Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 713 volte

Benevento, 06-12-2017 16:06 ____
Come Sannio non perderemo 22 milioni di euro per le Scuole, pagheremo gli stipendi ai forestali che abbiamo anticipato ed interverremo sulle strade
Il presidente della Provincia ha commentato l'esito dell'approvazione del Rendiconto di gestione esercizio finanziario 2016. Il sindaco di San Giorgio del Sannio Mario Pepe entra nel Consesso ma si smarca dall'opposizione ed aderisce al Gruppo Misto
di Diego De Lucia
  

"Come Sannio non perderemo 22 milioni di euro per le Scuole, riusciremo a pagare gli stipendi ai forestali che abbiamo anticipato ed interverremo per le strade".
Il presidente della Provincia ha commentato, così, l'esito dell'approvazione del Rendiconto di gestione esercizio finanziario 2016.
La seduta è stata importante, però, non solo perchè l'Assise provinciale ha approvato la Variazione al Piano delle Alienazioni e Valorizzazioni Immobiliari anno 2017 ma anche il Programma dei lavori pubblici ed elenco annuale 2017; il Documento Unico di Programmazione (Dup) 2017 e lo Schema di Bilancio di Previsione 2017, ma anche perchè in Aula consiliare è entrato Mario Pepe neo consigliere provinciale e sindcao di San Giorgio del Sannio.
Pepe ha preso il posto del dimissionario Luigi De Nigris.
Rapporto gelido, questa mattina, tra Ricci e Pepe. 
Proprio il sindaco di San Giorgio si è smarcato dal gruppo di opposizione ed ha aderito al Gruppo Misto.
L'ex parlamentare ha sottolineato: "Non sono qui per fare polemiche, ma solo per collaborare con tutti voi per la rinascita dei nostri territori.
Comunico di aderire al gruppo autonomo."
Assente gran parte dell'opposizione, sono stati presenti solo il neo consigliere Mario Pepe e Giuseppe Bozzuto.
Ad introdurre i lavori, è stato il consigliere Giuseppe Ruggiero che ha detto: "Dopo tre anni riusciamo ad approvare il bilancio, anche con un attivo.
C’è stato un cambio di passo da parte della politica".
Ha poi aggiunto: "Benevento è una delle poche Province che riesce ad approvare il Bilancio di Previsione: alcune non lo fanno da due anni a questa parte".
A replicare è stato il neo consigliere del gruppo misto Mario Pepe che ha dapprima parlato delle figure delle  province: "L'Aula è povera di ricchezza psicologica, non per colpa dei presenti; ma ricordo la Provincia degli anni passati quanto l'Ente era ritenuto come necessario per il coordinamento degli interventi del territorio".
Poi ha aggiunto: "Abbiamo assistito alla morte di un Ente fondamentale: oggi chi raccorda di territori e i Comuni?
Il ministro Del Rio improvvisò una soppressione dell'Ente, ma i cittadini hanno bocciato quella riforma.
Ora bisogna ricostruire una Provincia che non ha più risorse né finanziarie, né personale, mentre proliferano nuovi Enti anche per la gestione della sanità e dei rifiuti".
Sempre sul punto, il consigliere Pepe ha auspicato: "L’augurio è che ci possiamo fare tutti è quello di ricostruire un ruolo alle Province.
Penso che tutti noi dobbiamo lavorare perché ritorni il voto popolare.
Auguro al presidente di farsi promotore di questo dibattito di carattere generale".
Pronta la replica del presidente Ricci il quale, dopo aver ringraziato Luigi De Nigris, ha risposto al neo consigliere Pepe: "Tutti noi abbiamo assistito, nel corso di anni, ad un vero e proprio attacco a questi Enti, spesso al di fuori di motivazioni ed argomentazioni valide o razionali.
Anche il mio Pd non è stato esente da colpe, è altrettanto vero che il Pd ha chiesto di votare in favore della Riforma della Costituzione, che tale Riforma conteneva una serie di quesiti che personalmente mi trovavano favorevole.
Certamente, però, non condividevo il tema della soppressione delle Province, ma la domanda sottoposta ai cittadini era secca e non era possibile dare risposte articolate.
I cittadini hanno bocciato nel complesso della Riforma: ora dobbiamo tutti contribuire a rilanciare la Provincia come Ente".
E', quindi, intervenuto Bozzuto che ha attaccato Ricci: "Ricordo che si tratta di realizzare il risanamento delle Strade Provinciali interessanti la comunità di Castelpagano.
