Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 424 volte

Benevento, 06-12-2017 17:59 ____
Il Consiglio di Stato riamette la Quadrelle alla gara quinquennale da cui era stata esclusa ma rinvia per l'esecuzione a febbraio 2018
Intanto domani si potrebbe avere il giudizio del Tar anche sulla gara a tre mesi appellata dalla stessa ditta. Riproponiamo il lungo e tormentato iter ma non se ne dolga chi ad un certo punto si perdera' tra le righe...
Nostro servizio
  

Neanche avvocati capaci ed esperti riescono più a dare un giudizio di merito a quanto sta succedendo intorno al servizio della refezione scolastica.
Tra Tribunale Amministrativo Regionale e Consiglio di Stato oramai è una rincorsa a sentenze ed ordinanze fra loro spesso contraddittorie e singolari.
Si tenga conto che i contenziosi si rivolgono almeno a due o anche tre esperimenti di gara.
Uno della durata di cinque anni; un altro della durata di due ed un terzo della durata di tre mesi.
Su quello più corposo, la gara dei cinque anni di appalto, c'è stata oggi la pronuncia del Consiglio di Stato.
Sia la ditta Quadrelle che la Glm furono escluse dalla Commissione giudicatrice della gara d'appalto in quanto non avevano validità le Scie sanitarie riferite ai centri di cottura.
Entrambe fecero ricorso al Tar avverso l'avvenuta esclusione dalla gara.
Il Tribunale nominò i verificatori ed emerse che, nella loro consulenza di circa 200 pagine, nessuno dei due concorrenti aveva effettivamente questa autorizzazione valida, la Scia.
Quella della Quadrelle non rispondeva ad una norma; l'altra non era proprio depositata nel carteggio presentato dalla ditta.
Il Tar, dunque, confermò la esclusione per entrambe dalla gara.
Avverso la sentenza del Tar, c'è stato il ricorso al Consiglio di Stato il quale dapprima ha emesso un'ordinanza con cui ha respinto la loro richiesta di sospensiva e poi in sentenza, invece, ha argomentato confermando la esclusione della Glm mentre per Quadrelle ha affermato che è vero che la Scia non era conforme alle norme ma il Tar era andato in ultra petizione in quanto la Commissione aveva scritto nel verbale che la Scia non c'era proprio mentre essa invece non rispondeva alla norma.
Dunque, ha rigettato la richiesta risarcitoria ed ha annullato la sentenza del Tar.
Ora su questa base Quadrelle ritiene di dover essere riammessa alla gara del 2015 che vorrebbe far rivivere.
In teoria, si dovrebbero valutare le offerte relativamente alla gara del 2015-2020 e quindi aprire quelle buste che rimasero sigillate dopo la loro esclusione dall'esperimento di gara.
Su questa sentenza Quadrelle ha promosso la ottemperanza al Consiglio di Stato per la esecuzione della stessa nonostante nelle more ci sia poi stata la gara di due anni e quella conclusa dei tre mesi.
Il Consiglio di Stato, non nominando però il commissario ad acta, ha confermato che bisogna dare esecuzione alla sentenza, ma ha rinviato ad un'udienza di merito che si terrà a febbraio del 2018.
Dunque, agli effetti pratici al momento non c'è alcuna azione da fare.
Nel frattempo, Quadrelle ha impugnato sia la gara biennale che quella a tre mesi.
Per quest'ultima il responsabile unico del procedimento (rup) l'ha esclusa dalla valutazione non avendo presentato la domanda formale con le dichiarazioni necessarie.
Nel frattempo, l'aggiudicazione c'è stata. Anche sull'aggiudicazione c'è stato il ricorso.
Tutto questo dovrebbe essere compendiato domani dal Tar, dopo l'udienza di oggi, che potrebbe emettere un suo nuovo pronunciamento.
Qualora fosse favorevole a Quadrelle si sospenderebbe l'esecuzione anche della gara aggiudicata e relativa ai prossimi tre mesi, gara che non è stata fermata dal Consiglio di Stato, ma lo potrebbe essere dal Tribunale Amministrativo Regionale.
Chi non ha compreso bene qualche passaggio non si dia pena. Non è il solo...

comunicato n.108191



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 149629824 / Informativa Privacy