Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 2090 volte

Benevento, 08-10-2017 17:02 ____
Jean Pierre el Kozeh interviene sulla candidatura di Benevento a Capitale della Cultura 2020
Questo fatto non assolve l'assessore alla Cultura Oberdan Picucci dal fatto che questa sia l'ennesima occasione per la Citta' che ha sprecato
Nostro servizio
  

Il Ministero dei Beni Culturali ha accolto la domanda di Benevento che si è candidata quale capitale della cultura italiana per l'anno 2020.
Ecco un primo commento a questa notizia domenicale.
"La presentazione formale del dossier per la candidatura di Benevento a Capitale della Cultura 2020 - scrive Jean Pierre el Kozeh (foto), esponente del movimento poliico #laCittàdiTutti - non assolve l'assessore alla Cultura, Oberdan Picucci, dal fatto che questa sia l'ennesima occasione per la città che ha sprecato.
Gli consentirà, infatti, di fare qualche post autocelebrativo su Facebook con il quale raccogliere un paio di like o di rilasciare qualche dichiarazione mezzo stampa, ma conferma l'approccio autoreferenziale e dilettantesco con le quali affronta le questioni più rilevanti e strategiche della Cultura a Benevento.
Dal mio canto, non sprecherò ulteriori parole per provare a spiegargli cosa intendo, ma lo rimando a quelle utilizzate, durante la presentazione alla cittadinanza del dossier, da suoi tre colleghi operanti in tre realtà scelte a caso tra quelle partecipanti al bando e quelle di Gentiloni su Matera.
Federico Alagna di Messina ha dunque commentato: "ll documento non andrà sprecato: il dossier è anche un piano culturale strategico, condiviso e concordato da una pluralità di soggetti, che assorbe e accoglie, la pluralità di identità, spesso in contraddizione tra loro, di cui è fatta la nostra città.
Rita Barbetti, vicesindaco con delega alla cultura di Foligno, ha invece spiegato che "Il dossier è stato realizzato in sinergia con tante realtà del territorio".
Mentre a Belluno il sottosegretario ad Economia e Finanze, Pier Paolo Baretta, partecipando alla presentazione del dossier sulla candidatura presentato nella sede della Provincia, ha dichiarato: "Quando viene fatta una scelta di questo tipo si fa un salto di qualità, in quanto si pensa a una programmazione che tiene insieme una comunità che si presenta unita, con orgoglio".
Infine, Gentiloni su Matera: "Ha vinto la competizione perché ha fatto gioco di squadra ed è esattamente questo quello di cui abbiamo bisogno per investire, credere e scommettere sullo sviluppo e la crescita del Mezzogiorno senza negare la sua identità".
Picucci, evidentemente più interessato ad altra squadra rispetto a quella cui fa riferimento Gentiloni, perché non chiede a questo punto un cambio di delega?
Gli consentirebbe di seguire con ufficialità una passione per la quale mostra più interesse e competenza di quanto abbia per la Cultura e, soprattutto, non mi obbligherebbe a dover chiedere scusa a Del Vecchio che, a suo tempo, definì il peggior assessore alla Cultura che la Città di Benevento abbia avuto".

comunicato n.106416



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 145974991 / Informativa Privacy