Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1247 volte

Benevento, 07-02-2018 19:12 ____
"Liberi e Uguali" si presenta con i suoi candidati come una forza alternativa e anche l'unico gruppo che si pone in antitesi al consociativismo
Il Movimento nasce dalla difesa della Costituzione e lavora per eliminare tutte le distanze economiche e sociali. Alla presentazione della lista i candidati: Angelo De Marco, Laura Racchi, Gianluca Serafini ed Amerigo Ciervo
Nostro servizio
  

Si è tenuta, questa pomeriggio, presso la sede di piazza Colonna a Benevento, la presentazione dei candidati sanniti di "Liberi e Uguali" alle prossime elezioni politiche.
Sono, infatti, intervenuti Angelo De Marco e Laura Racchi, candidati al collegio plurinominale alla Camera; Gianluca Serafini, candidato al collegio plurinominale al Senato, ed Amerigo Ciervo, candidato al collegio uninominale alla Camera dei Deputati.
Alessandra Limata, assessore al comune di Torrecuso, candidata alla Camera dei Deputati, non ha potuto prendere parte alla conferenza stampa a causa di problemi di salute, ma ha fatto pervenire la convinzione nei confronti del progetto derivante dalla propria esperienza di amministratrice locale, di operatrice della giustizia, di donna e di mamma.
Angelo De Marco, vicecoordinatore di Articolo 1 - Mdp, intervenendo in apertura ha detto: "Liberi e Uguali ha l'intenzione di dare una rappresentanza nuova al mondo del lavoro e invito a cogliere questa opportunità anche a tutte le altre forze che vogliono rappresentare i lavoratori.
Siamo una forza alternativa ed anche l'unico gruppo che si pone in antitesi al consociativismo.
E' un progetto di medio-lungo periodo, a cui chiediamo di contribuire con un voto realmente utile che possa dare forza ad un progetto politico nuovo e distante dalle altre proposte politiche".
Laura Racchi, consulente legale e attivista dei diritti, intervenendo in seguito, ha aggiunto: "Viviamo una crisi sociale forte con effetti distonici storici.
E' importante apportare un contributo, in questo contesto, e assumersi responsabilità.
Liberi e Uguali nasce dalla difesa della Costituzione e lavora per eliminare tutte le distanze economiche e sociali. Inoltre, sul versante dei diritti, bisogna dire che, come donna, non mi sento uguale agli uomini davanti alla legge: Infatti alle donne vengono chieste cose che agli uomini non vengono domandate e faccio riferimento ai temi legati all'aborto ed all'obiezione di coscienza oppure alla fecondazione eterologa.
Alla luce di ciò, c'è bisogno di più Sinistra per agire sui diritti delle donne che sono ancora fortemente compressi".
Gianluca Serafini, amministratore locale di Telese Terme, riferendosi ai temi più attinenti all’attualità, ha riconosciuto: "Questo è un paese in cui non si sono mai fatti interamente i conti con il passato e i gesti di questi giorni lo evidenziano.
Spesso le riforme, in Italia, hanno coinciso con cambiamenti che peggiorano la vita dei cittadini e questo fa il paio con un asse politico che prova a saldare posizioni diverse.
Interrogarsi su questo problema non è una questione che ha a che fare solo con la costruzione della sinistra, ma riguarda la carne e il sangue della gente, le condizioni dei lavoratori, dei cittadini e di tutti coloro i quali cercano una casa".
Serafini, inoltre, ha aggiunto: "In questa fase dobbiamo mettere in campo tutto quello di cui disponiamo e, in questo senso, la scommessa di Liberi e Uguali funzionerà nel momento in cui proviamo a costruire una pratica politica nuova capace di mettere in campo nuove prassi dal punto di vista economico e sociale".
Ultimo ad intervenire, nell'ambito dell'incontro con la Stampa, è stato Amerigo Ciervo, candidato al collegio uninominale.
"Sono qui - ha detto Ciervo - perché ho voluto mettere la faccia in questo progetto perché avverto la mancanza di una casa comune dove l’uguaglianza non sia solo formale, ma soprattutto sostanziale.
I miei punti di riferimento sono il Vangelo e i 12 articoli fondamentali della Costituzione".
Ciervo, inoltre, si è soffermato in maniera particolare sul tema della scuola: "In Italia solo 18 ragazzi su 100 si laureano, nessuno si interroga in maniera seria su questo.
Pare, infatti, che i partiti siano tutti uguali: Non vedo differenza fra i discorsi che su questo tema fa il centrodestra e il Partito Democratico.
L'economicismo ha fatto danni una volta introdotto nel mondo della scuola: La riforma della scuola non premia affatto il merito ma il reddito e la scuola stessa è diventato specchio della società".
Ciervo, in conclusione, ha aggiunto: "L'indignazione deve tradursi in scelte politiche nuove e sono felice di affiancare un nuovo gruppo di giovani in grado di portare questa bandiera con l'orgoglio di appartenere ad una grande storia che ha portato il paese a liberarsi dal fasciamo ed a gettare le basi per una Costituzione che rispetta le persone".

Le foto sono di "Gazzetta di Benevento". Riproduzione vietata.

 

 

comunicato n.109967



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 161831489 / Informativa Privacy