Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1060 volte

Benevento, 10-08-2017 13:09 ____
Centinaia di post sui social network, sondaggi, satira a volonta', editoriali. Non si e' mai parlato cosi' tanto di Citta' Spettacolo
Oberdan Picucci, l'assessore alla Cultura, che non disdegna neanche di essere definito nazionalpopolare, se questo termine non e' usato in senso dispregiativo e se con esso si indica che le proposte sono rivolte a tutti...
Nostro servizio
  

Centinaia di post sui social network, sondaggi, satira a volontà, editoriali.
Non si è mai parlato così tanto di Citta Spettacolo.
Oggettivamente, è l'argomento di discussione del momento, insieme alla campagna acquisiti e abbonamenti del Benevento Calcio.
Insomma, in maniera innegabile, il fatto che una rassegna, che negli ultimi anni era diventata un qualcosa di scarsamente percepito in città, oggi desti tanta curiosità, è sicuramente già una vittoria, senza dimenticare che il dibattito una volta partito non ha confini geografici, desta curiosità e la curiosità è un buon motivo per venire a Benevento e seguire il Festival.
Per cui, più se ne parla è meglio è.
Questa è la sintesi di quanto sin qui affermato dall'assessore alla Cultura del Comune di Benevento Oberdan Picucci (foto) con cui, prima della pausa per il Ferragosto, abbiamo svolto una breve chiacchierata.

L'accusa che le viene mossa è che siamo in presenza di un Festival troppo "nazional popolare"...
Chi parla di mancanza di visione culturale nella programmazione, non ricorda che l'Assessorato ha posto in cantiere una serie d'iniziative variegate e che certamente non possono essere annoverate solo nel campo dell'intrattenimento.
Il Premio Strega nella innovativa location dell'Arco di Traiano, un po' come per quanto riguarda Città Spettacolo, era diventato un evento scarsamente percepito, per pochi addetti ai lavori.
Quest'anno, celebrato all'aperto, davanti all'Arco di Traiano, è stato oggetto di discussione e di dibattito, insomma è stato un evento culturale per la prima volta percepito come proprio da tutta la comunità.

Al Teatro Romano ha fatto una rapida comparsa anche la Lirica...
E' vero, con Il Rigoletto di qualche settimana fa, dopo diversi anni, è tornata la lirica al Teatro Romano in un evento organizzato dal Comune.
Il Bct, Festival del Cinema e della Tv ha rappresentato un evento importante ed innovativo su cui lavorare per renderlo ancora più di rilevanza nazionale. Per il prossimo autunno e per Natale altre iniziative sono in cantiere.
Non si ricorda negli ultimi anni un fervore amministrativo di tale portata nel settore.

Taluni paragonano talune proposte alle trasmissioni di Pippo Baudo.
Si parla con concezione dispregiativa di visione nazionalpopolare, anche se in verità è un gruppo molto limitato che contesta tale impostazione.
Se nazionalpopolare significa immaginare eventi che possano essere diffusamente percepiti dalla propria comunità, che per la portata dèstino curiosità ed attenzione mediatica, che possano intercettare presenze da fuori, che possano contribuire ad arrecare benefici al commercio e quindi all'economia locale, siamo convintamente nazionalpopolari.
La Cultura la intendo come un universo variegato e pertanto l'offerta deve essere variegata e fruibile da quante più persone possibili, ecco perché nella visione culturale dell'Amministrazione si spazia dal Rigoletto a Fabrizio Moro, da Jerry Calà ai concerti del Conservatorio, da Arbore agli spettacoli di Teatro.
Tutto è cultura e soprattutto tutti hanno diritto a vedere assecondati i propri gusti.

comunicato n.104871



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 145743610 / Informativa Privacy