I soldi sono disponibili da febbraio scorso, ma i lavori non sono ancora stati avviati".
Bozzuto ha criticato per una mancanza di partecipazione da parte dei consiglieri provinciali alle attività politiche ed amministrative di questa Provincia.
La delibera è passata con 6 voti favorevoli e 2 contrari, appunto quelli di Pepe e Bozzuto.
Si è passati, quindi, alla discussione, unica, degli altri punti all'Ordine del Giorno.
A relazionare è stato sempre Ruggiero che ha affermato: "Dopo aver superato l’emergenza finanziaria per i conti della Provincia di Benevento, si può pensare ad una uscita dallo stato comatoso.
In particolare, vi sono alcune opere pubbliche che potranno partire nel 2018".
Quindi ha aggiunto: "Il fondo di ripartizione concesso alle Province con complessivi 650 milioni di euro ha assegnato alla Rocca dei Rettori 6 milioni e 919mila euro.
Ulteriori risorse vengono dal fondo di ripartizione per 170 milioni che porta nuove risorse pari a 2 milioni e 424mila euro.
Altre risorse suppletive hanno sollevato le finanze della Provincia: 2 milioni e 274mila, 1 milione e 860mila euro di contributo per le funzioni fondamentali; 4 milioni e 522mila funzioni per il fondo sperimentale di riequilibrio. Soldi che hanno compensato il dissanguamento che sarebbe stato imposto dal programma di spending review per circa 20 milioni euro di nuovi tagli".
Infine ha concluso: "A corroborare le poste finanziarie anche i 20 milioni di euro per gli interventi sulla rete scolastica: fondi vincolati, ma comunque risorse assolutamente preziose.
Le poste finanziarie in termini di Bilancio di Previsione per competenza per il 2017 risultano così in perfetto equilibrio con entrate per 136 milioni ed uscite per circa 136 milioni (stesso discorso anche per la previsione su 'cassa')".
E' intrvenuto, nuovamente, Mario Pepe  che ha affermato: "Sono convinto del fatto che la Provincia di Benevento metta sul mercato una parte del proprio patrimonio immobiliare, perché è evidente che non possiamo gestirle". 
Poi ha attaccato: "Invece nel Fortore il Piano delle Opere Pubbliche non interviene con la dovuta efficacia a ragione della particolare geomorfologia e della mancata attenzione delle Amministrazioni pubbliche e per questo voterò contro".
Per quanto riguarda il Documento di Programmazione, molto critico il consigliere Pepe: "In questo Ente sembra essere una materia astratta.
Voterò contro come sul documento di Bilancio, anche se non voglio sottrarmi alla responsabilità di recuperare risorse finanziarie". 
Ha preso, quindi, la parola il vice presidente della Provincia, Francesco Maria Rubano: "Abbiamo avuto delle risposte concrete in materia di edilizia scolastica, con la percentuale superiore a quella della Toscana intera, e sulle strade, per un totale di oltre 41 milioni di euro.
Questo è un segnale di eccellenza di governo e di programmazione politica ed amministrativa".
Prima della votazione finale, è intervenuto il consigliere del Pd, Renato Lombardi, che ha detto: "Per quanto riguarda le alienazioni di beni, una di queste riguarda un terreno in Dugenta: i proventi di questa operazione ci consentiranno d'intervenire per rimettere in sicurezza l'Istituto Agrario della stessa città, in stato di abbandono oggi, ma non per colpe nostre.
Stiamo valutando una soluzione idonea e conveniente per lo stesso immobile".
Infine Lombardi ha annunciato che la Regione Campania attribuirà il 50% delle somme necessarie al pagamento degli stipendi dei forestali per il 2017, pari a 750mila euro.  
Si è passati, quindi, alle votazioni dei punti in questione.
La Variazione al Piano delle Alienazioni e Valorizzazioni Immobiliari anno 2017 è passata all'unanimità.
Sugli altri tre punti la delibera è passata con 6 voti favorevoli e 1 contrario, quello di Mario Pepe, appunto.

Le foto sono di "Gazzetta di Benevento". Riproduzione vietata.

 

 

                                           

comunicato n.108183



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 149629996 / Informativa Privacy