Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1044 volte

Benevento, 03-12-2017 13:23 ____
Il controllo dell'udito e' stato l'aspetto sanitario indagato quest'oggi dall'iniziativa assunta dal Rotary Club con "Le Domeniche della Salute"
Il presidente del sodalizio Giovanni Cavuoto ha invitato l'otorino Andrea Cimmino che ci ha parlato della delicatezza della patologia che puo' contribuire ad isolare l'individuo dal contesto sociale
Nostro servizio
  

Il controllo dell'udito è stato l'aspetto sanitario indagato quest'oggi dall'iniziativa assunta dal Rotary Club presieduto da Giovanni Cavuoto con "Le Domeniche della Salute".
Nonostante l'aria fredda e molto umida, sono stati in tanti i cittadini che hanno chiesto di essere visitati dall'otorino Andrea Cimmino che è stato assistito dall'audioprotesista Fabrizio Zamparelli.
Il tema, abbiamo convenuto con lo specialista Cimmino, è di grande rilevanza oltre che medica anche sociale perché la mancanza o la forte diminuzione dell'udito contribuisce fortemente ad isolare la gente ed a non renderla partecipe della vita di tutti i giorni.
E' proprio così ci ha risposto Cimmino.
Infatti, l'udito non a caso è una delle funzioni fondamentali nella relazione tra le persone perché ci consente una cosa importante: Sentire e capire ciò che vogliamo esprimere al nostro interlocutore.
Dunque, avere delle difficoltà da un punto di vista biologico, difficoltà che molte volte non solo di quantità ma anche di qualità dell'ascolto, ovviamente dà delle menomazioni di ordine sociale ancora prima di altre patologie che poi escono da questo contesto e che riguardano non solo e non tanto la protesica, ma patologie afferenti ad altre sfere ivi comprese quelle circolatorie, vascolari e neurologiche.
Stamane, nel camper medico attrezzato della Croce Rossa Italiana, che collabora con il Rotary in queste iniziative, facciamo degli screening sulla popolazione proprio per individuare le persone che dovessero avere la necessità di trattare in qualche modo le loro patologie audiologiche, sia da un punto di vista medico che protesico.
La valutazione che viene fatta è di natura quantitativa all'ascolto.
E' un primo input che ci consente di dire alla persone di fare attenzione e di indagare meglio la patologia.
C'è una età consigliata, abbiamo chiesto all'otorino, dalla quale bisogna cominciare a sottoporsi a visite otorine?
Pensi, ci ha risposto, che alla nascita c'è un esame che si fa con il refrattometro che serve addirittura per vedere se il bambino sente.
Questo significa che dalla nascita vi posso essere dei danni all'udito e quindi è dall'infanzia che bisogna avere conoscenza della quantità e della qualità del proprio udito.
Possiamo paragonare il calo della quantità dell'udito all'avanzare degli anni, abbiamo chiesto infine al dottor Andrea Cimmino?
Dicevano i latini, ci ha risposto, senectus ipse morbus che vuol dire che la vecchiaia è una malattia.
E' evidente che così come c'è un calo della vista ed un deterioramento delle altre funzioni, c'è anche quello dell'udito man mano che l'età avanza.
Sin qui il colloquio con l'otorino.
Il prossimo appuntamento con "Le Domeniche della Salute" è per il prossimo 21 gennaio allorquando si tratterà della prevenzione del glaucoma con l'oculista Lucia Zeppa.

Le foto sono di "Gazzetta di Benevento". Riproduzione vietata.

 

 

comunicato n.108084



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 149629963 / Informativa Privacy