Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1662 volte

Benevento, 14-04-2019 12:38 ____
Sandra Lonardo firma la petizione per destituire dall'incarico il direttore generale dell'Azienda San Pio. Intervengano i Carabinieri dei Nas
Lo stato indecoroso in cui e' l'Ospedale "Rummo" richiede una risposta anche dalla magistratura. Il ministro della Salute alzi il suo culettino dalla sedia e venga a fare una visita ispettiva non programmata, magari di notte...
Nostro servizio
  

Anche la senatrice Sandra Lonardo ha apposto la sua firma sui fogli della petizione, voluta dall'Associazione "Io x Benevento" del presidente Giuseppe Schipani, per chiedere la destituzione dall'incarico del direttore generale dell'Azienda Ospedaliera "San Pio", Renato Pizzuti, e del direttore amministrativo della stessa struttura, Alberto Pagliafora.
Per rispondere al giornalista di "Gazzetta" che non sa per quale motivo venga chiesta addirittura la sua destituzione, vuol dire che il direttore generale Pizzuti sta comodamente seduto nei suoi uffici e non va nemmeno in giro nei suoi reparti.
Credo che bisogna innanzitutto cambiare la norma che sollecita il risparmio della spesa perché così vengono incentivati gli stipendi dei dirigenti.
Questa è una cosa allucinante ed io non la condivido.
Se andiamo all'Ospedale "Rummo" ed io al riguardo ho tutto un reportage fotografico che ho fatto l'altro giorno andando a fare visita a delle persone, notiamo che all'ingresso proprio della sala di cura intensiva, troviamo muri con intonaco abbattuto, fonte questo di presenza di germi infettivi e fa anche capire che non ci sia una cura della struttura e soprattutto che non viene tenuta da conto l'igiene.
Su questo io chiamo a scendere in campo sia la magistratura che i Carabinieri dei Nas.
Se ci si reca in un'azienda di un normale imprenditore, si fa anche la prova con il dito per verificare se ci sia la polvere.
Qui stiamo in un Ospedale e non vanno i Nas.
Ed allora mi chiedo: Hanno mai fatto una relazione al riguardo?
Mi appello alla magistratura affinché controlli tutto ciò perché siamo oramai giunti ad un livello insopportabile.
Qui non si tratta di attaccare la persona Pizzuti, con cui peraltro non ho alcun rapporto di conoscenza, ma vedo dall'esterno quello che all'interno c'è.
Qui il senatore Lonardo ci ha mostrato dal suo telefonino, assieme a tante altre, la foto di un paziente che ha avuto una profonda cicatrice lungo il collo causata da una mascherina che non era della propria taglia.
Questo è un caso serio, ha detto Lonardo.
Ma chi deve supportare l'attività dei medici?
Certamente una buona amministrazione e se non ci sono nemmeno le taglie delle mascherine adeguate provocando una lesione così evidente al paziente, allora mi dico: Qui qualcosa non funziona.
Al commissario alla Sanità, Vincenzo De Luca, viene evidentemente raccontato altro e lui ci crede.
Non sono io, come egli dice, a fare demagogia ma la fa lui perché se ci tiene veramente al nostro territorio ed al nostro Ospedale, agisca di conseguenza.
Ci maltrattano da sempre perché siamo una provincia piccolina, quanto un quartiere di Napoli, questa è la verità.
Contiamo poco da un punto di vista elettorale.
Al ministro della Salute, ha proseguito il senatore Lonardo, chiedo risposte altrettanto puntuali.
Ho fatto cinque interrogazioni a cui non ha mai risposto.
Martedì prossimo ne farò un'altra.
A lei chiedo una deroga alla macro area facendo rimanere il lea di II livello per l'Ospedale "Rummo" e poi chiedo ancora perché non si danno all'Ospedale i fondi che dovrebbe avere e per quale mofivo vanno via tanti medici e perché non manda ispezioni?
Le mie sono domande precise, ma sono rimaste senza risposta.
Occorre che i cittadini faccianio lo sciopero della fame per avere l'attenzione del ministro?
Io credo che tutto ciò sia veramente molto grave.
Nessuno, nemmeno il ministro alza il suo culettino dalla sedia per venire a fare una visita seria che non sia una di quelle preparate.
Vada nell'ospedale senza preavviso, magari di notte, a vedere quello che succede.
A me è capitato di andare al pronto soccorso ed ho visto una cosa allucinante, impraticabile.
E qui, attenzione, non è una lotta né contro i medici né contro gli infermieri che fanno quello che possono.
Quella sera al pronto soccorso per la tanta gente che aspettava occorrevano almeno 7 o 8 medici ed invece ce n'era uno solo.
Se di tutto questo la colpa è di De Luca non capisco perchè il Governo non lo abbia ancora sostituito ed a chi aspettano i quattro parlamentari del Movimento 5 Stelle del Sannio a far sentire con forza la propria voce.

Le foto sono di "Gazzetta di Benevento". Riproduzione vietata.

 

comunicato n.121557




SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 196994139 / Informativa Privacy