disputata, onoreremo l'impegno perché è una forma di rispetto".
Così, dunque, il tecnico si è espresso in conferenza, rendendo ancor più misteriosa la gara di domani.
I giallorossi, in ogni caso, dovranno interpretare nel migliore dei modi le parole dell'allenatore, al fine di mantenersi cinici e di cercare di conquistare punti importanti in ottica salvezza.
A Firenze, per gli stregoni, non ci saranno D'Alessandro e Sandro, out per infortunio, oltre al lungodegente Antei ed agli squalificati Viola e Lucioni.
Sono ventidue, dunque, i convocati di mister De Zerbi: Portieri: Puggioni, Brignoli, Piscitelli; Difensori: Billong, Letizia, Costa, Venuti, Djimsiti, Gyamfi, Tosca, Sagna; Centrocampisti: Guilherme, Memushaj, Djuricic, Del Pinto, Cataldi; Attaccanti: Brignola, Diabatè, Coda, Iemmello, Lombardi, Parigini. 
Gli undici titolari dovrebbero esser esattamente gli stessi che, nel solito 4-3-3, sette giorni fa, avrebbero dovuto affrontare l'Hellas Verona.
Per quanto concerne le convocazioni dei viola, mister Stefano Pioli non ha avuto troppi problemi: l'infermeria si è svuotata del tutto e non vi sono stati dubbi.
Tutti convocati, dunque.
Portieri: Sportiello, Dragowski, Cerofolini; Difensori: Biraghi, Laurini, Gaspar, Hugo, Milenkovic, Olivera, Pezzella; centrocampisti: Badelj, Benassi, Chiesa, Cristoforo, Dias, Dabo, Eysseric, Petko, Saponara, Veretout, Zekhnini; Attaccanti: Lo Faso, Simeone, Thereau e Falcinelli. 
Le uniche incertezze riguardano il modulo: il mister confermerà ancora la difesa a tre?
Sembrerebbe di no.
Davanti a Sportiello, infatti, dovrebbero giocare Pezzella e Vito Hugo centrali, con Laurini in vantaggio nel ballottaggio con Milenkovic, che prevederebbe un cambio di modulo, e Biraghi sulle fasce arretrate.
A centrocampo, ci saranno Benassi, Veretout e Badelj, eletto nuovo capitano.
Nel trio d'attacco Simeone, punta centrale, sarà accompagnato da Chiesa e Thereau sulle ali.
A dirigere la gara, sarà Fabio Pasqua di Tivoli.
Suoi assistenti saranno Stefano Del Giovane di Albano Laziale e Stefano Liberti di Pisa.
IV Uomo, Riccardo Ros di Pordenone.
Var, Luigi Nasca di Bari.
Assistente Var, Francesco Paolo Saia di Palermo.
Il fischietto laziale vanta ben sei precedenti con gli stregoni, con due successi e quattro sconfitte.
Eccoli di seguito: 28 novembre 2010: Foggia-Benevento 2-1; 18 febbraio 2017: Pro Vercelli-Benevento 0-1; 8 giugno 2017: Benevento-Carpi 1-0; 20 agosto 2017: Sampdoria-Benevento 2-1; 27 novembre 2017: Atalanta-Benevento 1-0; 17 dicembre 2017: Benevento-Spal 1-2.
In un match che sembra non poter conoscere mezze misure, il Benevento dovrà combattere con le unghie e con i denti per vendicare il tonfo subito all'andata per 0-3 (nella foto un momento) e per cercare di accorciare la classifica per quanto concerne la zona calda, senza dimenticare lo sfortunato Davide Astori.

ap - Con questo articolo comincia la sua collaborazione con "Gazzetta" Francesco Maria Sguera, un giovane studente della Facoltà di Giurisprudenza che inizia, con noi, questo nuovo percorso di vita che lo condurrà, gli auguriamo di cuore, al raggiungimento di ambiti traguardi professionali.
Caro Francesco Maria, benvenuto tra noi e buona strada.

comunicato n.110879



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 170475392 / Informativa Privacy