Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 196 volte

Benevento, 16-04-2019 10:40 ____
Questa Amministrazione comunale e' tempestiva nell'applicazione dell'allerta meteo mentre sulla vicenda acqua continua a discutere a mezzo comunicati
L'eventuale presenza di inquinanti, come il tetracloroetilene e il triclorometano, che hanno superato in molti casi i valori consentiti, e' di importanza assoluta e non puo' essere trattata al pari della segnalazione di una buca
Redazione
  

Vittoria Principe, esponente del Partito Democratico, interviene anche lei sulla questione relativa alla qualità dell'acqua in città.
"Questa Amministrazione comunale - scrive - è così tempestiva nell'applicazione dell'allerta meteo con chiusura delle scuole e luoghi pubblici, mentre sulla vicenda acqua continua a discutere a mezzo comunicati stampa come se il problema fosse meno importante del vento.
Ed invece, l'eventuale presenza di inquinanti, come il tetracloroetilene e il triclorometano, che hanno superato in molti casi i valori consentiti (almeno così una parte comunica) nelle acque che forniscono gran parte degli  abitanti della città, compresi bambini ed anziani, è di importanza assoluta e non può essere trattato al pari della segnalazione di una buca o di un sacchetto di immondizia rinvenuto a terra.
Va precisato e non deve passare come una mera considerazione politiche che, il tetracloroetilene è un probabile cancerogeno inserito nel gruppo 2A e cioè alcuni suoi metaboliti sono genotossici e qundi cancerogeni per l'uomo coinvolgendo fegato, reni, sitema nervoso centrale e tessuti adiposi.
Si è creato un vortice di notizie a rimbalzo, tra il Comune, la Gesesa, l'Arpac, la Provincia e l'Associazione Altrabenevento che ha lanciato l'allarme basato su dati oggettivi, creando una sorta di intrigo, un giallo degno delle migliori firme noir.
Il Comune conferisce incarico esterno per verificare se i livelli sono nella norma ed inoltre, attraverso un bando, affida la bonifica del sito ad una società esterna, la Gesesa annuncia che i livelli sono stati sforati, l'Arpac conferma che il tetracloroetilene ha superato la soglia consentita ed annuncia una indagine sui pozzi, la Provincia, Servizio Gestione Integrata Risorse Idriche Ecologia, interviene sulla questione.
Insomma una confusione dove anche gli esperti della materia non riescono più a districarsi.
Un dato è certo: la politica con i suoi amministratori pro tempore, non può e non deve affidare le risposte, vista l'importanza del caso, a comunicati stampa di scarsa rilevanza in quanto non raggiungono gli obiettivi forse sperati di comunicazione.
Sarebbe opportuno, carte alla mano, chiarire ogni aspetto senza spocchia e senza nessun diritto di proprietà.
E' in ballo, se i dati sono veri, la salute ed un'amministrazione è tenuta alla salvaguardia della salute dei propri cittadini.
Il sindaco Mastella, come dicevamo in apertura, celere nella chiusura delle scuole, sia tempestivo e prudente, chiuda questi pozzi momentaneamente, accerti i dati di contaminazione e poi decida.
I cittadini hanno il diritto di sapere e gli amministratori il dovere d'informare.
Pertanto, rivolgiamo un appello non solo alla società civile per una forte mobilitazione, ma anche tutti quei medici nello specifico oncologi, che si battono quotidianamente per salvare vite umane".

comunicato n.121595




SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 185677985 / Informativa Privacy