Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 2583 volte

Benevento, 11-09-2017 08:37 ____
Fausto Pepe replica al commento fatto da "Gazzetta" a proposito del suo dissenso riguardo la intitolazione della Colonia a Cossiga
La intitolazione dello Stadio a Ciro Vigorito ha tutt'altra origine, dice l'ex sindaco
Redazione
  

Fausto Pepe (foto) replica al commento fatto da "Gazzetta" a proposito del suo dissenso riguardo la intitolazione, da parte della Giunta Mastella, della ex Colonia Elioterapica che ora si chiama Colonia "Francesco Cossiga".
Noi in pratica abbiamo scritto che chi ha rotto il fronte delle intitolazioni a personaggi locali, sia stato proprio lui, Pepe, con l'intitolazione dello Stadio alla memoria di Ciro Vigorito.
Ecco ora la replica di Pepe.
"Direttore le scrivo queste poche righe per chiarire alcune questioni, avendo letto il commento al mio articolo sulla volontà d'intitolare a Francesco Cossiga la Colonia Elioterapica del Rione Ferrovia.
Invero, non ritengo che la intitolazione dello Stadio comunale di Benevento a Ciro Vigorito, sia  minimamente paragonabile a quanto accaduto alla Colonia Elioterapica.
Ciro Vigorito è stato un giornalista ed un uomo di sport molto apprezzato ovunque, che ha operato tantissimo nella nostra Città, specialmente a supporto del settore giovanile del Benevento Calcio, che oggi è una realtà di tutto rispetto sul piano nazionale.
Non dimentichiamo poi, che la famiglia Vigorito, in special modo il fratello Oreste, è un imprenditore presente nel beneventano in maniera massiccia oltre che il presidente, da 11 anni della nostra squadra di calcio che oggi milita addirittura in Serie A e che il fratello Ciro, fino alla sua dolorosa scomparsa, né è stato l’amministratore.
Per onore della verità, quando intestammo lo stadio a Ciro Vigorito, il compianto Carmelo Imbriani era in vita, ahimè morì dopo qualche tempo e gli intestammo l'Antistadio con cerimonia pubblica.
Così come qualche anno prima facemmo per la storica palestra “Mazzini” che tutti sanno oggi esserepalestra "Amato", in onore di un giovane beneventano, operatore della pallavolo in Città, prematuramente scomparso.
Difendo, quindi, tutte le scelte della mia amministrazione anche in questo settore, specialmente rispetto a quelli che non hanno "memoria".
Condanno senza appello invece l'intestazione a Francesco Cossiga della Colonia Elioterapica, perché non ricordo nulla che questo politico scomparso abbia fatto per la nostra Benevento e rilancio, ricordando ai nostri sportivi, che nel mondo della scherma avremmo personaggi locali di tutto rispetto da ricordare a futura memoria, scomparsi di recente".
Brevemente una piccola risposta anche da parte nostra.
Premesso che particolari figure istituzionali, come può essere un presidente della Repubblica, non hanno bisogno di particolari legami con il territorio perché al territorio medesimo sono legate per antonomasia: E' il presidente della Repubblica.
Che poi questa sia stata una scelta personale del sindaco Mastella che ha intitolato l'edificio ad un suo amico di vecchia data, non vi è alcuna ombra di dubbio ma ricordiamo anche che Mastella, che oggi è sindaco della città, è stato ai vertici della Repubblica e quindi queste erano le sue frequentazioni e queste le sue intitolazioni".
Sin qui Pepe.
Sulla vicenda della intitolazione dello Stadio la disputa, come Pepe ricorderà, è antica e mai sopita anche perché in quel caso c'erano certamente altri personaggi beneventani che avrebbero meritato di essere ricordati alle nuove generazioni come coloro che hanno mantenuto in vita il Calcio a Benevento.
Si è fatta una scelta, quella di Ciro Vigorito, che ovviamente tutti rispettano e ci mancherebbe altro, ma che non tutti approvano e si è andati avanti.
Anche lui, come sindaco della città dell'epoca, ha scelto.
Proprio come ha fatto Mastella.
Concordiamo, infine, con Pepe, riguardo il garbo istituzionale mancato, quello di invitare alla inaugurazione il capo dell'Amministrazione che quell'operra pubblica ha voluto e realizzao e cioè lo stesso Pepe.
Questo lo abbiamo scritto, in solitario pensiero, nella cronaca dell'evento.

comunicato n.105570



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 148258015 / Informativa Privacy