Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 906 volte

Benevento, 13-11-2017 10:25 ____
Vincenzo Caldora, avvocato e dirigente sportivo, traccia un tenero ricordo di suo zio Sebastiano Di Filippo
E' deceduto a Pesaro venerdi' scorso. Ha vissuto molti anni qui a Benevento, prima di trasferirsi in numerose localita' per lavoro
Redazione
  

Vincenzo Caldora, avvocato e dirigente sportivo, traccia un tenero ricordo di suo zio Sebastiano Di Filippo (foto) deceduto a Pesaro venerdì scorso.
Ha vissuto molti anni qui a Benevento, prima di trasferirsi in numerose località per lavoro.
"Caro zio Seba - scrive - quando mi è giunto questo messaggio "nell'abituale scambio di pensieri... quotidiani all'insegna della serenità, confidavamo e speravamo in un altro epilogo.
Ma evidentemente le speranze terrene sono inevitabilmente sovrastate da ragioni e disegni superiori che sfuggono alla nostra capacità di comprensione.
A noi il compito di accettare e sopportare il dolore.
Costantemente. Il tempo poi ci darà ragione.
Degli affetti dati e di quelli ricevuti. Ritorneranno a noi i ricordi cari.
Testimonianze indelebili ed irrinunciabili di quegli affetti assoluti.
Ci accompagneranno. Ci terranno compagnia.
Ci sosterranno "ho realizzato compiutamente che non mi avresti più telefonato, scritto, parlato anche consigliato, anche rincuorato.
Quello che ora provo e proviamo tutti è un autentico dolore, perché con te va via un pezzo di vita felice", che Tu sempre ci hai regalato.
Per me venire da Te a Pesaro ha significato, gioia, vacanze, mare, divertimento.
Non sarà più così.
Solo chi non ti ha conosciuto non potrà mai nemmeno immaginare la Tua cultura, la tua preparazione che mi e ci portava a poter acquisire qualsiasi forma di conoscenza da un confronto con Te, sempre stimolante e costruttivo.
Sapevo che se avessi avuto dubbi anche sulle correnti pittoriche passate, tu mi avresti dato indicazioni circostanziate e vere.
Tu mi e ci hai insegnato che ogni giorno va vissuto con intensità, amore e forza.
A sorridere sempre, come Tu hai fatto fino agli ultimi istanti di vita terrena.
Hai posto sempre tra le priorità l'onestà, la correttezza, il rispetto del prossimo.
Hai offerto sempre la tua disponibilità con una signorilità e garbo a qualsiasi latitudine della penisola.
I ricordi delle Tue nipoti che hai continuato a chiamare "le ragazze" sono indelebilmente incise nel cuore. Tu lo zio prediletto che hai colmato di attenzioni, primo loro e poi anche i loro figli.
Sei stato esemplare, mai stanco di soddisfare ogni desiderio, anche non dichiarato delle tue amatissime Mariarosaria e Cinzia.
Sei stato un compagno di vita per la Tua Enza, indispensabile, attento e premuroso.
L'hai sempre sorretta nei difficilissimi momenti nei quali la malattia di Lei non ha mai minato il vostro rapporto fatto di confidenza, complicità, amore.
Hai desiderato una figlia.
Antonella è arrivata a darti gioia avendola desiderata tantissimo.
Caro zio Seba, ci ispireremo alla serenità del tuo volto ed al tuo sorriso intelligente, e come Te continueremo ad essere curiosi.
Sarai sempre presente nei nostri cuori.
Ah, dimenticavo... Grazie zio Seba".

comunicato n.107418



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 148035654 / Informativa Privacy