Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1014 volte

Benevento, 06-12-2017 11:40 ____
Una struttura molto organizzata ed i pazienti hanno, gia' dal primo giorno di cura, la terapia riabilitativa
E' quanto ha affermato il direttore dell'Unita' Operativa Complessa di Neurologia con Stroke Unit, Michele Feleppa. Il sindaco Mastella manifesta il suo compiacimento anche per le parole di apprezzamento manifestate dalla famiglia di Claudia Cretti
Nostro servizio
  

"E' una struttura molto organizzata ed i pazienti hanno, già dal primo giorno di cura, la terapia riabilitativa".
Il direttore dell'Unità Operativa Complessa di Neurologia con Stroke Unit, Michele Feleppa, ha convocato una conferenza stampa presso la Sala convegni della palazzina degli Uffici Amministrativi dell'Azienda Ospedaliera "Rummo" per far capire alla cittadinanza l'alto livello di specializzazione che rende la Neurologia sannita una struttura con respiro europeo.
Accanto a Feleppa, è stato presente il direttore generale del "Rummo", Renato Pizzuti, ed il sindaco di Benevento, Clemente Mastella.
Feleppa ha rimarcato: "In Campania siamo la maggiore Stroke Unit ed è la prima che fu attivata nel 2010.
Questa si chiama rete territoriale per un pronto recupero".
La Stroke Unit, di cui si parla in molti fatti di cronaca, non va confusa con un semplice Pronto Soccorso per ictus.
Oltre a salvare la vita del paziente nelle prime ore, grazie al cosiddetto trattamento di trombolisi, cioè lo scioglimento dei grumi trombotici che impediscono al sangue di fluire, garantisce la continuità dell'assistenza nella fase subacuta e in quella riabilitativa successiva.
In questi anni, le Stroke Unit sono risultate la migliore risposta ad un'epidemia silente che miete una vittima ogni quattro minuti e che va battuta sul tempo attraverso una rete di strutture che riducano, al minimo, i tempi d'intervento. 
Ad introdurre la conferenza, il direttore generale, Pizzuti, il quale ha sottolineato come si voglia, ancor di più, migliorare l'offerta sanitaria per l'intera collettività.
"Un buon ospedale - ha detto - lo fanno buoni medici e tecnologie d'avanguardia e noi possiamo contare sull'eccellenza nell'uno e nell'altro campo.
Lo ha rilevato nella conferenza stampa di sabato scorso anche la famiglia della ciclista Claudia Cretti: sembrava di essere stati catapultati in una dimensione di stampo elvetico, con l'aggiunta di un calore umano inedito nella fredda ritualità del convulso mondo contemporaneo, ma che riscalda il cuore, solleva la mente ed incoraggia, aiuta e contribuisce a superare le difficoltà della malattia.
Importanza notevole riveste poi l'integrazione ospedale-territorio, che nel Sannio abbiamo avviato da circa un anno con la stipula di un protocollo d’intesa tra la nostra Azienda e l'Asl.
Una sanità all’altezza dei tempi resiede anche e soprattutto in uno schema organizzativo, che, mentre assicuri il mantenimento della funzione dell'emergenza, contempli una specializzazione delle piccole strutture ospedaliere esistenti.
E' il caso dell'Ospedale "Sant'Alfonso Maria de Liguori" di Sant’Agata dei Goti, destinato a divenire un centro di alta specializzazione nella cura delle patologie oncologiche.
Questa intelligente e previdente programmazione, della quale non si può non essere grati e riconoscenti al presidente della Regione, Vincenzo De Luca, consentirà di curarsi con assoluta fiducia non lontani dalla propria casa e dall’affetto dei propri cari e di evitare quella mobilità sanitaria, che ha segnato il passato, gravando pesantemente sulle finanze regionali".
Il primo cittadino, Clemente Mastella, ha sottolineato il grado di eccellenza che il "Rummo" può vantare con il reparto di Neurologia: "Ho letto che la famiglia Cretti è rimasta molto stupita dallo stile garbato ed eccezionale che ha avuto il personale medico.
Questo non può fare che piacere".
Sulla Neurologia, il sindaco non ha nascosto il suo compiacimento per gli alti risultati che il Reparto sta ottenendo: "E' un'area che tocca sensibilità particolari.
I pazienti che soffrono di Alzheimer sono difficili da curare".
Poi ha aggiunto: "La malattia colpisce il cervello, conducendo progressivamente il malato ad uno stato di totale dipendenza, creando quindi una situazione molto complessa e difficile per la famiglia che lo deve assistere. Ricordo mio papà e mia nonna affetti da questa malattia".
Infine, è intervenuto Feleppa che ha auspicato, a breve, un protocollo d'intesa da firmare con l'Asl: "Occorre sopratutto per la prevenzione primaria.
Si potrebbe dare un ventaglio di vantaggi molto importante per l'utente.
Mi auguro che Benevento possa diventare, presto, un riferimento per l'intera regione".
Allo stesso, poi, è toccato illustrare, nello specifico, le metodiche d'avanguardia e le strumentazioni tecnologiche di ultima generazione, che fanno del reparto uno dei centri di maggiore eccellenza in particolare nel campo delle cure dell'ictus celebrale, del parkinson e dell'emicrania cronica.
"L'ictus, patologia di rilevante incidenza sulla popolazione - ha rilevato - può essere facilmente e meglio affrontato con una tempestiva terapia trombolitica (endovenosa nelle prime quattro ore e mezza dall'esordio dell'ictus) e la Stroke Unit della Unità Operativa della Neurologia del Rummo è stata la prima struttura in Regione Campania ad avvalersi di tale terapia ed è, ad oggi, la prima in Campania per numero di trattamenti-anno rispetto alla popolazione.
Per quanto concerne il Parkinson, la somministrazione dello specifico farmaco "Duodopa gel" direttamente nel duodeno con le tecniche in uso nel reparto, invece che nella forma per os, permette di aumentare l'efficacia dello stesso e di limitare significativamente gli effetti collaterali, consentendo, di conseguenza, al paziente una migliore qualità della vita.
Nondimeno, nel trattamento dell'emicrania cronica, le terapie adottate, quali le iniezioni sottocute di Botox nei siti frontali, temporali, nucali e occipitali, permettono di ridurre la frequenza e l'incidenza delle crisi e, conseguentemente, l'assunzione di farmaci oltre ad un miglioramento della qualità della vita".

Le foto sono di "Gazzetta di Benevento". Riproduzione vietata.

 

 

comunicato n.108168



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 149630050 / Informativa Privacy